Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È morto Roberto “Tito” Cosa, icona del teatro argentino

È morto Roberto “Tito” Cosa, icona del teatro argentino

È morto all’età di 89 anni il drammaturgo Roberto “Tito” Cosa, una delle icone più importanti del teatro argentino.

Autore di grandi opere come Abbiamo il fine settimana, Yabito, vecchio server, Assenza grigia E Noonache nella sua versione cinematografica divenne uno dei punti di riferimento della cultura popolare del Paese, e fu uno degli esponenti della cosiddetta “Generazione del Nuovo Realismo”, un percorso caratterizzato da Carlos Gorostiza. Inoltre, ha composto il movimento fondativo del Teatro Aberto e ha adattato sceneggiature, sue e di altri, per film.

Tito Cosa è nato il 30 novembre 1934, Giornata Nazionale del Teatro e Giornata del Teatro Indipendente. I suoi inizi furono nel giornalismo, che praticò per 4 decenni in media come Clarion, L’opinione, il mondo, Storico commerciale E Stampa latinaAgenzia di stampa cubana, tra gli altri.

All’età di trent’anni presentò la sua prima opera, “Il fine settimana” (1964), di cui all’epoca si parlò sulla rivista letteraria. Leoblanc Ha detto: “Sebbene questo sia il primo lavoro di Kusa, il suo lavoro è impressionante come quello di un veterano. I suoi personaggi sono definiti con una precisione e una profondità davvero lodevoli…

Seguirono poi “I giorni di Julian Bisbal” (1966), “La ñata contra el libro” (1966), “La pata de la sota” (1967) e “Tute cabrero” (1968) – da cui fu tratto un film diretto da lui. Juan José Josid– E “The Black Plane” (1970) (scritto in Rosenmacher tedesco, Carlos Sumiliana E Ricardo Talesnik).

Nel 1976 scrive l’opera che segnerà per sempre la sua vita e quella del teatro argentino: “La Nona”. Il successo di questo pezzo da lui diretto Carlos Gorostiza Ed eroicamente Ulisse Dumont, gli permise da quel momento in poi di dedicarsi esclusivamente al teatro. Da quel momento lasciò il giornalismo, o meglio, continuò a scrivere articoli più per diletto che per professione.

READ  Rivelata la causa della morte di Matthew Mendler

Poi vennero “Non c’è bisogno di piangere” (1979), “Il vecchio servitore” (1979), “Gris de Absencia” (1981), “Tuttle Cabrero” (1981) – rappresentato per la prima volta come opera teatrale – “Nobody Remembers”. “Mai più a Frédéric Chopin” (1982), “Il vento li portò via” (1983) – in collaborazione con Jacopo Langsner, Eugenio Griffiro e Francisco Anagna-, “Lo zio pazzo” (1974), “Dai piedi e dalle mani” (1984). ), “Los compadritos” (1985), “Yepeto” (1986), “El Sur y siempre” (1986) e altri.

Pepe “La Nona” Soriano, Tito Cossa, Hector Oliveira e Fernando Ayala

Nel 1981 ha partecipato alla creazione di… Teatro apertoun movimento culturale che serviva come espressione artistica e protesta contro l’ultima dittatura civile-militare in Argentina (1976-1983), mentre era ancora in vigore il regime di terrore di stato del paese, che è ancora in vigore.

È emerso anche come sceneggiatore cinematografico. Il romanzo è stato adattato da Osvaldo Soriano “Non ci sarà tristezza né dimenticanza” (Ettore Oliveira, 1983); Le sue commedie “La Nona” (Oliveira, 1979) e “Ipito” (Eduardo Calcagno1998) e scritto con Carlo Sumiliana Scenario per “accordo” (Fernando Ayala, 1982). Nel 1965 scrisse la sceneggiatura dell’opera teatrale Tut Cabrero, che in seguito fu trasformata in un’opera teatrale.

Ricevere il premio alla carriera “Copper Rose” dalla Biblioteca Nazionale nel 2023

D’altronde Tito Cosa è stato un difensore degli autori, e dell’arte in generale nel nostro Paese. Nel 2007 è diventato Presidente dell’Associazione Generale degli Autori Argentini (Argenturis) ed è stato anche Presidente della Fondazione Carlos Sumiliana per l’Incoraggiamento dei Drammaturghi e membro della direzione dello Storico Teatro del Pueblo. Inoltre, come attivista per i diritti umani, è stato membro del Comitato per la Memoria presieduto dal Premio Nobel per la Pace, UN. Perez Esquivel.

READ  Alejandro Fantino ha mostrato il figlio Nahuel che incontra il fratello Beltran: "Amiamoci per sempre"

Tra gli altri premi, ha ricevuto il Premio del Teatro Nazionale Argentino, il Premio alla Carriera della Città di Buenos Aires, il Prix d’Honneur degli Argenturis, il Premio del Pubblico e della Critica Spagnoli e il Konex Platinum Award – riconoscimento del più grande importante drammaturgo del decennio. In Argentina: la “Rosa di rame” della Biblioteca Nazionale. È stato anche nominato Cittadino Illustre della sua amata città di Buenos Aires e gli è stata conferita la Medaglia “Vent’anni Insieme” dalle Madri di Plaza de Mayo per il suo impegno a favore dei diritti umani.

Sviluppando