Pranzo di fine stagione per i fischietti pesaresi, con la presenza del presidente dell’AIA Marcello Nicchi

Biondi
Rosalba Cagli
edil 4
Biondi
Biondi
rte
il particolare arredamenti
il presidente nazionale dell’AIA Marcello Nicchi

Si è tenuto sabato scorso il tradizionale pranzo di fine stagione della sezione AIA (Associazione Italiana Arbitri) di Pesaro. Sul mare delle coste di Fano, presso il Ristorantino Prima Secca, gli arbitri della provincia di Pesaro-Urbino si sono ritrovati nella loro conviviale per vivere un momento associativo forte e nello stesso tempo gioioso. Forte perché si ricordano, attraverso premi dati ad associati meritevoli, i compianti Mattiello, Alberghetti e De Notariis; di gioia perché è un momento in cui, come ha ribadito il presidente Foscoli in apertura della conviviale: “vivete queste ore sul mare senza pensare ai ruoli che ciascuno ha, ma pensando all’amicizia che ci porta ad essere qui oggi, perché i ruoli passano ma l’amicizia rimane se basata sul rispetto reciproco e sulla lealtà”. La sezione di Pesaro, dopo le quasi 3000 gare dirette dei campionati di propria competenza si prende quindi un momento di festa.

La giornata è stata caratterizzata dalla presenza del Presidente dell’AIA Nazionale Marcello Nicchi, accompagnato dal componente del Comitato Nazionale Umberto Carbonari. Presenti anche il Delegato CONI Pesaro Alberto Paccapelo, il Consigliere FIGC LND Marche Paolo De Grandis, il Presidente della Corte Sportiva Territoriale d’Appello Gianmario Schippa, il Presidente C.R.A. Marche Carlo Ridolfi con tutta la sua commissione, il referente per l’informatica Monteriù, il Delegato FIGC LND di Pesaro Pasquale Mormile, il componente del settore tecnico Luca Albertini, il vicecommissario CAI Andrea Marzaloni, gli arbitri CAN B Antonio Rapuano e Juan Luca Sacchi, i presidenti delle sezioni di Ascoli, San Benedetto del Tronto, Macerata, il vicepresidente di Jesi e il consigliere di Ancona, i presidenti delle sezioni di Cesena e Terni e il vicepresidente CRA Emilia-Romagna Fabio Casadei. Insieme a loro la sezione di Pesaro con oltre 140 associati. Una giornata di vera amicizia e festa. Una sezione che “Getta ogni seme possibile” dice Foscoli, “per far si che ogni associato sia accompagnato nella sua crescita umana e tecnica. Una sezione che mette al primo posto i valori della società civile e poi quelli dello sport, in quel binomio sport-vita che caratterizza l’operato degli arbitri dentro e fuori i terreni di gioco. Una sezione che cura momenti formali e momenti di svago, un po’ come nella giornata di oggi, con un clima sempre sereno, alternato da momenti seri e momenti scherzosi, allietati dal comico “Bicio” e le sue barzellette. Apprezzamenti da parte di tutti i convenuti e del presidente dell’AIA, che ribadisce come “i 108 anni di storia dell’AIA sono oggi ben saldi e rappresentati dalle innumerevoli cose fatte, un’AIA già proiettata al futuro pronta ad accettare ogni sfida, nel rispetto di tutti e di ciascuno.”

I premi agli associati arbitri Renzi, Bonci e l’osservatore Donnarumma per essersi distinti nei campionati della Commissione Arbitri Interregionali, all’osservatore Vitali, per essersi distinto quale osservatore nei campionati regionali, il Premio “Mattiello” al giovane arbitro Leonardo Cavallo, per essersi distinto nei campionati giovanili, il Premio “Alberghetti” a Giovanni Bartoloni, per essersi distinto nel ruolo di osservatore nei campionati provinciali, il Premio “De Notariis” all’assistente arbitrale Zef Preci, per essersi distinto nel ruolo di assistente nei campionati regionali. Ora un po’ di riposo e poi subito pronti per il via ad una nuova ed entusiasmante stagione sportiva. Nel prossimo mese di settembre/ottobre partirà anche un nuovo corso arbitri, totalmente gratuito ed aperto ai giovani fra i 15 ed i 35 anni di età. Sul sito della sezione www.aiapesaro.it, attraverso il menù “corso arbitri” è già possibile fare la pre-iscrizione. Un modo diverso per accostarsi al gioco del calcio, dove vengono trasmessi valori come regole e rispetto, utili alla crescita dei giovani in una società che, a volte, non dà buoni esempi. Fra campo e conviviali ci si diverte e si cresce insieme.

Bella Ischia
meme
Frescina
Biondi
ercolani
original-ceramiche