Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Enrique Siemens, scrittore e giornalista “da questo sporco sito” è morto |  Avevo 77 anni

Enrique Siemens, scrittore e giornalista “da questo sporco sito” è morto | Avevo 77 anni

Questo è stato scritto due anni fa Enrico Siemens: “Il mio corpo, come il legno secco e scricchiolante di una vecchia nave, è così vicino a riposare sull’ultima riva.” Con un testo bello e triste, saluta la sua presenza e i suoi lettori. La frase è la prima frase dell’introduzione a un’edizione speciale di Mythic Maiali e pescitornato per un solo numero nel febbraio 2021. Il giornalista e scrittore è morto giovedì alle 77 anni. Sarà ricordato come l’ultimo dannato. Una penna irriverente, sconfinante, che ha fatto spazio ai margini quando nessun altro lo faceva. Come standard per una sorta di giornalismo trasgressivo di cui rimangono solo scorci, un tributo.

La fine di Enrique è stata annunciata. Quell’editoriale, pubblicato tempo fa, lo dimostra. È noto che sbaglia da molto tempo. Fondatore del maiali È stato Monologo di Patricio Ray e Redonditos de Ricota E Esponente di Gonzo Press nel paese. UN diabete “selvaggio”. – SMS per te… Il fatto che gli fosse stata diagnosticata nell’estate del 2001 lo ha punito per tutti questi anni. Gli eccessi – cocaina e alcol – non hanno aiutato. Non ci sarà alcun risveglio La sua morte è stata confermata dal giornalista Sebastian Duarte, uno dei suoi amici. Coloro che lo conoscevano bene dicono che era fisicamente in pessime condizioni, sebbene fosse ancora articolato e verbalmente acuto.

In un’intervista con Rivista NaNnel 2011, Ripubblicato da Citric Magazine, questo storico e Facundo hanno detto a Gary di averlo portato “da Prievo” all’ospedale – nel 2001 – dopo che aveva vomitato per 24 ore. “Prima avevo una verità, una certezza: perdersi è la strada migliore. L’uomo ribelle è sempre illuminatoguidato dall’identità dell’inconscio, dalle stelle dell’universo infinito che è esso stesso. Sempre, nei momenti peggiori della mia vita, dentro la prigione, sul punto di spararmi o quando una donna mi abbandona, lascio quella vita e ne inizio un’altra. Ho avuto molto. Ma questa volta sembra essere finita“Ha detto che voleva morire urlando come suo padre è morto in piazza, fuggendo dall’essere portato in ospedale. Enrique è morto anche nella sua legge. E a casa. E si è rifiutato di andare in ospedale anche se lo fosse. Solo fino a quando ha finito i suoi giorni costretto a letto a guardare le soap opera.

“Tamburi della battaglia finale” Questo si chiama il suo addio. Prima pagina di 152. Copia spessa. Caratteri neri su sfondo bianco. “Il viaggio costante che era la mia vita sarebbe presto finito. Quello da cui sono sempre scappato mi ha finalmente trovato. non sono spaventato (…). Diversi anni fa ho smesso di muovermi e, attraverso questa immobilità, ho iniziato a lasciarmi andare. E ora, quando il fetore pungente dell’abisso è tutto ciò che mi perseguita, brindiamo o imprechiamo?Lo scrivente si chiedeva come sarebbe stata la sua vita senza eccessi, senza ricerca del pericolo. il significato di ‘lampeggia’.” determinato strada “Rafiqa”, anche se si rese conto che ognuno di loro aveva seguito il proprio corso per un po’ di tempo. Ha ammesso di aver avuto una “lunga notte” in cui non riusciva a dormire.

READ  Los Fantasmas ha vinto il premio come miglior lungometraggio al Festival Internazionale del Cortometraggio 2020 in Italia

“brucia e vai” Scritta in quarta di copertina, Enrique è raffigurato con una delle maglie scozzesi che indossava. un viso molto rugoso, con un po’ di capelli d’argento sui lati; Si acciglia. Non voleva “rianimare” maiali; Non tardai a tornare. “L’ho chiamata perché finalmente mi lasciasse andare. Questa rivista, che ha fondato nel 1983, è stata una parte molto importante della sua vita.

È nato il 22 dicembre 1945 a Lanus e ha trascorso la sua infanzia a Monte Grande, un sobborgo sud di Buenos Aires. Diceva di non essere mai stato alle elementari – siccome si è costruito una personalità, diventa difficile distinguere, da tutto quello che ha scritto e detto di sé, cosa è reale e cosa no: quello che c’è alle elementari non lo è ). Ha trascorso la sua infanzia in istituti penitenziari, per aver commesso diverse rapine a mano armata. Viveva nelle stazioni ferroviarie. La sorella maggiore, insegnante di filosofia, gli ha instillato il vizio della lettura. iniziato con Critica della ragion purae Kant e Crimine e punizionedi Fëdor Dostoevskij. A 15 anni ha iniziato a scrivere. È stato Artista di strada Negli anni ’80 entra a far parte di Patricio Rey y sus Redonditos de Ricota, come monologo. Ha litigato con la band quando ha deciso di mettere da parte la linea teatrale. Lui Caso Polasi Li separò ulteriormente, dopodiché El Indio gli dedicò le canzoni “Blues de la artillería” e “Héroe del whisky”. È stato anche monologo presso La Bersuit, Los Piojos e Los Caballeros de la Quema. “Sono stato il primo attore a scoprire la scena rock mondiale”, si vantava. Los Redondo, ha detto, “è stato un palcoscenico creativo molto frivolo e interessante, con molto sesso ‘misto’, che significa confusione”.

Libri corrosivi CV. Ha incorporato diverse proposte editoriali. Fu, oltre che scrittore e giornalista, poeta e sceneggiatore. Attraverso il giornalismo e la fiction. La caratteristica più notevole del fotogiornalismo è stata la sua assimilazione emarginazione Quando non c’è spazio in altri media. Il suo nome è associato a sotto porteño. Viene spesso chiamato il “Bukowski argentino”, e anche come A.S beatnik. È imparentato con William Burroughs e Hunter Thompson. Non credeva nella politica. Si definiva anarchico. La parte più scioccante è stata la sua mancanza di confini quando parlava di sesso e di come si riferiva alle donne. In questo senso, alcuni dei suoi scritti non resistono alla prova del tempo. Integrale, sosteneva il discorso morale.

READ  Karol G è stato prestato dalla Ferrari di Formula 1 ed è stato in grado di sentire tutta la velocità

“Ho iniziato a fare il giornalista per caso”Nell’intervista, Juan Mendoza ha detto che stava aprendo una compilation con il meglio di Maiali e pesci (Modificato nel 2011). Nel 1982, il giornalista Jorge Pistocchi lo vide a uno spettacolo per il festival della rivista pane caldo E si è offerto di sostituire il caporedattore. Prima di allora ha vissuto in Brasile e in Europa. Gabriel Levinas ha suggerito di essere anche un editore Il Porteño. IL maiali È apparso come un complemento “marginale” a portino. Siemens ha detto che mostrava “le ultime tracce di una vita brutale”. Per Viñas, la rivista – che ha iniziato a pubblicare in modo indipendente nel 1984 – ha cambiato il giornalismo argentino, perché attraverso di essa “un intero nuovo dannato mondo è entrato nei media dei fumetti”. È stato pubblicato regolarmente fino al 1987, con sporadiche ristampe successive. Quando ha chiuso nel 1992, Symns aveva cessato l’attività da diversi anni. Il progetto lo ha reso un “vagabondo”, ma allo stesso tempo gli ha dato la “grande soddisfazione” di “contaminare le anime con parole pure e intenti sciamanici”. Nel 2004 vennero alla luce altri due casi.

con una combinazione di Roccia e follia bullismoCon la ‘conoscenza’ come nemico e molte chiusure e aperture’ Questa rivista di merda Ha segnato una generazione di giornalismo contestato negli anni ’80, quando ci furono forti conseguenze per la dittatura militare, ha detto Duarte, che ha raccontato la pubblicazione negli anni ’90. Legalizzazione della droga, omosessualità, sesso esplicito, anarchismo, squatting Alcuni dei suoi temi erano sempre d’avanguardia o tabù. Sebbene alcuni di essi siano già integrati nell’agenda generale, il metodo di elaborazione delle informazioni di maiali Sembra molto indietro nel tempo. Gli eroi delle pagine erano abitanti di strada, travestiti e intrattenitori Sotto ignorato dai media. La rivista è stata descritta come difensiva. Sono stato attaccato nella sua infanzia. È stata denunciata per aver difeso il reato di pedofilia, in un caso che è arrivato alla Corte Suprema; Fu perquisita dalla polizia dopo aver organizzato un comizio contro Giovanni Paolo II nell’aprile 87. Nel governo di Alfonsin ci fu un “rapimento” di numeri.

READ  Carmen Villalobos festeggia il suo compleanno con Frederick Oldenburg in Italia

Maiali e pesci sforzati di esserlo Un motore che ti avvicina all’esistenza reale. Symns ha creato autori apocrifi, pubblicati sotto pseudonimi, ed è stato un autore per editoriali. Lo scriveva sempre sotto l’effetto di cocaina o alcool. Quando ebbe finito, lo lesse a un cadetto: Se un uomo comincia a piangere, si rende conto che ci sono riusciti. “È strano, visto che non ero giornalista; però, quasi subito, Il commercio si è aggrappato a me come se fossimo amici d’infanzia. Penso che sia stato a causa della curiosità che ho sempre avuto, una curiosità piuttosto fredda nel sentirmi sospettoso e una tendenza a non credere nella specie umana”, ha detto in quella conversazione con Mendoza. Preferiva incontrare un prigioniero piuttosto che un giudice. O un pazzo davanti a uno psichiatra. Per lui, “la certezza su com’era il mondo” si trovava “ai margini della società, mai nel mezzo”.

Era anche un sostenitore di un segretario satira E collaboratore a sesso E fine del secolo. lavoro in il suono E SudIn collaborazione con Clarion E Contanti. Nel 1993 ha fondato il cacciatoreE tra il 1998 e il 1999 ha scritto il mago. Ha vissuto in Cile fino al 2003, anno in cui ha fondato il giornale la clinica. postato su THC. Può viaggiare nella sua vita Signore dei veleniuna popolare autobiografia immaginaria che ha pubblicato nel 2004. I suoi documenti giornalistici sono raccolti in Un invito all’abisso (1995), nel sottogenere della narrativa giornalistica, così come barra della vita (2002). Tra la sua produzione letteraria Banda di sciacalli (1987), Alla ricerca dell’assassino (2005) e Grande città cattiva (2006). Biografie come Bayes (1996), sulla vita di Vito Bayes, W L’ultima canzone (2002), sul gruppo cileno Los Tres. Scrive inoltre sceneggiature per opere teatrali e si avventura nel mondo dei video: scrive la sceneggiatura e il testo della canzone “Soy un virus”, con musiche del gruppo uruguaiano La Tabaré, nel 2004, e nel 2018 scrive “Un brindis de pirati” con musiche di Miguel Molins.

Nell’ultima intervista con OrsayEnrique ha ammesso di avere una “vita interessante”. E questo perché era uno scrittore. La curva della sua vita passa dall’essere un “vagabondo, uno che non sa fare niente, un ubriacone e un tossicodipendente” a scrivere tutto quello che scrive, inquinando le anime. Ha trovato nel commercio un “modo di essere”. Ed è vero che è stato scritto per quello che è. O vice versa.