Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Avremo un’ora e mezza per scoprire perché Venere si è trasformata in un inferno.”

“Avremo un’ora e mezza per scoprire perché Venere si è trasformata in un inferno.”

La NASA lancerà l’ambiziosa missione nel 2029 Da Vinci a Venere. Costituito da una sfera di titanio di 200 chilogrammi che protegge al suo interno preziosi strumenti scientifici, dopo due anni attraverserà l’atmosfera densa e tossica di Venere sospesa da un paracadute e temperature costanti che si avvicinano ai 500 gradi Celsius entro un’ora e mezza dalla discesa in superficie, e raccoglierà dati in tempo reale per provare a scoprire se Venere ha oceani come la Terra e perché è diventata un inferno. Non è questo il suo scopo, ma la sonda potrebbe trovare indicazioni indirette che il pianeta ha ospitato la vita o l’ha fatto a un certo punto. La missione sarà “rivoluzionaria”, afferma Geronimo Villanueva, del Goddard Space Flight Center (Maryland, USA).

Cosa rende Da Vinci diverso dalle altre sonde inviate su Venere?

—Negli anni ’70, la NASA e l’Unione Sovietica hanno inviato molte missioni che ci hanno mostrato che è un pianeta infernale ed è molto difficile da esplorare. Col tempo, siamo arrivati ​​a capire che quello che oggi è un mondo caldissimo con un effetto serra incontrollato, era tornato come la Terra: aveva gli oceani e sarebbe stato abitabile. Parte degli obiettivi di da Vinci è scoprire perché l’ha cambiato.

“Come lo avrai?”

– con strumenti ad alta potenza: una telecamera panoramica e uno spettrometro di massa, che consentono di determinare la composizione chimica dell’atmosfera durante il volo di da Vinci in superficie. Questo è il grande tesoro della spedizione: studiare se contenesse o meno la “Zuppa della vita”, capire cosa è successo nel suo passato e cosa lo ha fatto cambiare.

READ  La Russia avverte: la ISS deve affrontare "danni irreparabili"

“Come sarebbe quel viaggio attraverso l’atmosfera?”

“Per la prima mezz’ora, la capsula attraverserà un’area più sottile e più fredda, come quella nella parte superiore dell’atmosfera del nostro pianeta. Quindi il paracadute si aprirà per rallentarla per un’altra mezz’ora, mentre attraversa una fascia con temperature e pressioni molto simili a quelle della Terra. Quando finalmente sprofonderà nella parte pesante e con temperature molto elevate, si separerà dal paracadute e inizierà la caduta libera. Colpirà la superficie a 45 km all’ora. Lì avremo 17 minuti di autonomia per effettuare l’osservazione s e studia l’atmosfera vicino Dal tetto e ottieni una vista panoramica del luogo.

Quali sono le principali sfide che dovete affrontare?

– Alte temperature, risorse limitate e, cosa più difficile, è in tempo reale. Da Vinci invierà costantemente dati sulla Terra e tutte le risorse della NASA indicheranno Venere per la raccolta. Sarà un’ora e mezza di grande stress per la Nasa ma ad altissima intensità scientifica.

“Cosa porterà l’altra missione su Venere selezionata, Veritas?”

– Mentre da Vinci ci darà molti dati scientifici da un’area specifica, Veritas ci permetterà di mappare il pianeta e vedere i suoi continenti, dandoci un’idea globale.

“Cosa è successo a Venere che è cambiata così tanto ed è diventata un inferno?”

“Pensiamo che Venere fosse una volta un pianeta con oceani come la Terra, ma a un certo punto è andato fuori controllo per qualche motivo e ha subito una trasformazione radicale. Da Vinci ci fornirà molte informazioni importanti per sapere se questo è realmente accaduto e quali processi rendono un pianeta abitabile un inferno, e qual è il punto di non ritorno. Ci aiuterà a capire il futuro del nostro pianeta. Ci aiuterà anche nella nostra ricerca di un mondo simile alla Terra al di fuori del nostro sistema solare.

READ  3 trucchi di fotoritocco mobile che funzionano, anche se non hai idea della fotografia

la vita è molto semplice

Un giorno potrebbe succedere la stessa cosa alla Terra?

– Sì, se non controlliamo l’effetto serra. Ma ci sono notevoli differenze. Nel caso del nostro pianeta, essere un po’ più lontani dal Sole è un vantaggio: otteniamo meno insolazione e meno rotazione. Il nostro pianeta ruota ogni 24 ore, regolando la circolazione dell’atmosfera. Su Venere la rotazione, che è l’opposto, è molto più lenta ei movimenti dell’aria sono diversi. È chiaro che questi elementi, insieme all’importante attività geologica della Terra, hanno reso diversa l’evoluzione dell’effetto serra.

– La possibilità che Venere possa avere vita atmosferica ha aperto molti dibattiti.

Venere è l’inferno, ma come sulla Terra, quando si inizia a salire nella sua atmosfera, le temperature sono più miti e arriva un momento in cui le temperature raggiungono i 20 gradi Celsius e le pressioni sono più miti. In quei luoghi ci sono nuvole di acido solforico che non sono piacevoli per la vita, ma si pensa che tra loro possano esserci piccoli componenti attorno ai quali si accumula l’acqua. Se ci fosse acqua e la giusta temperatura e pressione, potrebbe essere una zona abitabile. Molti ricercatori in tutto il mondo stanno cercando queste tracce di vita. Penso che da Vinci sarà rivoluzionario perché sarà in grado di attraversare quelle nuvole e prendere misure in situ, il che aiuterà a risolvere alcuni di quei potenti dibattiti.

“Se la vita esiste o esiste su Venere, Da Vinci può trovarla?”

Quello che puoi fare è cercare i cambiamenti chimici che indicano un processo biologico attivo. Da Vinci può darci indicazioni che sta accadendo qualcosa di strano, indicazioni di abitabilità attuale o passata, ma non una risposta definitiva.

READ  La corrente di Magellano è cinque volte più vicina di quanto pensassimo e si fonderà con la Via Lattea

“Se ci fosse vita, come sarebbe?”

Molto semplice, microbiotico. piccoli batteri.