Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come l’hockey su ghiaccio è diventato lo sport più popolare in Himalaya

Il 6 febbraio 2018 è stato stabilito un nuovo record mondiale di hockey su ghiaccio. A un’altitudine di 4.361 metri sul livello del mare nell’Himalaya indiano, un gruppo di appassionati di hockey guidati da Adam Sherlip dell’American Charity Association Fondazione HockeySi sono diretti verso un lago ghiacciato in Ladakh e, in una pista di hockey improvvisata, hanno giocato a hockey alle più alte altitudini della storia.

Non è stato un compito facile: voli difficili, mal di montagna e persino la complicata logistica per portare l’attrezzatura sul sito si sono rivelati una sfida quasi impossibile, ma la scelta del sito non è stata così strana come potrebbe sembrare a prima vista.

“The Hockey Foundation” opera in Ladakh dal 2009, con oltre 7.000 pezzi di equipaggiamento donati alla gente del posto prima che la partita si svolgesse nel 2018.

E quella partita da record mondiale è stata solo una delle tante partite di hockey su ghiaccio giocate sui laghi ghiacciati dell’Himalaya da quando l’istituzione dell’hockey ha iniziato a operare nella regione più di 13 anni fa.

Gli olimpionici si uniscono alla rivoluzione indiana dell’hockey

Saresti perdonato se l’India non è il primo posto a cui pensi quando parli di hockey su ghiaccio. Ma in realtà, la regione himalayana è un luogo ideale per lo sviluppo degli atleti invernali.

Come ha detto a Olympics.com il pattinatore di velocità indiano Vishwarag Jadeja, che si allena in Himalaya: “L’Himalaya copre dieci province, quindi gli sport invernali hanno un enorme potenziale. Ci sono 16 laghi in questa regione e ne ho esplorati solo due. Si tratta di circa È lungo 100 chilometri e largo 20 ed è completamente ghiacciato».

READ  Il marchio Maradona resterà nelle mani di Matthias Morla

In Ladakh ci sono solo due o tre mesi all’anno in cui è possibile giocare sui laghi prima che la neve si sciolga. Ma in quei mesi centinaia di donne, uomini e bambini sono scesi sul ghiaccio, armati dei bastoncini e dei dischi spesso forniti dalla NHL, per inseguire la loro passione per l’hockey su ghiaccio.

La loro passione offre loro anche l’opportunità di entrare in contatto con alcuni dei migliori giocatori di hockey su ghiaccio del mondo, come il sei volte olimpionico ed ex capitano del Canada Hayley Wickenheiser, che visita la regione per allenare i giovani giocatori in questo sport. .

“Ci hanno accolto a braccia aperte ed erano entusiasti di essere con noi sul ghiaccio e di sapere cosa avevamo da dire loro”, ha detto a Olympics.com.

Wickenheiser ha portato oltre 70 borse di attrezzatura per far giocare i giovani atleti ed è rimasto impressionato dal numero di persone che hanno partecipato alle sessioni di allenamento.

“[Había] Bambini disabili su cartone e poi li mettiamo su una slitta e all’improvviso possono volare sulla neve “, ha detto, notando la varietà di bambini che si sono uniti a lei quella settimana.

Alla domanda sul motivo del suo viaggio in Ladakh, Wickenheiser ha chiarito le sue intenzioni.

“Sto solo diffondendo il messaggio che l’hockey è per tutti”, ha detto. “È lo sport più popolare della zona e lì i bambini non vanno a scuola, quindi ci sono molti problemi con il suicidio, la disperazione e la noia”.

L’hockey su ghiaccio evidenzierà il cambiamento climatico

Un altro motivo per giocare a hockey himalayano è evidenziare l’impatto del cambiamento climatico.

READ  SIP23: Lo sport è tornato in borsa a maggio e ha nuovamente superato i 20.000 punti

Nel 2020, “The Hockey Foundation” e il Ladakh Winter Sports Club, in collaborazione con Randstad India e UNFCCC, hanno messo in scena “The Last Game”, come parte di una serie di partite di hockey su ghiaccio giocate in tutto il mondo per evidenziare l’impatto di cambiamento climatico il clima.

L’NHL Hall of Famer Slava Fetisov ha guidato l’iniziativa mentre il Team India affrontava le Nazioni Unite e l’evento includeva la distribuzione di 8.000 borse di stoffa ai residenti del Ladakh con l’obiettivo di ridurre l’uso di plastica nella regione.

Intervenendo all’evento, Paul Dupuy, CEO di Randstad India, ha richiamato l’attenzione sui problemi del cambiamento climatico che hanno già colpito il Ladakh, e Lo riporta il Times of India Visibile perdita di ghiaccio nei ghiacciai dell’area circostante.

“Penso che lo sport sia il miglior legame”, ha detto Dupuis. “Costruisci una comunità, costruisci amicizie e oggi aumenterai la consapevolezza sul cambiamento climatico. Sappiamo che tutti qui in Ladakh sono stati colpiti dal cambiamento climatico. Aumenteremo la consapevolezza, parleremo e racconteremo al mondo la tua storia e prenderemo provvedimenti per sostenerli”.

Il futuro dell’hockey su ghiaccio himalayano

L’hockey su ghiaccio è diventato così radicato nell’Himalaya che la sua influenza si farà sentire per anni e decenni.

Nel 2008 la squadra del Ladakh ha partecipato per la prima volta all’Asian Challenge Cup, ad Abu Dhabi, e da allora la squadra – che comprende molte persone della regione – ha viaggiato molto per disputare partite internazionali. E nel 2009, la squadra nazionale indiana di hockey su ghiaccio ha iniziato a competere sulla scena internazionale, guidata dal fondatore della Hockey Foundation Sherlip.

READ  Il meglio dell'intervista di Alejandro Fantino a Lionel Scaloni su ESPN FShow

La popolarità di questo sport è diventata più evidente negli ultimi anni, con l’hockey su ghiaccio incluso per la prima volta nel programma dei Khelo India Winter Games 2020.

E quattro anni dopo Milano Cortina, c’è la possibilità che potremmo vedere una squadra indiana – magari includendo quelli che si allenano in Himalaya – competere nelle prossime Olimpiadi invernali nelle regioni montuose d’Italia.