Urbino: iI Codice Forestale camaldolese candidato a Patrimonio Unesco: lunedì il convegno con autorità ed esperti

Rosalba Cagli
Biondi
rte
Biondi
edil 4
il particolare arredamenti
Biondi

Si terrà a Urbino lunedì 8 aprile, nella sede di Economia dell’Università (Palazzo Battiferri, via Safi, 42), con inizio dalle ore 14 il convegno su “Il Codice Forestale Camaldolese e il rapporto Uomo-Ambiente”. Il Codice forestale camaldolese è costituito da una complessa serie di norme e disposizioni con le quali per secoli (dal 1027 al 1866) i monaci Camaldolesi hanno gestito e tutelato le foreste appenniniche, e che si trova contenuto non solo in libri e documenti specifici, ma soprattutto frammentato in una grande quantità di carte e di scritture “minori” (contratti, verbali e corrispondenze di vario genere) sparse in archivi, biblioteche e collezioni private. Il convegno sarà l’occasione per dibattere sui valori che ancora oggi il Codice di Camaldoli trasmette, tanto che è in corso la procedura per il riconoscimento da parte dell’UNESCO quale patrimonio immateriale dell’Umanità. Gli interventi previsti permetteranno di declinare il rapporto Uomo-Ambiente da prospettive diverse e complementari, grazie al contributo sia di docenti urbinati, sia di esperti esterni, fra cui Alessandra Stefani, Direttore Generale del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali”.

Naturalmente sarà presente Dom Salvatore Frigerio, monaco camaldolese, ispiratore della Carta di Fonte Avellana e promotore del progetto di valorizzazione del Codice. Chiuderà i lavori Angelo Sciapichetti, assessore regionale alla valorizzazione dei beni ambientali, politiche per la montagna e le aree interne. Il convegno è organizzato dal professor Fabio Musso del Dipartimento di Economia, Società e Politica dell’Ateneo urbinate.

Questo il programma della giornata:

“IL CODICE FORESTALE CAMALDOLESE E IL RAPPORTO UOMO-AMBIENTE”

 Urbino, 8 aprile 2019

 Palazzo Battiferri, Via Saffi 42, Aula Rossa

 14:30   Saluti istituzionali e interventi Autorità – Vilberto Stocchi, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo – Marco Cangiotti, Direttore del Dipartimento di Economia, Società e Politica, Università degli Studi di Urbino Carlo Bo – Maurizio Gambini, Sindaco di Urbino – Gino Traversini, Presidente II Commissione Consiliare Permanente, Regione Marche – Francesco Passetti, Presidente Unione Montana del Catria e del Nerone – 15:00   Apertura dei lavori: Fabio Musso, Prorettore alle Attività di Terza Missione, Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. 15:10  Relazione introduttiva: Dom Salvatore Frigerio, Presidente Collegium “Scriptorium Fontis Avellanae” – 15:30 ‒ 18:00 Interventi programmati – Raoul Romano (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria – CREA). Il codice forestale camaldolese e le radici della sostenibilità: il ruolo del bosco ieri, oggi e domani – Riccardo Santolini (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ‒ Dipartimento di Scienze Biomolecolari) Il Capitale Naturale dei boschi delle Marche: considerazioni sulla consapevolezza di un valore nascosto – Giovanni Marin (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ‒ Dipartimento di Economia, Società, Politica) Dallo sviluppo sostenibile all’economia circolare: obiettivi e strumenti politico-normativi – Paolo Pascucci (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ‒ Dipartimento di Giurisprudenza) – Persona-ambiente: quali implicazioni per la vita lavorativa – Elena Viganò (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ‒ Dipartimento di Economia, Società, Politica) – Bosco, paesaggio, agricoltura tra abbandono e sviluppo del territorio – Olivia Nesci (Università degli Studi di Urbino Carlo Bo ‒ Dipartimento di Scienze Pure e Applicate) – Come cambia il paesaggio se il bosco brucia. Alessandra Stefani, Direttore Generale Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo (MIPAAFT) – 18:00   Chiusura del lavori: Angelo Sciapichetti, Assessore alla valorizzazione dei beni ambientali, politiche per la montagna e le aree interne, Regione Marche – L’iniziativa è riconosciuta su scala nazionale come corso di aggiornamento per docenti di ogni ordine e grado di scuola, ai sensi della direttiva n. 90 del 2003 e pubblicata sulla piattaforma S.O.F.I.A. del MIUR. La partecipazione al workshop e al relativo programma da diritto al conseguimento di 1 CFU per gli studenti della Scuola di Economia dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo.

Uniurb
Frescina
Biondi
ercolani
original-ceramiche
Bella Ischia
meme