Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Com’è Gravity, il nuovo parco divertimenti che ha aperto in Piazza Italia

Com’è Gravity, il nuovo parco divertimenti che ha aperto in Piazza Italia

Apertura

Martin Frontini, l’imprenditore dietro il progetto, ha riflettuto per 10 anni sull’idea di trasformare il pacchetto in una “esperienza”.

Martin Frontini è commercialista ma anche animatore per bambini e sogna da più di 10 anni di aprire uno spazio per spettacoli Suggerisci un gioco diverso.

Finalmente ha realizzato il suo sogno e questa settimana aprirà le sue porte nel centro commerciale Plaza Italia gravitàParco trampolino 320 mq Ambientato nello spazio. L’investimento c’è 350.000 dollari americani.

Situato accanto alla zona ristorazione del centro commerciale, dispone di cinque postazioni di gioco per bambini dai sei anni in su – ma possono andarci anche gli adulti; IL Trampolino Possono sopportare fino a 250 chilogrammi.

Lo spazio è aperto tutti i giorni in Piazza Italia.

«L’attrazione unisce sport e divertimento e la differenza è che molti di coloro che lavorano qui sono insegnanti di ginnastica. Frontini ha spiegato a El Empresario che è positivo che i bambini possano fare esercizio e consumare energia.

Un altro punto di forza dell’intrattenimento è l’estetica, a cui si deve Federico Heredia, l’artista di strada uruguaiano che ha battuto due Guinness World Records.

“Puntiamo a sperimentare”L’imprenditore disse e aggiunse: “Si entra attraverso un tunnel che sembra… Navicella spaziale Sembra una galassia con luci al neon e vernice fluorescente.

Aliquote

I biglietti vanno da $ 390 l’ora dalla domenica al giovedì a $ 490 il venerdì, sabato e festivi.

L’idea è nata quando Frontini ha visitato la sua famiglia negli Stati Uniti quando aveva 20 anni e ha saputo dell’esistenza di parchi di divertimento che contenevano trampolini. L’idea gli piacque e decise di creare qualcosa di simile in Uruguay.

READ  Le vere ragioni della scandalosa rottura tra Christian Castro e Mariela Sanchez

“Ho pensato: devo portarlo in Uruguay, ma sono arrivato e non avevo soldi, non avevo niente. Anni dopo ho potuto farlo, ho pensato a un progetto, l’ho presentato al gruppo Lecueder e ne sono rimasti entusiasti”.