Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Esercizio di contrasto

Esercizio di contrasto

Ne parlo nel mio libro “Io e il mio ambiente”. Esercizio di contrasto.

Non sto parlando dell'inquinamento dell'acqua e dell'aria, ma di quello Ognuno di noi come ambiente.


Io sono l'ambiente e tu sei l'ambiente e noi e tu siamo l'ambiente. Siamo natura. Siamo influenzati da ciò che accade intorno a noi e allo stesso tempo influenziamo gli altri. Non conosciamo l’impatto positivo o negativo delle nostre azioni. Che siano gesti, parole o silenzi. Può raggiungere luoghi inaspettati, proprio come una brezza o un vento estivo.

Poiché siamo natura, Abbiamo corsi. Tendiamo a non registrarli o a rifiutarli.

I cicli degli alberi, ad esempio, mostrano chiaramente questo movimento. Perde le foglie in autunno e in inverno, si protegge, si nutre del terreno e mostra i suoi frutti e la sua forza in primavera e in estate.

Non ostentano costantemente la loro bellezza e non portano costantemente frutto. L'attesa è necessaria.

Essendo un talento naturale, ammetto che mi è difficile rispettare quei tempi. La mia umanità ansiosa pretende sempre di più da me. Ma un giorno arrivò per le cure.


Tu dirai… Come si salta da un albero per affrontare? Sorridendo, te lo dico… Lascia che ti spieghi.

l'ho trovato Organizzare l'elaborazione è un esercizio attraverso il quale posso incontrare la mia naturaO almeno certi ritmi.

Quando inizio è sicuramente per necessità. Un cambio di stagione, un viaggio o diversi giorni di lavoro intenso hanno lasciato i miei vestiti in disordine. Questo è il mio primo segno. Com'è il mio guardaroba? Se è disordinato, probabilmente lo sarò anch'io.

Mentre la stagione cambia guardo i vestiti. Quelli che amo ancora, quelli che hanno bisogno di essere riparati, quelli che voglio, ma che non uso più e di cui non riesco a pensare di sbarazzarmi, e quelli di cui vorrei sbarazzarmi, ma non posso. Qualcosa mi sta fermando. Cose che voglio regalare a qualcuno di speciale, quelle che sono state ereditate, ecc.

READ  Il medico che si batte per la depenalizzazione del consumo di marijuana

Questo esercizio interno mi porta alle mie connessioni. Che rapporto ho con ognuno di loro?

I legami sono la nostra famiglia e ciascuno dei suoi membri, gli amici, i vicini, i conoscenti, il nostro partner e il nostro lavoro. E così fanno i nostri animali domestici e tutto ciò con cui scambiamo la situazione.

Nel libro condivido anche alcune domande: Seleziono ogni collegamento? Perché lo porto? Accetto e noto che ci sono modifiche? Vuoi lasciarlo? Come posso migliorarlo? Dovrei rivederlo? Possiamo porci molte domande su ciascun collegamento…

Se osiamo mettere in discussione noi stessi e dare spazio interiore naturale, sì Se la risposta arriva dall’anima, e riusciamo a spegnere le antenne per ascoltare noi stessi, saremo più vicini alla salute mentale.

Assumersi la responsabilità di scegliere o mantenere diversi tipi di connessioni in un tipo di relazione È sentirsi gli eroi della nostra vita.

Lui dice: ““Cosa vuoi che faccia se… lui non vuole o non me lo permette?” Probabilmente rimarrà in una posizione di vittima o infantile.


Essere adulti significa, tra le altre cose, Organizza l'armadio da solo.

Come diciamo sostanzialmente: “L'ambiente siamo noi” Prendiamoci cura di noi stessi.

Laura Colavini ex studentessa

psicologia. Presidente della Fondazione Esistenza.

laucollavini@gmail.com