Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Episodi chiari: perché è importante considerare il potenziale cognitivo delle persone con demenza

Episodi chiari: perché è importante considerare il potenziale cognitivo delle persone con demenza

Gli attacchi apparenti sono definiti come momenti di comunicazione inaspettata, spontanea e coerente, verbalmente o tramite gesti, in persone considerate incapaci di interazioni significative a causa della demenza (Illustrazione: Infobae)

Un recente studio della Mayo Clinic, pubblicato su Morbo di Alzheimer e demenza: Journal of the Alzheimer's Associationhanno esaminato gli episodi evidenti nelle persone con stadi avanzati di demenza e hanno fornito informazioni su come si manifestano.

I risultati lo hanno dimostrato 75% di persone con episodi chiari sono stati segnalati Il morbo di Alzheimer Rispetto ad altre forme di Demenza.

I ricercatori determinano Anelli trasparenti Come comunicazioni inaspettate, spontanee, significative e rilevanti da parte di qualcuno che presumibilmente ha perso definitivamente la capacità di farlo Interazioni coesiveSia verbalmente che attraverso gesti e azioni.

IL Badanti familiari Le persone affette da demenza sono state intervistate e hanno chiesto informazioni sugli attacchi apparenti. I ricercatori li hanno poi classificati in diverse tipologie.

In contrasto con la ricerca precedente, questo studio suggerisce che le crisi epilettiche pronunciate non indicano necessariamente la morte imminente, ampliando la comprensione della sua natura e delle circostanze.

Lo studio mirava a determinare se esiste Modelli Oppure diversi tipi di episodi chiari che possono essere utilizzati per capire perché o quando si verificano.

“Definiamo le tipologie in base alle circostanze dell'episodio, alla qualità della comunicazione durante l'evento, alla sua durata e al livello di comunicazione conoscenza Il medico ha detto: “Chi soffre di demenza prima dell’attacco e vicino alla morte”. Giovanna Griffin, autore principale dello studio. I risultati hanno mostrato che coloro che avevano avuto convulsioni gravi, Il 61% di loro sono donnecon il 31% che vive nella stessa famiglia della badante che ha risposto al sondaggio.

READ  Il benessere emotivo è un diritto dell'infanzia

“Sappiamo che si verificano queste crisi convulsive distinte, ma non sapevamo se esistono diversi tipi di crisi che si verificano in momenti o circostanze diversi”, ha detto il dottor Griffin. “Questo studio probabilmente ha contribuito a chiarirlo Esistono diversi tipi di anelli“Ha aggiunto.

In contrasto con i risultati della ricerca precedente, le conclusioni di questo studio mettono in discussione l’idea che gli anelli chiari possano indicare A morte imminente.

I ricercatori hanno classificato gli episodi apparenti in base a circostanze specifiche, tipo di comunicazione, durata, livello di cognizione prima dell’episodio e vicinanza alla morte dell’individuo – (illustrazione)

“È importante che la gente lo sappia Non è necessariamente un presagio di morte.Ha detto il dottor Griffin. “Penso che le persone possano diventare ansiose quando accadono, quindi è bello sapere che esistono diversi tipi di convulsioni che non significano necessariamente che la morte sia imminente”, ha aggiunto.

Il dottor Griffin ha indicato che i ricercatori stanno ora conducendo un Studio longitudinale Comprendere meglio gli episodi evidenti e il modo in cui i caregiver reagiscono ad essi e trovano in essi un significato.

Gli studi longitudinali consentono ai ricercatori di tenere traccia dei cambiamenti o Comportamenti Nel tempo e identificare eventuali relazioni tra questi cambiamenti. “Con questo nuovo studio saremo in grado di comprendere meglio i modelli esistenti e determinare le conseguenze di una crisi nel tempo”, ha spiegato il dottor Griffin.

Il dottor Griffin ha sottolineato la necessità di comprendere questi episodi per aiutare gli operatori sanitari nel loro lavoro e ricordarli Potenziale cognitivo ed emotivo Di persone che vivono con demenza.

La ricerca evidenzia l’importanza di comprendere questi eventi per supportare gli operatori sanitari, suggerendo che la loro conoscenza può alleviare parte del carico emotivo e cognitivo coinvolto nella cura delle persone affette da demenza (Getty)

“Chi si prende cura di persone affette da demenza deve affrontare una lunga lista di sfide, e può essere travolgente”, ha detto il dottor Griffin, aggiungendo: “Comprendere questi episodi può aiutare ad alleviare questo peso”.

READ  La Cardiology Society and Health sta lavorando per aumentare la consapevolezza delle malattie cardiovascolari nelle donne

“Nelle nostre ricerche e nelle storie dei caregiver abbiamo scoperto che questi tipi di episodi cambiano il modo in cui interagiscono e supportano i loro cari, e di solito in meglio”, ha aggiunto. “Questi eventi possono servire a ricordare che l’assistenza è impegnativa, ma possiamo sempre provare a fornire assistenza con maggiore attenzione”. Umanità e grazia“, ha evidenziato.

*Il Centro Robert D. E Patrizia E. Cairn Health Care Delivery Sciences presso la Mayo Clinic ha supportato questa ricerca. Il Centro collabora con le aree cliniche della Mayo Clinic per creare e valutare soluzioni basate sui dati per trasformare l'esperienza sanitaria e assistenziale per pazienti, dipendenti e comunità. Guida il miglioramento continuo della Mayo Clinic come sistema sanitario didattico, consentendo sempre cure sicure, basate sull'evidenza e di alta qualità.