Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anguissola, il pittore rinascimentale che abbagliò Michelangelo a vent’anni

Anguissola, il pittore rinascimentale che abbagliò Michelangelo a vent’anni

Apprendista informale di Michelangelo, riconosciuto dal Papa e pittore dei re spagnoli. Sofonisba Anguissola Può essere considerata una delle principali donne nel raggiungimento dell’omaggio artistico nel Rinascimento.

Ma, fatta eccezione per gli intenditori d’arte e i critici, oggi è un nome sconosciuto a molti.

(Potrebbe interessarti: Un ippopotamo ucciso e altre storie infelici dell’arte colombiana)

con il suo meraviglioso talento, Sofonisba ha impressionato Miguel Ángel all’età di vent’anniper diventare un artista popolare e mobile Ha incontrato e disegnato grandi personalità fino alla sua morte.

Tuttavia, la sua popolarità non è paragonabile a quella dei suoi colleghi come da Vinci, Raffaello o Caravaggio.

Nacque nel 1532 nella regione di Cremona, in Italia. In seno a una nobile famiglia. Suo padreAmilcare Anguissola, in anticipo sui tempi, Aveva l’insolito atteggiamento di incoraggiarla a diventare una pittrice professionista.

Ha incoraggiato non solo suo figlio Sadrbal, ma anche tutte le figlie a ottenere un alto livello di istruzione e sviluppare capacità artistiche.

Col tempo, Il talento di Sofonisba è diventato troppo evidente per essere ignorato.

(Leggi anche: Il volto meno noto di Frida Kahlo in mostra in Messico)

All’età di 14 anni iniziò a prendere lezioni dal pittore italiano Bernardino Campi.

Uno dei suoi dipinti più famosi è un ritratto delle sue sorelle che giocano a scacchi, che all’epoca era considerato un gioco maschile – strettamente legato all’idea di razionalità – con giovani donne a dominare il gioco.

In altre parole, Sofonisba ha vissuto in una straordinaria famiglia di donne che hanno imparato le abilità pensandoFino ad allora, maschile.

Secondo Claudinei Cássio de Rezende, professore di storia dell’arte presso la Pontificia Università Cattolica di San Paolo e borsista post-dottorato in storia moderna, all’epoca Era molto difficile per una donna che non apparteneva a una classe benestante essere un’artista“perché la questione dell’arte, in primo luogo, era una questione di classe”.

Lettere con Michelangelo

Anche Sofonispa Ha iniziato ad andare d’accordo con Miguel Angel.

Dopo aver visto il suo disegno di una foto di una ragazza che ride, le ha chiesto di raffigurare un ragazzo che piange.

READ  Charlie Garcia nel giorno del suo compleanno: il giorno in cui ha "tradito" San Lorenzo per ottenere River, la sua amicizia con Maradona e altro

(Anche: la base della statua di Ramesse II e della Grande Sfinge trovata nel Cairo orientale)

e il Il pittore gli ha inviato un disegno a carboncino di suo fratello che piange dopo essere stato morso da un granchio.

Impressionato, Michelangelo riconobbe il suo immenso talento e la condivise nei suoi disegni, offrendo consigli e una sorta di tutoraggio informale.

Si crede che Anni dopo, quest’opera a carboncino di Sofonisba ispirò il dipinto Bambino morso da una lucertola.di Caravaggio.

Non le ci volle molto per guadagnare fama internazionale, diventando la prima artista donna a compiere questa impresa, secondo i documenti storici.

Secondo Rezende, Sofonisba appartiene a un gruppo molto particolare: quello delle donne artiste.

(In più: Colombia Artesanal, il sito con percorsi artigianali nazionali)

“È qualcosa di molto raro, soprattutto nel mondo rinascimentale e barocco, quello È la prima donna, o almeno di cui siamo a conoscenza, che ha un resoconto documentato di come è diventata una celebrità“.

Cameriera della regina

In 1569 giunse all’attenzione del governatore spagnolo di Milano, il duca di Cissa.

Finì con il suo invito come dama di compagnia della regina di Spagna durante il regno di Filippo II, quando lavorò come ritrattista per la famiglia reale.

Gli scrisse persino papa Pio IV chiedendogli un ritratto della regina di Spagna.

Per Rezende, il fatto che Sofonisba abbia raggiunto il prestigio ha anche molto a che fare con il tempo in cui ha vissuto.

“Quello che avevamo fino ad allora erano artigianiFino a quel momento l’arte era stata vista solo come una lettera. Da quel momento in poi, l’arte divenne arte come la intendiamo oggi.lui spiega.

(Potrebbe interessarti: Leonardo da Vinci era figlio di uno schiavo ed era italiano solo per metà)

Tuttavia, il fatto che Sofonisba fosse una pittrice di corte “non ufficiale” e firmasse raramente le sue opere significava che molte di esse erano attribuite ad altri artisti, in particolare al pittore ufficiale di corte, Alonso Sánchez Coelho.

Dopo aver superato il tribunale spagnolo, Tornò in Italia, dove visse fino alla sua morte nel 1625, all’età di 93 anni.

READ  Da China Suárez a L-Gante: gli adorabili regali di Natale delle celebrità per i loro bambini

Poco prima cessa di essere apprendista per diventare insegnante e istruisce Anthony van Dyck, che diventerà il principale pittore di corte in Inghilterra.

Il suo secondo marito ha inciso queste parole sulla sua lapide nella Chiesa di San Giorgio dei Genovese a Palermo, Italia: “A Sofonisba, una delle donne più famose al mondo per la sua bellezza e le straordinarie capacità naturali, così distinta nella raffigurazione del immagine umana che nessuno della sua età potrebbe eguagliarla”.

Oggi vengono identificate sempre più opere della sua paternitàPer sostenere l’eredità di questa donna straordinaria.

Commercio del Cinquecento

Sofonisba Anguissola è stata una delle prime donne a uscire da un circolo fino ad allora dominato dagli uomini.

Ma come l’ha avuto?

La risposta è nella domanda stessa: con l’aiuto degli uomini.

Così dice la sociologa Isabel Anchita, autrice della trilogia Portraits of Women in the Modern West.

Ad oggi ha dodici selfie riconosciuti, forse l’unica donna che ha utilizzato l’immagine di sé come strategia di auto-miglioramento. Anche Frida Kahlo, nel Novecento, l’ha abbracciata».

(Anche: Juana Acosta offre il miglior finale a “El perdón”)

Fu il padre di Sofonisba a inviare queste immagini a varie corti e personaggi importanti.

“Non è solo talento, c’è un’interessante struttura sociale, strategia di marketing non solo per lei, ma anche per suo padre”, analizza Isabelle.

In molti casi, come è accaduto anche con l’artista Lavinia Fontana, I padri sono stati determinanti nell’abbattere le barriere di genere e nell’incoraggiare le figlie.

Ma secondo il sociologo questo non può in alcun modo essere utilizzato per sminuire il lavoro di questi artisti.

(Anche: Il ritorno dell’arte politica del brasiliano Antonio Henrique Amaral a New York)

“Oggi capiamo che non erano soggetti ai genitori, ma era il modo più efficace e strategico per loro di entrare nel mercato dell’arte. Ciò non diminuisce il loro talento, anzi, mostra astuzia“.

l’eredità

Sofonisba è stata pioniera in molti modiIl fatto che sia stata formata da pittori locali ha anche stabilito un precedente per l’accettazione di donne come studentesse d’arte.

READ  V Festival di musica classica: il barocco conquista Bogotá

Sebbene Quasi tutte le icone del Rinascimento sono uomini e hanno vissuto fino a 93 anni Con lo status sociale dell’artista, il famoso e il grande personaggio, spiega Resende.

Ma perché, allora, il suo nome non veniva pronunciato allo stesso modo dei suoi colleghi maschi?

(Anche: Leggende della storia delle grandi donne di Manuel Drezner)

Secondo la sociologa Isabel Anchita, “la storia delle donne è fatta più di casi di esclusione che di assenteismo”.

In realtà, Storicamente ci sono meno artiste donne che uomini, ma questo non significa che non esistano.

Stima che “quello che sta accadendo ora è il recupero di questi dipinti, il trasferimento delle donne nella storia in ogni modo. Le stiamo riscoprendo. E penso che riguardi le donne in tutti i mercati, compreso il mercato dell’arte”.

Donne nei musei

Sofonisba Anguissola ha aperto molte porte ad altri artisti, tra cui Lavinia Fontanache, nel suo autoritratto del 1577, si ispirò ai modelli della collega per affermare lo stesso status della donna colta e dell’artista.

Tra il 2019 e il 2020, il Museo del Prado in Spagna ha ospitato per la prima volta una mostra congiunta di questi due artisti che hanno segnato il Rinascimento.

A quel tempo, il direttore del Prado, Miguel Valomir, JHa descritto la mancanza di opere femminili nel museo come un’ingiustizia che l’istituzione non risparmia sforzi per correggere.

(Inoltre: cosa c’era dietro il bullone sulla faccia di David Bowie?)

Il São Paulo Assis Chateaubriand Museum of Art (MASP) ha aperto nel 2019 la mostra Women’s History, Feminist Stories: An Anthology.

Tra le opere esistenti c’era un autoritratto di Sofonisba.

Ora puoi ricevere notifiche da BBC Mundo. Scarica e attiva la nuova versione della nostra applicazione per non perdere i nostri migliori contenuti.

Conosci già il nostro canale YouTube? Partecipare!

BBC-NEWS-SRC: https://www.bbc.com/mundo/noticias-64802562, data di importazione: 2023-03-19 14:20:08