Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Che aspetto ha Dragonfly, la nave grande quanto un’auto che sorvolerà la luna di Saturno?

Che aspetto ha Dragonfly, la nave grande quanto un’auto che sorvolerà la luna di Saturno?

La NASA sta testando la navicella spaziale Dragonfly, che esplorerà una delle lune di Saturno

Mentre studiava il ritorno dell’uomo sulla Luna e si allenava così per il primo viaggio su Marte Nel decennio successivo, una pentola Non perderlo di vista Esplorazione dello spazio profondo verso altri mondi.

E così via Una veduta di Titano, la misteriosa luna di Saturno, IL Agenzia spaziale americana La progettazione e la produzione sono state autorizzate questa settimana libellulaun drone a propulsione nucleare delle dimensioni di un’auto destinato a esplorare le sabbie ricche di materiale organico di questo satellite.

All’inizio di quest’anno, Dragonfly ha superato tutti i criteri di successo per la revisione iniziale del progetto ed è stata fissata la data di lancio. Proposto per luglio 2028.

Dragonfly è una missione di atterraggio per elicotteri della NASA che esplorerà Titano, una delle lune di Saturno (NASA)

libellula, La missione unica della NASA sulla superficie di un altro mondo oceanico, È progettato per studiare la complessa chimica che è il precursore della vita.

Il veicolo che sarà costruito e gestito da Laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University (APL) Sarà dotato di telecamere, sensori e campionatori per esaminare le aree della grande luna di Saturno, Titano, note per contenere… Materiali organici Che potrebbe essere stato precedentemente mescolato con acqua liquida, ma ora è congelato sulla superficie ghiacciata.

Come riportato da APL, il team Dragonfly ha compiuto notevoli progressi tecnici, tra cui: Progressi nel testare i sistemi di guida, navigazione e controllo di Dragonfly sui deserti della California che ricordano le dune di Titano.

Data di lancio proposta luglio 2028 (NASA)

È stato anche implementato Test multipli di sistemi di volo nelle esclusive gallerie del vento del Langley Research Center della NASA; ed eseguire un modello di discesa strumentato su larga scala utilizzando simulazioni di pressione atmosferica e temperatura nella nuova camera Titan da 1.000 metri cubi dell’APL.

“Il team Dragonfly ha superato con successo una serie di sfide tecniche e di programmazione in questo coraggioso sforzo per raccogliere nuova scienza su Titano”, ha affermato. Nicola Fox Amministratore associato della direzione della missione scientifica della NASA a Washington. “Sono orgoglioso di questa squadra e della sua capacità di portare avanti tutti gli aspetti della missione”.

Dragonfly percorrerà decine di chilometri su Titano, la luna di Saturno. Questa è la distanza percorsa da qualsiasi rover sulla Terra (NASA)

Dragonfly sfrutta i dati da 13 anni Cassini Scegliere un periodo di tempo calmo per l’atterraggio, insieme ad un sito di atterraggio iniziale sicuro e obiettivi scientificamente interessanti. Atterrerà prima nei campi di dune tropicali dello Shangri-La, che sono simili dal punto di vista del terreno alle dune di sabbia lineari della Namibia in Sud Africa e forniscono un sito di campionamento diversificato.

READ  Hogwarts Legacy promette un'anteprima di due dinamiche chiave del mondo magico

L’elicottero esplorerà questa zona Viaggi brevi, poi farai una serie di viaggi lunghi fino a 8 km, fermandosi lungo la strada per assaggiare regioni affascinanti con geografia diversa. Infine raggiungerai il Cratere della Seta, dove sono presenti prove di acqua liquida, materia organica (molecole complesse contenenti carbonio, insieme a idrogeno, ossigeno e azoto) ed energia, che insieme costituiscono la ricetta per la vita.

Alla fine il lander volerà per più di 175 chilometri (108 miglia), quasi il doppio della distanza percorsa finora da tutti i rover su Marte messi insieme.

Dragonfly è uno sforzo coraggioso come non è mai stato fatto prima“, Egli ha detto Elizabeth “Zibby” Tartaruga APL, Il maestro detective Dragonfly. “Sono ispirato dal modo in cui il nostro team ha ripetutamente superato le sfide lavorando insieme e pensando in modo innovativo. Abbiamo dimostrato di essere pronti per i prossimi passi sulla strada verso Titano e continueremo ad andare avanti con la stessa curiosità e creatività che ci hanno contraddistinto.” ha portato Dragonfly a questo punto”, ha detto.

Il doppio quadricottero Dragonfly esplorerà una varietà di luoghi in questo misterioso mondo oceanico (NASA)

Il team Dragonfly ha raggiunto il traguardo importanti sviluppi tecnici, Tra questi: test di sviluppo Sistemi di guida, navigazione e controllo di Dragonfly E dei deserti della California che ricordano le dune di Titano; Test multipli di sistemi di volo nelle esclusive gallerie del vento del Langley Research Center della NASA; e gestire un modello di discesa ampiamente strumentato utilizzando la pressione atmosferica e la temperatura simulate nella nuova camera Titan da 3.000 piedi cubi dell’APL.

“Gli sforzi dedicati del team Dragonfly sono stati a dir poco eroici”, ha spiegato Bobby Brown, responsabile dell’esplorazione spaziale presso APL. “Ingegneri, scienziati e project manager di APL, NASA Goddard Space Flight Center, NASA Langley e Ames Research Centers, Lockheed Martin, Sikorsky e molti dei nostri partner universitari e industriali hanno formato un team senza soluzione di continuità la cui esperienza e conoscenza stanno plasmando il mondo. cambiando le regole del gioco in questa missione esplorativa”, ha aggiunto l’esperto. “Sono molto orgoglioso di questa squadra e sono fiducioso che continueranno a sviluppare questo sistema nella Fase C.”

READ  Funzionalità principali e modifiche al modulo Google

APL gestisce la missione Dragonfly per la NASA. Il team comprende partner chiave del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland; Lockheed Martin Aerospace Corporation a Littleton, Colorado; Sikorsky, Lockheed Martin; Centro di ricerca Ames della NASA nella Silicon Valley, California; il Langley Research Center della NASA a Hampton, Virginia; Pennsylvania State University nello State College, Pennsylvania; Malin Space Science Systems a San Diego, California; Honeybee Robotics a Pasadena, California; il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California; Agenzia spaziale francese (CNES) a Parigi; il Centro aerospaziale tedesco (DLR) a Colonia, in Germania; e la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) a Tokyo.

Dragonfly è la quarta missione del programma New Frontiers della NASA, gestito dal Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, per il Science Mission Directorate dell’agenzia a Washington.