Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Combattimenti al confine colombiano | Il Venezuela chiede “assistenza immediata” all’ONU per il mio permesso

(Caracas) Il Venezuela chiede “assistenza immediata” alle Nazioni Unite per mitigare le mine antiuomo allestite dai gruppi armati colombiani nel sud-est del Paese durante i combattimenti del 21 marzo. Al confine con la Colombia, ha annunciato il presidente Nicolas Maduro.


France Media Agency

Il Venezuela prepara una “comunicazione” da indirizzare al “Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres” […] Cercare assistenza immediata di emergenza dalle Nazioni Unite […] Per mitigare queste uccisioni irregolari e le mine antiuomo lasciate dai trafficanti di droga dalla Colombia “, ha detto domenica Maduro alla televisione pubblica.

Secondo i dati ufficiali venezuelani, 15 persone (6 soldati venezuelani e 9 membri di gruppi armati descritti dalle autorità come “terroristi” sono stati uccisi), mentre i militari venezuelani hanno pubblicato domenica su Twitter le foto dell’attacco di artiglieria.

Dall’inizio dei combattimenti sono state arrestate circa 30 persone e sequestrate armi, munizioni e droghe nel tentativo di impedire ai gruppi armati colombiani di stabilirsi in Venezuela.

“Li abbiamo cacciati (questi gruppi) da diversi campi. Hanno scavato un pezzo di terra […]. Abbiamo perso molti giocatori con queste mine. Assassini!, Ha continuato Mr. Maduro.

Nella solita retorica, il presidente venezuelano ha accusato i gruppi di avere “legami con l’esercito e il governo colombiano (presidente colombiano) Evan Duke”. “Sono vestiti da guerriglieri per servire le rotte del traffico di droga”, ha detto.

Da una fonte della sicurezza in Colombia, questi “gruppi armati” sono oppositori delle ex forze di guerriglia colombiane delle Forze armate rivoluzionarie (FARC) della Colombia.

Sebbene la maggior parte dei 13.000 membri degli ex guerriglieri marxisti abbiano deposto le armi, le fazioni “dissidenti” non hanno accettato il processo di pace firmato nel 2016 in Colombia.

READ  Si avvicina al tema in Italia dal presidente dell'Inter

Secondo l’intelligence militare colombiana, questi gruppi, che non hanno un comando coordinato e sono finanziati dal traffico di droga e dall’estrazione clandestina, sono stati rafforzati in aree isolate.

Sig. Maduro ha detto domenica scorsa che i gruppi non erano coinvolti nel FIRC. Di solito, le autorità venezuelane si astengono dal fare riferimento a questi manifestanti delle FARC.

Nonostante un confine comune di 2.200 chilometri, Venezuela e Colombia non hanno più relazioni diplomatiche, dal momento che Bogotà ha riconosciuto il rivale Juan Guide come leader ad interim del Venezuela nel 2019. I rapporti tra i due vicini ideologicamente opposti sono molto tesi.

Bogotà dice che più di 3.000 persone sono fuggite in Colombia dall’inizio dei combattimenti.