Giovedì 11 aprile evento di teatro sociale all’Università di Urbino 

Rosalba Cagli
Biondi
il particolare arredamenti
rte
edil 4
Biondi
Biondi

Incontro di Teatro Forum con il coinvolgimento attivo degli spettatori

Ancora un’iniziativa promossa dal Teatro Universitario Aenigma (che festeggia i suoi primi trent’anni di vita e la guida della International Association of University Theatre) dopo gli eventi di fine marzo per la Giornata Mondiale del Teatro a cura dell’ITI Unesco nel carcere di Pesaro e la formazione sulla Scuola teatrale russa a favore degli universitari di Urbino. Questa volta l’evento rientra nelle attività previste dalla Legge Regionale 28/2008 “Sistema integrato regionale di interventi a favore di soggetti adulti e minorenni sottoposti a provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria” in collaborazione con l’USSM di Ancona (Ufficio Servizio Sociale Minorenni). Si tratta dell’esito conclusivo del progetto “La Comunicazione teatrale”, al quale hanno partecipato utenti ed educatori dei Centri gestiti dalla Cooperativa sociale “La Villetta Onlus” di Urbino. L’incontro con il pubblico è previsto per giovedì 11 aprile alle ore 21.30 presso la sala teatro del Collegio universitario La Vela ed avrà natura interattiva. Gli spettatori presenti, infatti, saranno invitati ad interagire con gli attori prendendo parte alle scene rappresentate in una dinamica di Teatro Forum, metodologia ideata dal regista brasiliano Augusto Boal, direttamente ispirata all’insegnamento del pedagogista brasiliano Paulo Freire. L’attività curata da Vito Minoia e Romina Mascioli per il Teatro Universitario Aenigma, in relazione con il Corso di Pedagogia generale (Prof.ssa Rosella Persi) per gli studenti di Scienze motorie, sportive e della salute, prevede la partecipazione di Roberto Mazzini, animatore della cooperativa sociale Giolli (centro permanente di ricerca e sperimentazione teatrale sui metodi Boal e Freire) che modererà l’interazione tra scena e platea. L’ingresso è libero. “L’incontro” – afferma Vito Minoia, direttore artistico del Teatro Universitario Aenigma –  “si basa sul dialogo tra spettatori e attori come simbolo del dialogo che dovrebbe intercorrere tra tutte le parti sociali e tra le persone. L’obiettivo di un Teatro Forum, riferendoci al pensiero del pedagogista Paulo Freire, dovrebbe sostenere un processo di coscientizzazione o, con un altro termine oggi più utilizzato, di empowerment: potenziare le conoscenze e le risorse dei gruppi facilitando un processo di apprendimento che diventa coscienza critica, transitiva, dialogica e potenzialità di liberazione.”

da teatroaenigma
Bella Ischia
Biondi
Frescina
meme
original-ceramiche
ercolani