Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Appartamento Von der Leyen e senza nuove idee o pubblicità

Appartamento Von der Leyen e senza nuove idee o pubblicità

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, al Parlamento europeo a Strasburgo (Francia), il 13 settembre.Philipp von Dittfurth/Getty Images


  • Il tedesco incentra il suo discorso sullo stato dell’Unione europea rispetto all’allargamento, alla trasformazione ambientale e all’economia


  • Von der Leyen non ha annunciato se lei, Ursula von der Leyen, si candiderà nuovamente al Parlamento europeo a Strasburgo (Francia) il 13 settembre.


  • La presidente della Commissione ha pronunciato il discorso conclusivo del suo mandato sullo stato dell’Unione europea

Le malelingue dicono che il Discorso sullo stato dell’Unione Europea (SOTEU, nell’acronimo inglese) pronunciato ogni anno dal Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, come i suoi due precedenti capi e l’imitazione dei discorsi sullo stato dell’Unione dei presidenti americani, non ha alcun interesse al di fuori della bolla europea di Bruxelles. Ma la lettera, che è stata precedentemente consultata con i governi, è almeno informativa Dove vuole che vada la Commissione europea con il suo lavoro politico?. Di solito si dice “voglio” e “non posso” perché le circostanze e le crisi stabiliscono l’agenda.

Nel suo discorso, von der Leyen si è concentrata su diverse questioni chiave, in particolare sul futuro, se ciò accadrà. Ampliamento dell’Unione Europea a paesi come Ucraina, Moldavia e paesi dei Balcani. Si è concentrato anche sulle politiche economiche, sulla transizione ambientale e sulla guerra della Russia contro l’Ucraina. Non era un discorso particolarmente emozionante, né sembrava ricercare quell’emozione. Von der Leyen non ha fatto grandi annunci di nuove politiche, né sembra aver presentato un programma d’azione, ma piuttosto conferenze e dialoghi, come se fosse sulla via d’uscita.

READ  Melonie turbata | vista | Paese

Ha invitato gli ucraini ad avere fiducia nei loro vicini dell’Unione europea e ad invitare quattro milioni di loro a vivere come rifugiati nell’Unione europea Sono i benvenuti”. La provenienza dei rifugiati è importante affinché possano essere “accolti” o deportati dalla Tunisia al Sahara, come è avvenuto da quando la stessa von der Leyen ha firmato l’accordo sull’immigrazione con la dittatura tunisina, che la dittatura tedesca ha difeso nel suo discorso.

L’Ucraina vuole solidarietà (denaro e armi) ma vuole anche entrare nell’Unione Europea. Von der Leyen sostiene l’allargamento ma riconosce che con l’attuale funzionamento delle istituzioni, delle politiche e delle finanze europee, questo non sarà fattibile. Le attuali norme sulla distribuzione dei fondi agricoli fanno sì che gli agricoltori ucraini riceveranno il 100% di questi fondi.

L’economia europea soffre di un rallentamento soprattutto per questo motivo Nell’area dell’euro il tasso di inflazione varia tra il 5% e il 6%.. Ad eccezione della Spagna, le altre principali economie europee (Germania, Francia, Italia e Paesi Bassi) stanno registrando una crescita economica molto modesta e un’inflazione leggermente superiore al livello desiderato (il 2% preferito dalla Banca Centrale Europea). Von der Leyen ha chiesto tempo per ridurre l’inflazione al 2%.

L’altra buona notizia economica è il calo dei prezzi dell’energia (Il prezzo di un megawattora di gas è passato da 300 euro a circa 35 euro in un anno) e che l’Europa è riuscita a ridurre gli acquisti di gas dalla Russia. Dall’inizio della guerra la produzione di gas è aumentata da circa 155 miliardi di metri cubi annui a circa 35 miliardi. Per alcuni il ritorno di Mario Draghi è una buona notizia, anche se per ora si limita a riferire sulla competitività.

READ  Il progetto infrastrutturale cinese “Nuove Vie della Seta” ha generato contratti per un valore di 2 trilioni di dollari in tutto il mondo

von der Leyen A ciò seguono alcuni governi e alcuni partiti di alcune coalizioni governative che chiedono di “fermare” la trasformazione ambientale. Non lo chiedono perché il pianeta può aspettare, ma perché colpisce settori che sono importanti fonti di voto. Senza usare il termine “pausa”, von der Leyen ha affermato mercoledì che l’UE dovrebbe concentrarsi sull’attuazione di quanto concordato e che il “Green Deal” sta entrando in una nuova fase che si concentrerà sulla competitività e sul dialogo dell’industria. Con i cittadini. In effetti, la velocità della trasformazione ambientale è nelle mani dei governi, non della Commissione, perché le decisioni al riguardo, come la politica energetica, sono essenzialmente nazionali.

Von der Leyen lo vuole Che gli agricoltori sono alleati della trasformazione ambientale, non nemici. Ecco perché li ha elogiati nel suo discorso. La destra europea tradizionale, raggruppata nel Partito popolare europeo, cominciò a vedere le orecchie da lupo dei partiti agrari (nei Paesi Bassi, il Nuovo Partito Agrario, con sfumature populiste di estrema destra su questioni come l’ambiente e l’immigrazione) era l’ideale soluzione. La forza più forte ha votato alle ultime Regionali. I voti rurali sono voti che tradizionalmente vanno al voto popolare, che non accoglie favorevolmente la nascita di partiti che possano sottrargli sostegno in questo ambito.

Von der Leyen ha avuto il tempo di dirlo L’intelligenza artificiale genera opportunità ma comporta rischi, che i colpi di stato nella regione del Sahel costituiscono una fonte di preoccupazione per l’Europa e una fonte di instabilità nella regione. Su questioni come l’immigrazione, le pubblicità si limitano a presentare altre delle solite politiche fallite: non servono né (perché questo è il loro scopo) a impedire l’arrivo dei migranti né a salvare vite umane. Se vengono, non è perché fuggono dalla guerra o dalla carestia, ma a causa delle reti mafiose.

READ  Il petrolio rimane sopra i 112 dollari al barile e sale per il terzo giorno consecutivo

Nessuno a Bruxelles sa spiegare perché, senza le reti mafiose, più di quattro milioni di ucraini hanno lasciato il proprio Paese in pochi mesi. Oppure perché nel 2015 sono venuti i siriani (la guerra) e non i giordani se la strada e le reti mafiose erano la stessa cosa? La Commissione europea è pienamente convinta delle sue politiche vecchie e inefficaci Organizzazione di una conferenza internazionale sulla lotta alla tratta di esseri umani. Ciò significa che se non ci fossero i commercianti, non ci sarebbe l’immigrazione irregolare.

Pochi annunci in un discorso dal quale non ci si aspettavano grandi novità. Ciò che è più importante è avviare un’indagine che potrebbe rivelarsi controproducente Tariffe aggiuntive sulle auto elettriche prodotte in Cina se, come denunciano alcuni governi, si scopre che ricevono sussidi Da Pechino. Il resto è tanto “dialogo strategico”, come quello sul futuro dell’agricoltura nell’Ue. Questi “dialoghi strategici” di solito non portano da nessuna parte, ma è un termine popolare. La Von der Leyen ha tenuto un incontro a Parigi qualche settimana fa con il presidente Emmanuel Macron, ma l’incontro non è stato convocato. Neppure il vertice. Mi è sembrato appropriato chiamarlo “dialogo strategico”.