Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Coppa Davis 2023: la gioia dell'Italia e la tristezza di Djokovic |  Tennis |  Gli sport

Coppa Davis 2023: la gioia dell'Italia e la tristezza di Djokovic | Tennis | Gli sport

Sinner e Djokovic si salutano dopo il loro match di doppio al Martin Karpina.Violeta Santos Mora (Reuters)

Capricci del destino, nell'intervallo di meno di una settimana, Novak Djokovic e Jannik Sinner hanno preso strade opposte: chi rideva sei giorni fa ora se ne pente, e viceversa. La prima squadra ha vinto a Torino e in casa ha avuto il cuore spezzato l'italiano, che ora trova conforto nella sconfitta nella finale della Masters Cup con una completa vendetta personale. Manca il legame, pensa tra sé San Candido, ma quello che è stato realizzato finora nessuno potrà toglierglielo. Questa stagione decisionale incontrastata lascia Noll con un debutto finale ad alto capitale che deve essere considerato alla luce di ciò che verrà. Sarà l'Italia, fresca di vittoria per 2-1 sulla Serbia, a giocarsi il titolo di Coppa Davis contro l'Australia oggi (16:00, Movistar+). Chi avrebbe mai pensato che l'avrebbe fatto dopo che Djokovic, che raramente perdona, lo ha fatto tre volte sabato.

Il primo giocatore aveva tre match point, ma non è arrivato al secondo turno di singolare (6-2, 2-6, 7-5, dopo che Kecmanovic ha sconfitto Lorenzo Musetti 6-7 (7), 6-2, 6). -0 all'inizio del girone) e il successivo risultato nel doppio (6-3 e 6-4) hanno condannato la Serbia e qualificato l'Italia, che non giocava una finale dal 1998, quando perse al Forum di Milano contro la Svezia, su argilla. Molto è cambiato da allora; Tanto che oggi degli svedesi non c'è traccia, la competizione ha un'altra forma e si disputerà per il secondo anno consecutivo allo Stadio Martín Carpina di Málaga, dove il pubblico assiste allo stesso tempo al dolore del re e la gioia – sempre vista, sempre elegante – del peccatore irritato. L'italiano ha graziato Djokovic la scorsa settimana a Torino, evitando la fase a gironi biscotto Chi avrebbe mandato il serbo, che ora sta diventando la stella di queste finali.

READ  Riepilogo GP d'Italia di Formula 1 2023: Verstappen vince il GP a Monza, Chico Perez 2°, Sainz 3° | Video | è | p| Mescolare | Sport totale

“A livello personale è una grande delusione perché mi assumo la responsabilità dopo aver avuto tre occasioni nella partita”, ha detto Djokovic nella sala conferenze. “Ma questo è uno sport. Quando perdi giocando per la tua Nazionale, il sentimento di amarezza è ancora più grande. Jannik ha giocato molto bene, sia nel singolare che nel doppio, quindi non posso che fare i complimenti all'Italia per una prestazione come questa”, ha continuato il giocatore di Belgrado, che non sarà in grado di completare il percorso come aveva previsto. Dopo aver vinto tre titoli importanti per entrare da solo nella lista dei più grandi uomini di tutti i tempi, ed essere stato incoronato Mr. per la settima volta, si sente in debito a Davis che non poteva ripagare. In questo modo, la tua storia continuerà a svolgersi Appena Successo nel 2010, l'unica volta in cui i serbi raggiunsero la vetta della competizione.

Nole non perdeva una partita di singolare di Coppa Davis dal 2011, ottenendo 21 vittorie consecutive fino a quando il vecchio Sinner, il giocatore più esperto e potente del tennis, ha incrociato la sua strada sabato. La Transalpina non era nemmeno nata nel '98, e l'insalata italiana del '76 sembra un lontano ricordo, quando i suoi predecessori (Panata, Barazzotti, Bertorelli e Zugarelli) battevano il Cile a Santiago. Ma ecco un giocatore chiamato a lasciare il segno. “Ha uno dei tiri più potenti in pista. So quanto è bravo, ma pensavo che forse avrei potuto abbassare un po' il mio gioco nel doppio. Non è stato il caso”, ha detto Balkani, che ha evitato di parlare di stanchezza, perché “sembrerebbe una scusa”.

READ  Salvare l'anno nel calcio argentino: un giocatore dell'Estudiantes de Rio Cuarto è volato per evitare un gol che ha guadagnato il rating della sua squadra

La verità è che nessuno è riuscito a batterlo in due settimane consecutive da quando ci riuscirono gli scozzesi Andy Murray e Rafael Nadal nel 2008, e l'anno prima, Mikhail Youzhny. Questa volta i tre palloni volarono via e il sogno svanì. A nulla è valso il promettente intervento di Kekmanovic a inizio pomeriggio. Sprecate quelle tre opzioni, 5-4 e 0-40 nel secondo set, Sinner ha rilanciato nel game successivo con un break di servizio e si è riscattato a fine giornata da quanto accaduto non molto tempo fa al Pala Albitor di Torino. Pertanto, l'Italia è piena di bei momenti con le scarpe da tennis. L'ambizioso investimento degli ultimi anni nel progetto popolare lo ha notevolmente rafforzato, ed è anche orgoglioso del suo personaggio: il peccatore.

Puoi seguire EL PAÍS Deportes su Facebook E Soppure iscriviti qui per riceverlo La nostra newsletter settimanale.