Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anche l’Italia sta studiando campioni dell’asteroide Bennu – Scienza e Tecnologia

Anche l’Italia sta studiando campioni dell’asteroide Bennu – Scienza e Tecnologia

(ANSA) – Roma, di Enrica Batifolia – Come una capsula del tempo, i campioni di suolo dell’asteroide Bennu prelevati dalla missione OSISIS-REx della Nasa sono pronti a raccontare nuovi capitoli della storia del sistema solare, e forse anche della vita sulla Terra. Terra.
Sono circa 200 i ricercatori da tutto il mondo che aspettano di essere intervistati, tra cui tre italiani. “Si pensa che asteroidi come Bennu abbiano portato gli elementi della vita”, dice all’ANSA Maurizio Pagula, dell’Osservatorio di Padova dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, che venerdì si recherà negli Stati Uniti, a Houston, dove si trova il Johnson Space Center si trova. Si trova la NASA e dove si trova la capsula.
Inoltre, il gruppo di John Brocato, dell’Osservatorio di Arcetri dell’Istituto Italiano di Astrofisica, e il gruppo di Elisabetta Dotto, dell’Osservatorio di Roma dell’Istituto Italiano di Astrofisica, sono in attesa di ottenere dei campioni. Ci vorranno mesi prima che i campioni vengano distribuiti ai laboratori: «Bisogna condurre studi preliminari sulla natura dei campioni negli Stati Uniti, prima che siano classificati e distribuiti», nota Brocato.
L’attesa è sicuramente molto lunga perché Bennu appartiene a una famiglia di asteroidi primitivi, chiamati condriti carboniose, che si pensa risalgano alla formazione del sistema solare e possano contenere acqua e materiali organici.
“Si pensa che oggetti come Bennu abbiano rilasciato acqua e materiali organici nella Terra appena formata, portando allo sviluppo della vita sul nostro pianeta”, afferma Elisabetta Dotto.
“L’impresa raggiunta da Osiris-Rex è quindi di fondamentale importanza per la scienza – aggiunge il ricercatore – perché ha consentito a materiali primitivi di raggiungere la Terra da uno dei corpi meno sviluppati del sistema solare, senza essere contaminati all’arrivo dall’ambiente terrestre .”
La sfida ora è continuare a prevenire l’inquinamento. Per questo motivo la capsula viene conservata in una stanza sterile saturata di azoto puro. “È essenziale, perché il pericolo non è che il materiale dell’asteroide contamini la Terra, ma che l’atmosfera terrestre contamini i campioni”, spiega Pagula.
La capsula, che rimane sigillata, sarà sottoposta nei prossimi giorni ad una sorta di TAC, che aiuterà a capire come sono distribuiti i frammenti al suo interno.
“Analizzerò le immagini per determinare le dimensioni. Conoscere le dimensioni dei campioni prelevati dalla superficie dell’asteroide è importante anche per determinare come distribuirli nei centri di ricerca, ma è anche una preziosa fonte di informazioni scientifiche”, afferma Pagula. Dice ancora.
La capsula verrà aperta solo dopo questa prima fase di analisi, prevista entro la prossima settimana.
Poi è previsto un lungo periodo di studi, durante il quale i campioni verranno conservati in contenitori riempiti di azoto puro, come è avvenuto con le rocce lunari portate sulla Terra dalle missioni Apollo. “Il numero di campioni che possono essere distribuiti ai centri di ricerca non è stato ancora determinato”, afferma Bagula. La quantità totale arrivata sulla Terra è sicuramente significativa: almeno 250 grammi, secondo la NASA. E aggiunge: “Siamo di fronte a una capsula del tempo – commenta Brocato – perché abbiamo prelevato campioni da un corpo primitivo, che ha la stessa età del sistema solare. Speriamo di trovare materia organica, come aminoacidi”, riferendosi a il fatto. Asteroidi simili a Bennu “caddero sulla Terra in abbondanza, nelle prime fasi della formazione del nostro pianeta”.
Determinare quale materia organica contengano è ciò che Brocato intende fare quando i campioni saranno nel suo laboratorio: “Finora sono stati trovati amminoacidi nei meteoriti, ma poiché l’analisi viene eseguita molto più tardi, non si può mai essere sicuri che sia presente materia organica”. nei meteoriti.” “. Il materiale non è di origine terrestre”.
Questa volta può esserci conferma dell’origine esterna dei materiali che costituiscono le componenti fondamentali della vita. (Io dimentico).

READ  Il vaiolo delle scimmie si diffonde in Italia e Svezia e l'Organizzazione Mondiale della Sanità lancia l'allarme per tracciare i contatti

Tutti i diritti riservati. ©Copyright ANSA