Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

45 persone arrestate in un’operazione internazionale per abusi sessuali su minori, tre in CABA | Luz de Infantia, Operazione contro gli abusi sessuali sui minori

totale 45 persone Sono stati catturati martedì durante 125 incursioni simultanee di abusi sessuali su bambini e adolescenti in nove paesiDodici di loro sono stati eseguiti nella città di Buenos Aires con tre arrestati, nell’ambito dell’operazione “Luz de Infancia X”, ha riferito la Procura della Repubblica.

processo dentro kappa Raid in cui sono stati confiscati 15.000 file digitali e sono stati effettuati altri raid PanamaE il EcuadorE il Costa RicaE il Repubblica DominicanaE il ColombiaE il stato unitoE il Brasile S Paraguayche sono stati tutti eseguiti contemporaneamente.

A partire da questo pomeriggio, ai tre arrestati in Argentina si sono aggiunti altri 40 in Brasile e due a Panama.

In questa occasione, la questione nasceva dall’azione comune e transnazionale che aveva intrapreso Il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti e il Segretariato nazionale della pubblica sicurezza del Brasileche utilizzano un programma P2P (da persona a persona) hanno ottenuto informazioni da utenti che hanno scaricato e condiviso materiale di violenza sessuale contro ragazze, ragazzi e adolescenti nella città di Buenos Aires.

In questo contesto, la responsabile dell’unità finanziaria specializzata in reati e illeciti informatici, Daniela Dupuis, ha affidato compiti di indagine all’Unità per la criminalità informatica dell’Autorità investigativa giudiziaria (CIJ) del MPF, “per approfondire le informazioni e individuare i target rilevati in CABA”, si legge in una nota.

È stato così possibile individuare gli indirizzi nei quartieri di Villa Devoto, Villa Urquiza, Parque Chas, Cabalito, Mataderos, Almagro, Parque Patricios, Flores, La Boca, Parque Chacabuco, Balvanera e Palermo, per i quali Dubuis ha richiestoincursioni contemporaneamenteconcesso dal giudice Pablo Casas, presidente del tribunale del PCyF 10.

READ  La scienza ha confermato che i gatti domestici hanno tratti psicopatici

Nel corso del procedimento svoltosi a Buenos Aires, tre indagati sono stati arrestati e portati in Procura della Repubblica.

Il procuratore Dupuy ha detto in dichiarazioni a Tellam – in riferimento ai tre detenuti – che “la situazione può essere cambiata” perché si stanno ancora “analizzando i dispositivi che sono stati sequestrati nei luoghi delle irruzioni”.

La Procura ha precisato che la prima persona è stata arrestata dopo una “rapida ricerca di dispositivi che hanno dato esito positivo”. Il secondo è stato arrestato «perché accompagnato da una bambina di tre anni».

Quando ci sono bambini che vivono con un imputato, capiamo che il bambino deve essere separato da quella persona. “Deve essere preservato”, ha detto. “Siamo stati in grado di scoprire che questa persona ha condiviso migliaia di video”.

Riguardo all’ultimo detenuto, Dupuy ha affermato che “al momento dell’irruzione stava pubblicando delle foto, e questo è un flagrante delitto”.

“Le prove sono all’interno di telefoni e computer”, ha detto, sottolineando che “fornire materiale è un passo verso gli abusi sui minori”.

Nel nostro Paese, 45 persone sono state condannate dopo essere state arrestate durante le operazioni.Luce dell’infanzia“, tra loro, Ricardo Russo, pediatra dell’ospedale Garrahan.

Il Comitato internazionale dei giornalisti ha anche effettuato un’analisi dei dati in loco per scoprire materiale contenente abusi sessuali su ragazze, ragazzi e adolescenti e ha contato 15.000 file.

Sequestrati anche circa 500 dispositivi elettronici e di archiviazione.

Dupuis ha osservato che gli arrestati sono “Il 99 percento degli uomini è di mezza età; persone il cui lavoro riguarda la vicinanza ai bambini, come medici, allenatori, insegnanti e autisti, nonché persone che conoscono bene la tecnologia”.

READ  Hanno denunciato la Mendoza Construction Company per aver ingannato il milionario

Nei raid, ha detto Dupuy, “telefoni cellulari, computer e dischi rigidi sono stati dirottati”, osservando che le operazioni si concentrano su “dispositivi e sospetti, non sulle loro famiglie”.

Una volta sequestrato il dispositivo di memorizzazione, ha precisato, “ne viene fatta una copia forense e la difesa interviene per visionare le varie analisi” dei dispositivi, e in questo modo “controlla l’attività dell’accusa”.

Sono state distribuite quasi 3.000 foto. Quando i depositi vengono analizzati, possiamo trovarne altri”, ha spiegato.

Alle operazioni hanno partecipato anche membri della polizia cittadina, della polizia federale argentina, della gendarmeria e della prefettura marittima argentina.

Mercoledì, i detenuti depositeranno una dichiarazione investigativa a partire dalle 10 presso l’Unità finanziaria specializzata per i crimini e i reati informatici (UFEDyCI) responsabile di Dupuis.