Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dopo che la vaccinazione è stata resa obbligatoria, l’Italia ha aumentato il numero di vaccini disponibili

Martedì foto di una persona che riceve il vaccino contro il corona virus Moderna a Roma. 5 gennaio 2022. REUTERS/Guglielmo Mangiapane

L’Italia ha registrato una posizione di forza Dall’istituzione dell’obbligo di vaccinare le persone di età superiore ai 50 anni sono stati raggiunti l’aumento della prima dose di vaccino contro il corona virus e di 685.000 vaccini.Lo ha detto il ministero della Salute.

Questo sabato, inoltre, è stato segnato Ha somministrato dosi superiori a 92.000 per quelli di età superiore ai 12 anni, Quando l’8 gennaio erano 82.000, è entrata in vigore la vaccinazione obbligatoria delle persone di età superiore ai 50 anni approvata dal governo italiano e la media giornaliera media era di 76.000. In totale, dall’inizio della campagna sono state somministrate quasi 120 milioni di dosi e 49.095.966 italiani di età superiore ai 12 anni hanno ricevuto un farmaco o sono guariti dalla malattia, l’87% e 46.867.461 italiani di età superiore ai 12 anni, l’86,68% dei popolazione, hanno completato il ciclo vaccinale e ricevuto 26.626.304 richiami.

Nel frattempo, la campagna vaccinale per i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni procede lentamente, a un mese dall’apertura, il 22 per cento è stato vaccinato con una singola dose, per un totale di 804.000 bambini.

Immagine del file: persone in attesa di ricevere una dose del vaccino Covit-19 vicino alla stazione Termini di Roma, Italia.  10 gennaio 2022. REUTERS / Guglielmo Mangiapane / File immagine
Immagine del file: persone in attesa di ricevere una dose del vaccino Covit-19 vicino alla stazione Termini di Roma, Italia. 10 gennaio 2022. REUTERS / Guglielmo Mangiapane / File immagine

Il viceministro della Salute italiano Pierpolo Celeri ha avvertito oggi che il corona virus “non è diventato un’influenza comune.

Da parte sua Francesco Locatelly, coordinatore del Gruppo di Scienze Tecniche istituito per l’epidemia, ha spiegato che sebbene “siamo in una situazione precaria” ci sono evidenti evidenze di una recessione nella curva.

READ  Raddoppia in Italia il prezzo dei pomodori trasformati

Aumento nei paesi internazionali

Il tasso di aggressività nel reparto di terapia intensiva è aumentato del 18% nell’ultima settimana e tra i ricoverati, Il 67% non è stato vaccinato contro il corona virus. Secondo la Federazione Italiana Sanità e Ospedali (Fiaso).

(Getty Images)
(Getty Images)

Anzi, Il 33% degli ammessi è stato vaccinato e la maggior parte ha già sofferto di qualche grave malattia e ha ricevuto un secondo attacco quattro mesi fa..

La Fioso ha sottolineato che la maggior parte delle persone vaccinate negli ospedali sono “ricoverate in ospedale per altri sintomi, anche se non hanno sintomi gravi o sono positive al corona virus”. Per i bambini, il 42% di coloro che finiscono in terapia intensiva ha un’età compresa tra zero e sei mesi, nonostante il reddito in calo.

Il 76% dei bambini aveva almeno un genitore vaccinato Sottolinea “l’importanza di vaccinare i genitori per proteggere i propri figli”, Secondo la Federazione Italiana.

(Con informazioni da EFE)

Continua a leggere: