Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Età della pietra o del legno?  Una scoperta sorprendente rivela segreti inaspettati della preistoria

Età della pietra o del legno? Una scoperta sorprendente rivela segreti inaspettati della preistoria

Dettagli di lance e bastoni da caccia di circa 300.000 anni fa. (Amministrazione del patrimonio culturale della Bassa Sassonia tramite The New York Times)

Nel 1836, Christian Jorgensen Thompsonun antiquario danese, diede per primo alcuni ordini chiari a Preistorico Quando è stato suggerito che i primi esseri umani vivessero in Europa Tre fasi dello sviluppo tecnologico Ciò si è riflesso nella produzione di strumenti. Questa cronologia di base, età della pietra, Età del bronzo E Età del ferroè ora la base archeologia Dalla maggior parte del mondo antico (e dai cartoni animati, ad es Flinstones E I Croods).

Thomsen avrebbe potuto sostituire l’età della pietra con l’età del legno, dice Thomas Terbergerarcheologo e direttore di ricerca presso il Dipartimento dei Beni Culturali della Bassa Sassonia, Germania.

«Forse possiamo presumerlo Strumenti di legno Ha detto: “Esiste da tanto tempo quanto quella pietra, cioè tra due milioni e mezzo e tre milioni di anni”. “Ma poiché il legno si deteriora e non sopravvive mai, esiste un pregiudizio di conservazione che distorce la nostra visione dell’antichità”.

Tradizionalmente, Strumenti primitivi di pietra Questo periodo è stato segnato Paleolitico inferioreChe si estendeva da 2,7 milioni di anni fa a 200.000 anni fa. Delle migliaia di siti archeologici collegabili a quell’epoca, il legno è stato ritrovato in meno di dieci.

Uomini paleolitici, 250.000 anni fa (Foto di Culture Club/Getty Images) ***Commento locale***

Terberger ha condotto uno studio pubblicato il mese scorso su Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze Che è stato fornito Il primo rapporto completo sugli oggetti in legno È stato scavato tra il 1994 e il 2008 nella torba di una miniera di carbone a cielo aperto vicino a Schöningen, nel nord della Germania.

Oggetti di valore inclusi 24 lance intere o divise (ciascuno lungo all’incirca quanto un centro NBA) e canne da pesca a doppia estremità (metà della lunghezza di una stecca da biliardo), ma niente ossa umane.

READ  Qual è la modalità companion e qual è il suo scopo, la nuova funzione in WhatsApp

Questi organismi risalgono alla fine del periodo interglaciale temperato, 300.000 anni fa, all’incirca quando Il primo uomo di Neanderthal Stavano sostituendo Homo heidelbergensis, il suo immediato predecessore in Europa. I proiettili scoperti nel sito di Schöningen, noto come Spear Horizon, sono considerati… Le più antiche armi da caccia sono ancora conservate.

Le specie precedenti all’Homo sapiens costruivano armi di legno per cacciare animali di grandi dimensioni (foto di Culture Club/Getty Images) ***Commento locale***

A metà degli anni ’90, la scoperta di tre lance, insieme ad alcuni strumenti di pietra e ai resti di 10 cavalli selvaggi, cambiò le idee prevalenti sulla Intelligenza, Interazione sociale E Abilità nella realizzazione di utensili Dei nostri antenati umani estinti. A quel tempo, il consenso scientifico era che gli esseri umani fossero semplici raccoglitori che sopravvivevano di mera sussistenza fino a circa 40.000 anni fa.

“Il fatto è che queste specie prima Homo sapiens “Hanno creato strumenti e armi per cacciare grandi prede”, ha detto Terberger. “Non solo comunicavano per sottomettere la preda, ma avevano anche un metodo Abbastanza sofisticato per organizzare, affettare e arrostire quella preda“.

Il nuovo studio, iniziato nel 2021, consisteva in un esame Più di 700 pezzi in legno da Spear Horizon, gran parte del quale è stato conservato negli ultimi due decenni in secchi congelati di acqua distillata per simulare i sedimenti saturi d’acqua che li proteggevano dalla decomposizione.

durante Microscopia 3D e tomografia computerizzata Evidenziando alcuni segni di usura o segni di taglio, i ricercatori hanno identificato 187 pezzi di legno con evidenza di essere separati in schegge, graffi o escoriazioni.

Per gli archeologi, le lance di legno rinvenute rivelano che venivano usate per cacciare animali di grandi dimensioni (Foto per gentile concessione dell’UCM. Autore: Jesús Gamarra/EFE)

“Finora, Si ritiene che separare il legno in parti sia una pratica praticata solo dagli esseri umani moderni“Spiega Dirk Leder, un altro archeologo della Bassa Sassonia e autore principale dell’articolo.

READ  La salute dell'autore non è migliorata HUNTER x HUNTER - Kudasai

Oltre alle armi, il set incluso 35 manufatti rotondi e appuntiti Che molto probabilmente venivano utilizzati per attività domestiche come perforare e ammorbidire le pelli. Sono tutti scolpiti in abete rosso, pino o larice, che sono “legni duri ma anche flessibili”, ha detto. Latte d’animeAntropologo Università di Reading, che hanno collaborato al progetto.

Poiché sulle rive del lago in cui si trovava il sito non c’erano abeti rossi o pini, il gruppo di ricerca ha concluso che gli alberi erano stati abbattuti su una montagna a tre o cinque chilometri dal sito o forse più lontano.

I progetti di lavorazione del legno intrapresi dagli antenati dell’Homo sapiens avevano un ordine fisso e venivano attentamente pensati (iStock)

Un esame dettagliato delle lance ha indicato che era durante età della pietraI piani di queste persone Progetti di carpenteria attentamente ed eseguiti in un ordine coerente: Raschiare la corteccia, togliere i rami, affilare la punta della lancia e misurare la legna nel fuoco. “Gli strumenti di legno avevano un livello di sofisticazione tecnologica più elevato di quello che normalmente vediamo negli strumenti di pietra di quell’epoca”, ha spiegato Leder.

Con una sola eccezione, le lance erano ricavate dal tronco di un abete rosso a crescita lenta, modellate e bilanciate allo stesso modo di una lancia moderna, con il baricentro situato al centro dell’asta.

La domanda che rimane è se siano progettati per essere lanciati o per essere scaglionati. “Le lance erano fatte di legno denso e avevano un diametro spesso”, ha osservato Melkes. “Secondo me, questo sembra suggerire che gli esseri umani che li hanno realizzati potrebbero aver progettato intenzionalmente – almeno alcuni di essi – tali Armi a caccia“.

I ricercatori affermano che i test di fuoco dimostrano l’efficacia delle lance antiche come proiettili (iStock)

Per testare la balistica esterna delle lance, si è avvalso dell’aiuto di sei uomini addestrati come lanciatori di giavellotto, di età compresa tra 18 e 34 anni, ai quali è stato chiesto di lanciare repliche contro fasci di paglia da diverse distanze.

READ  Solo la mente più brillante può trovare la parola "vacante" in meno di 10 secondi

“La mia idea era quella di chiedere aiuto a persone che erano più capaci di farlo rispetto agli archeologi, perché fino a quel momento avevamo fatto esperimenti solo con molte persone che erano… archeologi”, ha detto Milks, aggiungendo: “Antropologi perché non sono molto adatti a questo.”

Da una distanza di 10 metri, i Neanderthal colpivano il bersaglio il 25% delle volte. Gli atleti hanno ottenuto la stessa precisione a 15 metri e leggermente inferiore (17%) a 20 metri. “In entrambi i casi, la portata era doppia rispetto a quella che gli scienziati stimavano che queste lance fossero usate per la caccia”, ha detto Milks.

Secondo te, L’idea che i nostri antenati dell’età della pietra fossero artigiani li umanizza. “La lavorazione del legno richiede tempo, anche se sei bravo”, ha detto. “Il processo consiste in molti passaggi diversi.”

Immagina un gruppo di Neanderthal riuniti attorno a un fuoco da campo, che assemblano, levigano e riparano i loro oggetti in legno. “Sembra tutto così vicino, in qualche modo, anche se è passato così tanto tempo”, notò tristemente.

©New York Times 2024