Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ciclismo: i 10 nomi che non ci saranno nel 2022: da arcobaleno a giovane frustrato

Ciclismo: i 10 nomi che non ci saranno nel 2022: da arcobaleno a giovane frustrato

IlLa stagione 2021 del ciclismo professionistico sarà ricordata con nomi come Tadej Pogacar, campione del Tour de France e due monumenti, Primoz Roglic e il suo flex post race, oppure Wout Van Aert, Remco Evenepoel e Mathieu Van der Poel. Ma è, d’altra parte, anche un percorso d’addio per i ciclisti che erano tutto.

Fabio Aro (31 anni)

Uno dei nomi più brillanti che non sarà nel 2022. Cinque anni fa, freccia Era uno dei cinque migliori Voltman del pianeta. .vincitore La Vuelta 2015 Nel penultimo giorno leader tour in italia E diverse fasi del round rosa e pionieristico in tournée in Francia Oltre a vincere il Consiglio delle belle ragazze. Cinque anni dopo, la magia è finita e l’italiano è sparito dalle grandi copertine. Ha ammesso: “Non è un dramma, è un capitolo che si chiude con un nuovo capitolo”. marcatore Durante La Vuelta 2021.

Andr Greipel (39 anni)

Anche i ragazzi veloci perdono il classico. Andre Greipel stava arrivando HTC, Lotto o Israele Uno dei migliori corridori e vincitori. Concorrente generazionale Bollitore Cavendish, determinato dalla sua forza negli ultimi metri. Il ‘Gorilla di RostockSii sempre un classico per gli arrivi di massa.

Dan Martin (35 anni)

Se il combattimento nei turni di tre settimane ha un’immagine nel dizionario, può essere completamente personalizzato per questo Dan Martin. L’irlandese è stato un corridore competitivo fino al suo ultimo giorno da professionista e alle sue vittorie in tutte le discipline, Effetti E la situazione lo definirebbe un grande ciclista per tutta la sua carriera. Ha parcheggiato la sua bici quando non gli piaceva più, un motivo sempre più comune.

Tony Martin (36 anni)

Di tutti quelli che sono scesi dalla bici prima del 2022, Tony Martin è il “Grande Campione”. Uno dei migliori giocatori della storia nella sua disciplina, tre volte campione del mondo contro il tempo e medaglia olimpica, e campione nel grande duello della leggenda contro Fabiano Cancellara. Un ciclista dalle qualità eccezionali, ma negli ultimi anni è stato colpito da cadute. Proprio uno dei motivi della sua partenza. “Brutto cade Quest’anno mi hai fatto chiedere se sono disposto a correre dei rischi nel nostro sport“, sincero.

Roman Kreuziger (35 anni)

Per i tifosi spagnoli, sarà ricordato come l’ultimo grande rally del mondo Alberto contro In quella folle avventura con un eccentrico Oleg Tinkoff come patron, ma Kreuziger romano Era un talento straordinario. Vincitore di tappa al Giro e gare come l’Amstel Gold Race. Non riesco ad isolarmi completamente dal ciclismo, come manager Bahrain – Vittorioso de Landa, Luis Lynn Sanchez o Belo Bilbao.

Tejay Van Garderen (33 anni)

Non solo i grandi eroi si ritireranno, ma anche gli altri che l’hanno sempre aspettato con ansia. Questa è la situazione Tejay Van Gardenen, il motociclista numero uno della Sub-23, con buone prime settimane al Tour, ma senza la possibilità di ottenere la grande gara che lo ha guidato. Da quando ha lasciato la struttura BMC non l’ho sognatogrande anello‘, e in EF Ha avuto momenti significativi nelle gare di seconda fila. “Non avrei mai dovuto fare il passo successivo”, ha spiegato.

Nicola Roche (37 anni)

Dalle famiglie tutto va. Cugino Dan Martin la lascia anche lui. Nicolas Roche, un ciclista che si può definire uno di noi avendo uno spagnolo perfetto, che rinuncia al professionismo dopo una lunga carriera sportiva. Con vittorie in La VueltaDopo che era incintaRoja“Sempre il capo e l’eroe.”

Enrique Sanz (32 anni)

Alla squadra spagnola mancherà una versione classica dell’ultimo decennio. Enrique Sanz, passando per Movistar, Morias o Kern PharmaInoltre, non continuerà nel 2022. “È motivazionale, anche se mi è sempre piaciuto gareggiare e allenarmi”, ha detto. Un corridore che vince sempre e ha la capacità di “bagnare” in diverse gare come Torna in Portogallo.

Gustavo Cesare Veloso (41 anni)

E nessuno signori continua a difendere le aspirazioni del ciclismo nazionale. Le bici della Galizia saranno sempre associate a Gustavo Cesare Veloso, Che a 41 anni lo lascia dopo mille battaglie. Il ciclista competitivo nella massima categoria e dominante nel calendario portoghese, soprattutto quando gareggia con un telaio Porto.

Theo Nunez (21 anni)

Di tutti i nomi correlati, il meno conosciuto è Secondo Nunez. Il 21enne francese è uno dei tanti che cambieranno la loro vita, ma la sua storia è una delle più strazianti. Molto competitivo nel ciclismo formativo francese e con la proiezione all’interno della .sottostruttura Groupama-FDJ, Nunez Se ne andò dopo aver sofferto di problemi di salute mentale. “Un giorno con la pioggia sono uscito per allenarmi e dopo 10 minuti mi sono fermato e ho capito che non volevo continuare”, ha spiegato. “Non mi sono divertito, non ho trovato un senso nella mia vita”, ha aggiunto. Per far rizzare i capelli.

READ  Un mese molto speciale su ESPN & STAR +