Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Abbiamo iniziato a lavorare su Baldur’s Gate No. 4 e poi ci siamo fermati.”  Larian Studios fornisce nuovi dettagli sulla sua decisione di non realizzare un seguito del suo gioco di ruolo di punta: Baldur’s Gate 3

“Abbiamo iniziato a lavorare su Baldur’s Gate No. 4 e poi ci siamo fermati.” Larian Studios fornisce nuovi dettagli sulla sua decisione di non realizzare un seguito del suo gioco di ruolo di punta: Baldur’s Gate 3

I creatori di Baldur’s Gate 3 si sono alternati concentrandosi sulla loro proprietà intellettuale

Una delle novità più sorprendenti dell’anno in fatto di videogiochi è arrivata dai loro creatori Porta di Baldur 3. Tutto ci portava a credere che Larian Studios avrebbe continuato a sfruttare il successo del suo videogioco creando contenuti scaricabili o sequel. È qualcosa di così comune nel settore da essere considerato più un fenomeno naturale che una decisione aziendale. Ma, Lo sviluppatore gli ha detto di no Che probabilmente era la strada più semplice da seguire. Ora direttore dell’azienda Ha esaminato le ragioni di questa decisione.

Larian Studios vuole essere indipendente

Swen Finke, regista del famoso gioco di ruolo Studi LarianiUlteriori dettagli sono stati rivelati da A Intervista con il gioco dello stress. “In effetti, abbiamo iniziato a lavorare sia sul DLC che su Baldur’s Gate 4 e poi ci siamo fermati, penso che uno dei problemi sia che non è nostra proprietà intellettuale. Il successo attira molta attenzione, ma per noi lo era importante Fare sempre le proprie cose. Vogliamo mantenere l’indipendenza di Larian. Con BG3, è stato un miracolo che ci abbiano lasciato in pace e che potessimo fare quello che volevamo”, ha spiegato lo sviluppatore.

Il capo di Larian Studios ha spiegato che uno dei grandi obiettivi dell’azienda è rimanere indipendente: “Ciò non significa che ci consideriamo dei santi o qualcosa del genere. Stiamo solo cercando di realizzare il nostro gioco. E di realizzare il nostro gioco , dobbiamo avere un livello di libertà che possiamo raggiungere solo se fossimo indipendenti e lottassimo duramente per questa indipendenza. Questo rende molto difficile lavorare con noi. (…) La compagnia sta cercando di liberare spazio in modo che possiamo fare quello che vogliamo suonare.”

READ  Le meravigliose immagini di Giove scattate dal James Webb Telescope

Baldur’s Gate 4 non sarà sviluppato da Larian Studios.

“La risposta della mia azienda è che il mio KPI è un gioco, non mi interessano i profitti. Siamo partiti da zero e possiamo tornare a zero. Spero che ciò non accada, perché ci piace poter fare delle cose, ma l’importante è creare un gioco davvero bello. Ci sono molti mercati per questo. Le persone vogliono buoni giochi di ruolo, quindi ha senso realizzarli. La parola che odio di più in questo settore è “utili trimestrali”.. Ha fatto molti danni alla storia dei videogiochi. “Mi dà fastidio quando qualcuno mi dice che qualcosa deve essere pronto per questo o quel trimestre”, ha detto Finke.

Il futuro appartiene ai creatori di Baldur’s Gate 3

Avendo deciso che il “viaggio” seguito al successo di Baldur’s Gate 3 è ormai terminato, il prossimo passo per gli sviluppatori è Promuovere il lavoro su nuovi progetti. Ne hanno parlato anche nell’intervista, anche se non hanno fornito molti dettagli. “Se qualcuno alla Larian ora ti dice come sarà il gioco, non lo sa perché proviamo molte cose diverse. Abbiamo idee, ma siamo un’azienda che può iterare cose.

“Se dovessi essere sincero… Stiamo ancora cercando di capire cosa diavolo sarà.“, ha continuato il direttore di Baldur’s Gate 3 parlando del suo prossimo titolo. La parte brutta è che dovremo aspettare. La parte buona è che il gioco sarà esattamente quello che il team vuole. Spero che tutti i giochi siano sviluppati secondo questa filosofia .

READ  Remake di Max Payne 1 e 2 annunciati da Remedy

Nei giochi 3D | Il boss di Baldur’s Gate 3 non ha consigli per coloro che continuano la saga dei giochi di ruolo, poiché dovrebbero semplicemente “fare le proprie cose”..

Nei giochi 3D | È un’epopea che ha venduto 21,3 milioni di copie, ma SEGA ha rifiutato due volte Like a Dragon (Yakuza) perché temeva che non avrebbe “attratto le masse”..