Polizia Penitenziaria: il Prefetto ha premiato a Fossombrone gli agenti meritevoli

Biondi
il particolare arredamenti
Biondi
rte
Biondi
Rosalba Cagli
edil 4

Alla presenza delle massime autorità civili, militari e religiose, sono intervenuti tra gli altri anche il prefetto e il questore di Pesaro, il vescovo Trasarti e i comandanti di tutte le forze di polizia, la festa del 202mo anniversario della fondazione del Corpo di polizia penitenziaria nella casa di reclusione di Fossombrone è culminata nel conferimento da parte del prefetto degli encomi e ricompense agli agenti che si sono particolarmente distinti nelle attività di servizio. L’encomio solenne è stato concetto all’assistente capo coordinatore del Corpo di polizia penitenziaria Paolo Bordoni con la seguente motivazione: «In servizio presso una sezione detentiva della locale casa di reclusione, dando prova di un non comune spirito d’iniziativa, profondo senso di umanità ed elevate capacità operative, prontamente attivava le prime manovre respiratorie in soccorso di un detenuto in preda ad una violenta crisi respiratoria, salvandogli la vita». Lode concessa all’ispettore capo Davide Dini, all’assistente capo coordinatore Luciano Fortini e all’assistente capo coordinatore Giorgio Barone perché «in servizio, dimostrando capacità operative e professionali di altissimo valore si prodigavano a tutela dell’incolumità di un detenuto violentemente aggredito da un altro recluso». Lode concessa all’assistente Rosario Pecora che «in servizio all’interno di una sezione detentiva della casa circondariale di Cremona, con spiccate capacità professionali, rinveniva sostanza stupefacente occultata in un pacchetto di sigarette che un ristretto aveva tentato di cedere furtivamente ad un altro detenuto». Encomio solenne al sovrintendente capo in quiescenza Paolo Pierini perché «in attività di servizio da 38 anni ha dimostrato alto senso del dovere evidenziando spiccate qualità professionali e lodevole impegno nell’adempimento dei compiti istituzionali a lui affidati». Nel corso della cerimonia è stata data lettura dei messaggi del Presidente della Repubblica Mattarella, del ministro della giustizia Bonafede e del capo dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Basentini. La comandante Marta Bianco ha sottolineato che l’anno in corso ha segnato un momento epocale per la casa di reclusione interessata da importanti lavori di ristrutturazione che procederà per gradi. Le operazioni connesse allo sfollamento di un’ala del carcere si sono concluse all’insegna della massina efficienza organizzativa. Il saluto finale del direttore in missione dell’istituto di pena, Daniela Valentini ha posto fine alla cerimonia alla quale hanno preso parte anche gli agenti in pensione.

Frescina
ercolani
original-ceramiche
Biondi
meme
Bella Ischia