Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa accadrà quando il sole morirà?

Cosa accadrà quando il sole morirà?

Video della NASA che mostra 133 giorni solari in un’ora

Anche se lo vediamo sempre dopo la tempesta, cioè sole Non brillerà per sempre. in poco 5 miliardi di annila nostra stella esaurirà il suo idrogeno combustibile e comincerà ad affondare sotto il suo stesso peso.

Nello spazio profondo, si gonfierà in una gigante rossa che inghiottirà le orbite dei pianeti Mercurio, Venere e forse anche la Terra. Terra. studia Realizzato dall’analisi di milioni di stelle e grazie ai risultati ottenuti nella missione Gaia, ha portato alla previsione di Quanti anni di vita ha il sole?

Questa analisi consiste nel determinare la luminosità emessa da ogni stella e il colore che possiamo percepire dalla Terra. Inoltre, è stato scoperto che le dimensioni e le caratteristiche di temperatura di una stella tendono a variare frequentemente con il passare degli anni ed entra in diversi stadi della sua vita.

Una meravigliosa immagine nel 2022 della superficie del sole e delle sue macchie (NASA)

In questo studio, scienziati e astronomi hanno determinato che la stella più importante della Via Lattea ha circa 4.570 milioni di anni, età che conferisce grande stabilità grazie alla sua composizione a base di idrogeno ed elio. Questa stabilità non sarà sempre così, con il passare degli anni la stella perderà la sua scorta di idrogeno e, come tutte le stelle, il sole finirà per morire. Ma quando esploderà esattamente?

Secondo l’analisi effettuata, è stato scoperto che la temperatura del sole raggiungerà il suo massimo in 8.000 milioni di anni, il che porterà successivamente al raffreddamento della stella e all’aumento delle sue dimensioni.

Da quella data il sole cambierà colore, diventando una grande palla rossa. Ciò presuppone l’inizio della morte della stella, che raggiungerà questo stadio tra 11.000 milioni di anni fino a diventare una piccola stella bianca quasi senza luce.

Il Sole probabilmente inghiottirà la Terra al tramonto (Immagine: MOLTO INTERESSANTE)
Il Sole probabilmente inghiottirà la Terra al tramonto (Immagine: MOLTO INTERESSANTE)

Il Sole si è formato 4,65 miliardi di anni fa da nubi di gas e polvere che contenevano detriti di precedenti generazioni di stelle. Il sole stesso costituisce circa il 98,6% della massa del sistema solare. La distanza media dal Sole alla Terra è di circa 149.600.000 chilometri o 92.960.000 miglia e la sua luce percorre questa distanza in 8 minuti e 19 secondi.

READ  Ora puoi chiedere a Google di rimuovere le tue informazioni personali dai risultati di ricerca

L’energia del Sole, sotto forma di luce solare, sostiene quasi tutta la vita sulla Terra attraverso la fotosintesi e guida il clima e il clima della Terra. All’interno del Sole si verificano reazioni di fusione in cui gli atomi di idrogeno vengono convertiti in elio, producendo l’energia che irradia.

Attualmente il Sole è in piena sequenza principale, nel pieno della sua vita, perché continuerà in questa fase di transizione dall’elio all’idrogeno per circa altri 5.000 milioni di anni, bruciando idrogeno in maniera stabile.

Alimentata da una recente orbita attorno a Venere, la Parker Solar Probe della NASA si sta dirigendo verso il suo avvicinamento più vicino al Sole (NASA)
Alimentata da una recente orbita attorno a Venere, la Parker Solar Probe della NASA si sta dirigendo verso il suo avvicinamento più vicino al Sole (NASA)

Si dice che il combustibile del sole siano gli atomi di idrogeno che vengono convertiti in elio. Quando tutto l’idrogeno si trasformerà in elio, il sole finirà il carburante.

Man mano che il combustibile idrogeno nel suo nucleo si esaurisce e iniziano i cambiamenti nel processo di fusione, ci aspettiamo che si gonfi in una stella gigante rossa, abbassando la sua temperatura superficiale nel processo. Il modo esatto in cui ciò accade dipende da quanta massa ha la stella e dalla sua composizione chimica.

Paradossalmente, il sole è la nostra stella più vicina e più studiata, ma la sua vicinanza ci obbliga a studiarlo con telescopi e strumenti completamente diversi da quelli che usiamo per monitorare il resto delle stelle. Questo perché il sole è molto più luminoso delle altre stelle. Identificando stelle simili al Sole, ma questa volta con età simili, possiamo colmare questa lacuna osservativa.

Il sole diventerà una stella rossa e poi una nana bianca (NASA)
Il sole diventerà una stella rossa e poi una nana bianca (NASA)

Un team di astronomi internazionali incl Professor Alberto Ziegelstra affiliato Scuola di Fisica e Astronomia dell’Università di Manchester, si prevede che si evolverà in un enorme anello di gas interstellare luminoso e polvere, noto come nebulosa planetaria. Il Sole si trasformerà in un anello luminoso di polvere e gas interstellare, noto come nebulosa planetaria. Che il sole morirà dopo circa 5.000 milioni di anni è qualcosa su cui gli scienziati concordano, e ciò che non si sapeva era cosa sarebbe successo quando sarebbe successo.

READ  Qual è il valore dei nuovi cellulari di Google, i pieghevoli Pixel Fold e Pixel 7a?

Il team internazionale di astronomi è stato in grado di prevedere cosa accadrà quando la vita della stella centrale nel nostro sistema planetario si estinguerà: si trasformerà in un anello luminoso di gas e polvere interstellare, noto come nebulosa planetaria.

Una nebulosa planetaria è ciò che alla fine diventa il 90% delle stelle viventi e segna il passaggio da una gigante rossa a una nana bianca.

    Gli scienziati hanno creato curve di luce utilizzando immagini ad alta risoluzione del Sole per capire come appaiono le macchie solari su una stella lontana.  (NASA/SDO/JAXA/NAOJ/HINODE)
Gli scienziati hanno creato curve di luce utilizzando immagini ad alta risoluzione del Sole per capire come appaiono le macchie solari su una stella lontana. (NASA/SDO/JAXA/NAOJ/HINODE)

“Quando una stella muore, espelle nello spazio una massa di gas e polvere, nota come il suo involucro, che può arrivare fino alla metà della sua massa totale. Questo lascia esposto il nucleo della stella, che a questo punto esaurisce il carburante, si spegne e muore”, ha spiegato Albert Zylstra, uno degli autori dello studio. studia pubblicato in astronomia naturale.

“Solo allora il nucleo caldo fa risplendere intensamente l’atmosfera espulsa per circa 10.000 anni, che è un breve periodo in astronomia. Questo è ciò che rende visibili le nebulose planetarie. Alcune sono così luminose che possono essere viste da distanze molto vaste che misurano decine di di milioni di anni luce, dove la stella stessa è troppo debole per essere vista.

Circa 25 anni fa, gli astronomi hanno scoperto che se si guardano le nebulose planetarie in un’altra galassia, quelle più luminose hanno sempre la stessa luminosità. È stato scoperto che è possibile vedere quanto è lontana la galassia una volta che compaiono le nebulose planetarie più luminose. In teoria, ha funzionato su qualsiasi tipo di galassia.

Un'eclissi solare è un'opportunità per gli scienziati di studiare la struttura del sole (NASA)
Un’eclissi solare è un’opportunità per gli scienziati di studiare la struttura del sole (NASA)

Ma mentre i dati indicavano che ciò era vero, i modelli scientifici sostenevano il contrario. Il professor Ziegelstra aggiunge: “Le stelle vecchie e di piccola massa dovrebbero formare nebulose planetarie molto più leggere delle stelle più giovani e più massicce”.

READ  Rockstar cancellerà due giochi tanto attesi per dare la priorità a GTA 6

Non si sa quale arte creerà il nostro sole nei suoi ultimi giorni, ma i futuri osservatori potrebbero intravedere. La nana bianca rimarrà così calda solo per 10.000 anni. Ma se qualche astronomo alieno punta il suo telescopio nella nostra direzione nel tempo, vedrà qualcosa di meraviglioso.

Continuare a leggere: