Chiarabilli: “Fossombrone non merita il fango”

Biondi
Rosalba Cagli
il particolare arredamenti
rte
Biondi
edil 4
Biondi

Dopo la forte pioggia dei giorni scorsi, autentiche bombe d’acqua a Fossombrone con allagamenti e fango riversatosi sulle strade, ecco lo sfogo di Michele Chiarabilli, consigliere di minoranza: “In questi giorni il centro è stato invaso più volte da fiumi d’acqua e fango a causa del completo dissesto della strada che dalla Cittadella scende in città. Possibile però che la colpa venga attribuita sempre ai contadini e ai lavori agricoli? I campi, infatti, possono essere ben lavorati e con i giusti scoli, ma se le cunette e le caditoie stradali, che debbono ricevere anche quelle acque, sono chiuse dalla vegetazione e da smottamenti di terra per forza di cose le acque piovane sono costrette a fluire nella strada. Il 28 luglio 2018, in Consiglio Comunale, dopo varie richieste d’intervenire nelle strade di campagna, avevo segnalato nello specifico d’agire nel tratto stradale in questione in quanto, poco tempo prima, c’erano stati smottamenti di terreno che avevano occluso in parte le cunette, la vegetazione, da quanto era alta, aveva invaso la strada e coperto i segnali stradali e il manto stradale era completamente logoro. Il tutto faceva divenire pericoloso il transito stradale e il verificarsi dei possibili i torrenti d’acqua in strada che poi sono accaduti. Avevo chiesto d’intervenire con urgenza, ma da luglio il sindaco s’è interessato alla cosa? Le caditoie e le cunette sono state pulite?

Michele Chiarabill

Ha mandato gli operai comunali a sistemare o ha contattato la provincia? Ha fatto vedere al Presidente della Provincia, quando è stato in visita a Fossombrone per il Parco Archeologico, anche queste problematiche del territorio? Evidentemente no, il sindaco è rimasto sordo, come sempre avviene, agli appelli che gli vengono dalla minoranza ed è inutile che lui oggi dichiari ‘che si poteva gestire meglio’. Prima d’incolpare gli agricoltori poi occorrerebbe sapere se e quante verifiche ha fatto fare l’Amministrazione Comunale per far rispettare il regolamento sulla pulizia rurale in modo da evitare questi spiacevoli accadimenti. La città è immobile da tempo, priva anche dei servizi essenziali che servono in una città, un sindaco c’è 24 ore su 24, come lui dice, perché si è dato a questo ruolo a tempo pieno, ma è come se un sindaco non ci fosse perché nemmeno si occupa, senza capire i danni che possono generare, della semplice pulizia delle caditoie”.

 

Bella Ischia
meme
ercolani
original-ceramiche
Frescina
Biondi