Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Demagogo e distruttore”, la dura invettiva del direttore Santiago Mitre contro le modifiche al Codice Omnibus dell'INCAA

“Demagogo e distruttore”, la dura invettiva del direttore Santiago Mitre contro le modifiche al Codice Omnibus dell'INCAA

“Demagogo e distruttore”, la dura retorica del direttore Santiago Mitre contro le modifiche dell'INCAA inserite nella legge omnibus

Lunedì il famoso regista Santiago Mitre ha messo in dubbio i cambiamenti promossi dalla radicale legge di Javier Miley per finanziare l'industria cinematografica argentina, definendo le riforme un “gesto demagogico e distruttivo”.

“Il bilancio (INCAA), nonostante le continue bugie che vengono raccontate, non ha nulla a che fare con il bilancio nazionale, è autosufficiente”, ha esordito Mitre, che ha letto un duro discorso contro i cambiamenti nel pacchetto di leggi di riforma statale che se ne sta discutendo nelle commissioni della Camera.

capo Argentina, 1985 Ha sottolineato che “il cinema non chiede soldi, ma esige il mantenimento della legge che gli permette di continuare ad autofinanziarsi”, e ha sottolineato che “la perdita di questa indipendenza implicita indica Orizzonte meno diversificato e qualità inferiore“Si intravede non un tentativo di risolvere qualcosa, ma un gesto demagogico e distruttivo”.

Ha aggiunto: “L'industria cinematografica diventerà vulnerabile e diventerà un altro strumento per i capricci dell'emergenza politica e, cosa ancora più importante, rimuoverà ogni possibilità di attuare le riforme necessarie”.

In questa fase, ritiene che “non c’è niente di più dannoso per lo spirito di cambiamento che Un riformismo frettoloso, sconsiderato e maldestro“Non è il momento di tornare indietro e distruggere ciò che abbiamo ottenuto. “I cambiamenti devono essere pensati in modo responsabile e analitico”, ha concluso.

READ  Morte di Claudio Risi, traduttore di "Maretto" e "Tatita" | L'attore aveva 67 anni