Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Daniela Abad riceve un premio al Festival di San Sebastian: “Non ce lo aspettavamo”.

Daniela Abad riceve un premio al Festival di San Sebastian: “Non ce lo aspettavamo”.

La regista italo-colombiana Daniela Abad (a sinistra) ritira il premio a San Sebastian con il suo team di produzione.

Foto: Festival di San Sebastiano

La regista italo-colombiana Daniela Abad ha ricevuto il premio mercoledì sera durante il Festival di San Sebastian. Il premio è stato assegnato al suo progetto intitolato “All These Iran Mangas”, insieme ad altri quattordici premi in quella categoria. Ha detto: “Non sapevamo che fosse il premio più importante del forum”.

Potresti essere interessato a: Tito Ocampo, il musicista che pianse Sierra

Questo riconoscimento rientra nel quadro del “Forum di coproduzione europeo-latinoamericano”, che gli ha assegnato il premio “Miglior progetto” per il suo lungo romanzo. Questo premio è destinato a quei progetti che hanno già ricevuto parte del finanziamento nel loro paese e cercano di coprire i costi totali.

“Sono molto felice, non ce lo aspettavamo, è stato molto emozionante ricevere il premio. È anche importante riconoscere il produttore Mirland Torres. È una ricompensa non solo per il mio lavoro, ma anche per tante persone. È molto importante avere una brava produttrice con un percorso importante come lei”. Spettatore direttore.

Segui El Espectador su WhatsApp

Il forum ha assegnato 10.000 euro per il film, poco più di 43 milioni di dollari, e spera di continuare la sua ricerca finanziaria l’anno prossimo e poi iniziare le riprese per una possibile anteprima nel 2026. Abbad ha anche ringraziato Proimágenes, che ha contribuito a far avanzare parte dei costi del progetto. A questo festival cinematografico di prima classe.

Dice: “Tutto questo Iran Mangas è la storia di un’adolescente e di sua madre che vivono a Medellin e appartengono alla classe alta. Il film è ambientato negli anni ’90, forse gli anni peggiori in Colombia in termini di violenza, mentre sono aspettando il ritorno del padre e del marito che presumibilmente è in viaggio d’affari in Italia e non torna.

READ  Esteban Lamothe si è espresso su Guillermo Francella sui suoi commenti su Javier Maile: "Devo essere un po' più sensibile"

Potrebbe interessarti anche: L’addetto stampa di Shakira afferma che “The Boss” non è autorizzato per uso politico

A proposito di Daniela Abad

“All This Was Mangas” sarà il terzo lungometraggio e il primo lungometraggio del regista e produttore italo-colombiano. Nel 2014 ha pubblicato il lungometraggio documentario “Carta a una sombra”, che ha vinto due India Catalina Awards, e l’anno successivo ha pubblicato “The Smiling Lombana”, che ha aperto il Cartagena Film Festival.

Il suo ruolo di produttrice nel film “La Selva del Cine”, che condivide con altri registi antiocheni come Laura Moura, vincitrice del premio “Concha de Oro”, e Mirlande Torres. Abad è anche la direttrice del Festival internazionale del cortometraggio di Medellin e la figlia dello scrittore antiocheno Hector Abad Faciolins.

Puoi anche leggere: Una ballerina ha raccontato com’è stato lavorare con Shakira in “Monotonía”: “Non potevamo guardarla”