Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa dicono i primi giorni al presidente eletto

Lo indicano le previsioni ripetute nelle ultime ore Il percorso che faranno gli argentini Nei primi mesi di governo Javier Miley Sarà difficile. La domanda che sorge spontanea riguarda la situazione attuale: è forse facile adesso? Oppure la terribile incertezza che stanno vivendo non è forse peggiore? Una crisi senza soluzione in vista, come quella attuale, non porterebbe a una maggiore instabilità? Il mondo ha ricevuto la vittoria di Miley con grande impatto, perché in genere attirano l’attenzione i leader anti-regime, che in molti luoghi del pianeta sono etichettati come bandiere dell’estrema destra. Ma, È improbabile che più della metà degli elettori argentini abbiano improvvisamente pensato a un soldato di estrema destra. Dovrebbe suscitare ulteriore stupore la lista elettorale presentata da un leader politico alle prime armi, senza struttura e quasi senza leader, per un peronismo unito e apparentemente imbattibile. “Tutto il peronismo unificato è stato perso contro due persone con due cellulari”.ha detto uno dei leader di Together for Change. Il governo ha subito una sconfitta devastante, e questa è la conclusione più obiettiva. Piuttosto, Miley è un’economista che di solito parla il linguaggio degli accademici delle scienze esatte. Cioè, pochissime persone lo capiscono. Qualcuno crede che più della metà degli argentini aderiscano alla scuola economica austriaca? È ragionevole che questo enorme numero di cittadini dia improvvisamente fiducia al libero mercato e decida di mettere in discussione intellettualmente le politiche marxiste, keynesiane e monetarie? È successo questo tra i giovani poveri delle periferie? impossibile. È consigliabile che la leadership politica classica tenga conto della dimensione della vittoria di Milley perché ciò potrebbe rendere più facili i primi mesi al timone. La crisi economica che si lasceranno alle spalle Alberto Fernandez e Sergio Massa richiederà un intervento chirurgico urgente. Miley aveva già previsto di non avere il diritto nemmeno di prendere in considerazione la scelta tra gradualismo e shock; La portata della crisi impone uno shock. L’ex presidente ha condiviso questa diagnosi Maurizio Macri, il quale sosteneva pubblicamente che Miley non gli aveva mai mentito. L’ex presidente, che non nasconde il suo stupore nei confronti di un politico che non mente, ha detto che le sue ripetute conversazioni con Milley sono avvenute dopo la prima tornata elettorale, un mese fa. “Quello che hanno detto prima non era vero. Prima del 22 ottobre, ho parlato con Miley di persona due volte e ho parlato al telefono tre o quattro volte. Ha detto: ‘Niente di più.’

In termini di percentuale di voti a favore, Miley ha superato quella ottenuta da Christina Kirchner nel 2011. Miley ha ricevuto domenica il 55,69% dei voti. L’attuale vicepresidente ha avuto la sua migliore elezione quando è rimasta vedova e la sua opposizione sembrava divisa (Hermes Benner e Ricardo Alfonsin (con elenchi separati) 54,11%. Inoltre ha battuto quasi tutti i suoi predecessori nello scarto di voti tra primo e secondo, con la sola eccezione di Cristina Kirchner nel 2011, anche se durante i quarant’anni di democrazia c’era solo la possibilità di un ballottaggio dopo la riforma costituzionale del 1994. Parentesi: C’era anche la possibilità che il regime militare di Alejandro Llanos tenesse un secondo turno delle elezioni del 1973, ma questa è ormai storia. L’informazione più ovvia e importante: nessun altro candidato presidenziale nella storia nazionale ha ricevuto più di 14 milioni di voti a proprio favore, come ha fatto Miley.. Questo è ciò che merita di essere sottolineato in preparazione ai prossimi mesi. Chi, sano di mente, un peronista o un governante radicale ignorerebbe questo afflusso di voci di fronte alla decisione di sostenere – o meno – le misure razionali adottate dal prossimo presidente? Razionale, e va sottolineato, perché lo è anche Miley si assumerà la responsabilità di non chiedere l’impossibile. I poteri del cielo sono una buona metafora, ma pur sempre una metafora. La politica è indifferente alla metafora. Molti degli annunci fatti finora da Miley richiederanno l’approvazione del Congresso. peggio: La distruzione della banca centrale o la dollarizzazione richiederebbero una riforma della costituzione Perché richiede l’esistenza di una “banca statale” in grado di “emettere moneta e determinarne il valore”. In ogni caso, Miley ha detto ai suoi interlocutori nelle scorse ore che prima di completare la dollarizzazione – se la completerà – cambierà il nome della moneta argentina. “Il peso non serve più. Queste persone sono state private di ogni rispetto”, ha detto, non senza ragione, riferendosi al governo di Alberto Fernández e Sergio Massa. La stessa privatizzazione della YPF richiede l’approvazione del CongressoSebbene lo avesse già donato a Menem negli anni ’90, Menem era un peronista che lo convertì in Oscar BarelliOra è il leader di una rivoluzione che nessuno ha visto e un informatore nel progetto di privatizzazione della compagnia petrolifera. Cioè: Barelli è stato il deputato che più ha sostenuto questa privatizzazione. Lo farà adesso? Ricordi quei tempi dell’ascesa del menemismo?

READ  Amara NZero acquista Sunrgy per incrementare il proprio business nel settore solare negli Stati Uniti

Per ora, Miley si è circondata di persone di qualità che possono fornire armonia in un momento in cui manca armonia. Guillermo Francos o Diana Mondino Sono espressioni di potenziali funzionari che cercheranno di gestire ragionevolmente la parte che cade nelle loro mani. Mariano Cuneo Libarona È un avvocato con molti anni nei tribunali penali del paese e proviene da una famiglia legata alla giustizia. Negli ultimi vent’anni ha scelto di mantenere un profilo basso, in contrasto con la pessima reputazione mediatica di cui godeva negli anni Novanta. È in una posizione migliore per essere ministro della Giustizia rispetto all’attuale Martin Soria o al suo vice ministro, Juan Martin Mina. Cúneo Libarona non avrà bisogno di fare molto per sconfiggere un ministro che ha apertamente mancato di rispetto alla Corte Suprema, come ha fatto Soria. Tuttavia, l’etichetta più importante, se lo fosse, sarebbe quella Federico Sturzenegger Come ministro dell’Economia. Sturzenegger è stato presidente della banca centrale sotto Mauricio Macri ed è arrivato molto vicino a sconfiggere l’inflazione. Vale la pena notare, tuttavia, che il ministro dell’Economia nel governo Miley deve avere un grande legame con il presidente eletto perché è, appunto, un economista che conosce solo economia. Anche Miley ha elogiato Luigi Caputo, che è stato anche Ministro delle Finanze e Presidente della Banca Centrale durante il mandato di Macri; Caputo è un professionista preparato ed esperto che ha lasciato la banca centrale a causa dei suoi disaccordi con il FMI, allora presieduto da Christine Lagarde. Vedete, che fossero i funzionari che uscirono dalla cava di Maili o quelli che erano funzionari a Macri, Il presidente eletto seleziona persone di comprovata competenza per le cariche pubbliche. Non è una semplice notizia, ma piuttosto la prova che Miley è consapevole dei suoi limiti. Le limitazioni che devono affrontare tutti i capi; Nessun presidente è obbligato a conoscere ogni questione che viene alla sua attenzione. Le uniche qualità richieste a un presidente sono il buon senso e la lungimiranza nel scegliere tra le migliori opzioni presentategli dai suoi collaboratori.

READ  La Spagna è in deficit: 3,8% a settembre

Riuscirà Massa a risollevarsi dopo il pestaggio subito da Miley domenica scorsa? Dipende da. Se si lascia trasportare dall’odio e dal risentimento, è probabile che il peronismo, che ha sempre bisogno del calore del potere, non lo accompagnerà. Ma al contrario, se riaffermasse le sue promesse di lavorare per l’unità nazionale, annunciate prima del ballottaggio, potrebbe avere un’altra possibilità sulla terra. “In politica non si dovrebbe mai lasciare morire nessuno”, consiglia spesso un esperto osservatore politico. Tuttavia, È difficile immaginare il destino politico di Cristina Kirchner e del gruppo da lei guidato, La Campora, che è nato e vive sotto il potere.. I seri sostenitori del peronismo sottolineano con incredibile precisione che questa organizzazione è teoricamente leader Massimo KirchnerPerderai tutto quando lascerai il controllo di PAMI. Dicono che tra tutte le organizzazioni statali con enormi risorse nelle mani di La Campora, la PAMI è quella che meglio finanzia la militanza politica. La famiglia è molto importante, ma le sue spese sono strettamente limitate dalla legge. Aerolíneas Argentinas dispone di un budget elevato, ma di un deficit. Sono luoghi in cui La Cámpora può assumere i suoi dipendenti, ma non può utilizzare il denaro senza lasciare tracce. invece di, Nella PAMI ci sono lacune nei contratti per l’acquisto di medicinali multimilionari o per l’utilizzo dei servizi di sanatori e cliniche, attraverso le quali è possibile liquidare ulteriori accordi riservati.. “PAMI è José López e Ricardo Jaime insieme”, ha detto con grande entusiasmo un veterano peronista, riferendosi agli ex ministri dei lavori pubblici e dei trasporti, noti per la loro gestione corrotta delle risorse statali.

READ  Selenix ha bisogno di una testa con un coltello affilato | un lavoro

In questo momento Christina Kirchner ha terminato il suo viaggio in Italia, previsto per questo fine settimana. Questa cancellazione ci permette di concludere che l’incontro con Papa Francesco non è mai stato confermato, perché Nessuno cancella l’incontro con il leader religioso più importante del mondoÈ anche l’argentino più importante di tutti i tempi. Per non parlare di una politica come Cristina, che ha appena subito una dura sconfitta alle elezioni nazionali e deve ancora affrontare numerose inchieste giudiziarie. Fonti vaticane riferiscono che gli sforzi di Christina Kirchner si svolgono presso la Segreteria di Stato della Santa Sede. Cioè attraverso il governo del Papa, e non direttamente con il Papa. Ovviamente per segretario di Stato si intende una procedura più fredda e più lunga dell’amministrazione personale. Il vicepresidente sarebbe dovuto recarsi in Italia per parlare all’Università Federico II di Napoli del “malcontento democratico”. La sua teoria è che le società sono insoddisfatte perché gli stati sono governati da costituzioni che organizzano poteri antichi, come l’esecutivo, il legislativo e il giudiziario. Per lei è necessario che le nuove costituzioni stabiliscano gli standard entro i quali devono operare i media giornalistici e le reti sociali che, secondo la vicepresidente, sono le forze attuali e reali del mondo moderno. chiacchierareIn breve, qualcuno che non sarà presto al potere e potrebbe non esserlo mai più.

Scopri di più sul Progetto Trust