Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Company of Heroes 3: Incredibile, divertente e bello da guardare

Company of Heroes 3: Incredibile, divertente e bello da guardare

La seconda guerra mondiale è probabilmente il conflitto bellico più interessante della storia, l’assoluta proporzione e varietà di eserciti affrontati, i diversi scenari e l’equilibrio tra le diverse armi forniscono un ambiente ideale per lo sviluppo di giochi che migliorano e sfruttano alcuni aspetti dello stesso.

Nel caso di Company of Heroes 3, i giocatori incontreranno A Un RTS con una profondità strategica accettabile, con qualche piccola lacuna, con certe licenze storiche e due diverse campagne di sviluppo Forniranno molte ore di intrattenimento. I veterani della saga si ritroveranno a combattere su un terreno familiare, poiché la maggior parte delle meccaniche sono le stesse del primo e del secondo titolo. Per i neofiti che arrivano in prima linea, la curva di apprendimento sarà facile in quanto l’IA non offrirà molta resistenza a livello normale.

Ingrandire

Campagna d’Italia

È la bisnonna del parto. Come nella saga Total War di Assembly, l’utente si muove su un doppio piano. Il primo è Mappa della campagna gigante in cui sono disposti diversi eserciti, strade, città, porti, aeroporti e diverse aree del terreno. Ad ogni turno dovrai prendere diverse decisioni strategiche: muovere e reclutare eserciti, prendere obiettivi e rinforzare le unità. È importante che il dispiegamento delle truppe sia corretto in modo da poter completare i compiti proposti in tempo man mano che la campagna procede.

Nonostante l’idea sia buona, visto che è l’utente a decidere con i suoi comandi l’andamento della guerra, ci sono due fattori che la influenzano negativamente. Il primo è piccola iniziativa di eserciti rivali, che non erano in grado di organizzare un contrattacco nonostante l’abbandono di un fianco e si limitavano solo a mosse difensive dietro le loro linee. Il secondo è quello Il ruolo dell’aviazione e della marina è ridotto alla certificazione. È probabile che nei futuri DLC ambientati in Operation Overlord o nel Pacific Theater acquisiscano un ruolo di primo piano che ormai gli è stato negato.

Diverso da qui eserciti che danno loro miglioramenti cruciali, forse troppo, nelle prossime battaglie. Ogni esercito, in base alle sue caratteristiche, che variano anche per nazionalità, può essere dotato di reggimenti che rafforzano determinate aree: carri armati di supporto, artiglieria, supporto dell’aviazione, forze speciali, trasporti … dove partono Unendo e migliorando l’esperienza del truppe, le battaglie diventano più comode. La vera sfida del gioco è nelle prime ore: con le unità iniziali e senza aiuti extra.

Ingrandire

Grandi missioni e schermaglie

Sono il cuore del gioco, man mano che avanzi sulla mappa scoprirai obiettivi primari che devono essere risolti con sì o sì e altri obiettivi secondari. Questi secondi includono la conquista di aeroporti, porti e città, nonché alcune missioni di salvataggio o unità di supporto in difficoltà. Nel caso missioni secondarie puoi anche scegliere la risoluzione automatica, Che di solito aumenta le perdite dalla parte del giocatore. Nel caso di schermaglie e scaramucce importanti, questa opzione non esiste.

READ  Onorando Jorge Babuena Vallenato con un omaggio a Jesus Manuel Estrada

attraverso il Nelle schermaglie, che sono per lo più sparatorie contro paesi e città, il sistema di combattimento dà la priorità alla velocità di movimento. All’inizio della battaglia, devi prendere quanti più bersagli possibili perché forniscono i punti necessari per ottenere più unità sulla mappa. Quindi è sufficiente consolidare le posizioni e rafforzarsi affinché i tedeschi spendano i loro punti di rinforzo. Questa semplice tecnica funziona nel 90% dei casi.

Gli scenari sono vari, anche se iniziano a ripetersi dopo 20 ore di gioco. Le vittorie qui forniscono alle truppe esperienza e risorse che possono essere spese sulla mappa generale.

Le missioni principali sono molto curate, con scenari molto ampi che permettono di utilizzare diverse tattiche di combattimento, Sebbene la combinazione di artiglieria e carri armati sia solitamente devastante. Alcuni di essi sono ispirati a noti film di guerra, e sebbene alcune licenze siano state ottenute con armi esistenti, il grado di realismo è molto alto.

Ingrandire

combattimenti

Il sistema di partenza è quello classico per un RTS da un lato c’è una base (nella maggior parte delle mappe) dove vengono generate unità con potere distruttivo crescente quando vengono aperte nuove strutture e dall’altro c’è un numero limitato di unità che devono essere spostate con attenzione sulla scena, Approfitta di tutti i tipi di vantaggi tattici: edifici, trincee o aree sopraelevate. Uno dei grandi successi di CoH 3 è che quasi tutti loro Gli oggetti sul palco saranno probabilmente distrutti, Comprese le case, che possono trasformarsi da roccaforti difensive in trappole mortali se colpite da artiglieria o carri armati nemici.

Le unità di fanteria sono molto diverse e specifiche per ciascuno degli eserciti, Lo stesso vale per veicoli, carri armati e artiglieria. Nelle missioni principali il numero di unità da gestire è molto elevato e poiché l’azione si svolge contemporaneamente in zone molto remote, è necessario utilizzare “pausa tattica” Consente il conflitto in qualsiasi momento e dà comandi a ciascuna delle fazioni o dei veicoli.

READ  J Balvin annuncia il tour mondiale 'Que Bueno Volver a Verte', scopri date e città

Le situazioni presentate dal gioco sono molto diverse e richiedono l’uso appropriato dell’unità in un determinato momento, il problema è che ce ne sono alcune, come Commandos o cecchini, che hanno un potenziale tale da sbilanciare il gioco Rimuove alcune delle sfide presentate da scenari più complessi. Inoltre, l’intelligenza artificiale del nemico non contribuisce a creare un’atmosfera di rischio e il giocatore sente che la pazienza, non l’intelligenza, è la chiave per la vittoria.

Ingrandire

Nord Africa

Ecco il giocatore Assumi il comando dell’Afrika Korps di Rommel in una classica campagna CoH in cui otto scenari devono essere superati uno dopo l’altro Di cui è composto è ambientato in Libia e ha le sue armi per la campagna più ampia. I compiti sono molto interessanti perché si distinguono Le situazioni sono molto diverse e le mappe sono molto ben bilanciate. La mobilità delle forze di Rommel è valutata in netta inferiorità numerica rispetto agli eserciti alleati: reperimento di carburante, conservazione delle forze e mani che colpiscono sono gli assi su cui si muove la campagna.

Peccato che il numero di mezzi corazzati sia molto basso e impedisca lo svolgimento di alcune manovre utilizzate dal generale tedesco durante la guerra nel deserto, e non vi siano zone libere che consentano movimenti perimetrali dietro le linee nemiche.

Ingrandire

grafica

Per essere un gioco di strategia, il reparto grafico di CoH 3 è più che impressionante, Le mappe sono ricche di dettagli: alberi, rocce, filo spinato, bunker, trincee, edifici di vario genere, muri, recinzioni, fiumi… Tutti potrebbero potenzialmente essere usati strategicamente e la stragrande maggioranza potrebbe essere distrutta, sia dall’artiglieria che da unità specializzate in queste missioni. Unità e veicoli sono accuratamente ricreati e rispecchiano fedelmente quelli misurati in combattimento reale, Inoltre, la loro personalizzazione li rende facili da distinguere in mezzo al campo di battaglia. Dettagli come danni all’armatura di carri armati o edifici contribuiscono alla sensazione di sicurezza che l’intero gioco trasmette.

READ  La Croazia è la prima a raggiungere le semifinali di Coppa Davis dopo aver eliminato l'Italia | Gli sport

I menu sono accessibili e forniscono numerose informazioni a schermo senza occupare molto spazio, tuttavia la pausa tattica permette di approfondire qualsiasi fattore senza penalizzare l’esito della battaglia.

Per l’analisi CoH 3, abbiamo utilizzato un Legion 5i Pro di settima generazione (Alder Lake Intel Core i7-12700H con 20 MB di cache, con scheda grafica per laptop Nvidia RTX 3070 (140 W e due moduli di memoria DDR5 da 8 GB a 4800 MHz). Tipo di isteresi OR L’errore.

Ingrandire

multiplayer

CoH offre 3 diverse modalità sia in cooperativa che in PvP, e anche in quei giochi in cui ci sono molti concorrenti e non abbastanza umani, possono essere completati con robot con AI regolabile. Sono disponibili 14 mappe che includono tutti i tipi di terreno, Alcuni preferiscono utilizzare la fanteria (aree urbane) mentre altri mirano ai movimenti veloci delle unità meccanizzate (campo aperto). Le schermaglie consentono un gameplay veloce e un ottimo livello di intrattenimento.

Company of Heroes 3 è coerente in termini di meccaniche di gioco nelle missioni, ma introduce una nuova campagna dinamica che fornisce un enorme salto di qualità alla saga. Unità e veicoli sono ricreati con grande dettaglio e fedeltà storica, cosa che si ripercuote anche sugli scenari pieni di oggetti e sulle caratteristiche geografiche che ne favoriscono l’uso tattico. L’intelligenza artificiale non è così aggressiva come dovrebbe essere e la prudenza è preferita alla mobilità e al rischio. Come in molti RTS, basta produrre una certa unità bilanciata ben al di sopra del suo livello per decidere situazioni che altrimenti sarebbero troppo impegnative.

Il migliore

  • Campagna dinamica in Italia
  • Mappe varie e impegnative
  • unità ricreative
  • Varietà di opzioni tattiche per completare le missioni
  • Quasi tutti gli oggetti sul palco possono essere distrutti

peggio

  • Meno uso dell’aviazione e della marina
  • Ai è un po’ timido