Cagli, Marzi Papi (Lega) sull’episodio della persona svenuta e le polemiche per i soccorsi in ritardo: “Sanità gestita con insufficienza e inadeguatezza”

mcdonalds
rte
La coordinatrice della Lega di Cagli Marzia Papi

Dopo il fatto accaduto ieri mattina a Cagli, dove il dottor Sergio Castellucci, ex primario dell’ospedale di Cagli, svenendo, è caduto a terra, riportando alcune ferite alla testa e perdendo i sensi per alcuni minuti, non si placano le polemiche riguardo a come la Regione e l’Asur gestiscono nel nostro entroterra l’emergenza-urgenza. Anche la locale sezione della Lega, attraverso la sua coordinatrice Marzia Papi, esprime il proprio dissenso attraverso il seguente comunicato:

“Purtroppo a Cagli si segnala un fatto grave accaduto in centro e riguardante l’emergenza sanitaria. La mala sanità colpisce ogni giorno in tutta Italia ed ognuno di noi spera sempre che non accada anche nei nostri territori e ai nostri familiari o conoscenti, come avviene in certe situazioni inimmaginabili che sentiamo dai media. Però il rischio è sempre dietro l’angolo, perché abbiamo una sanità nella nostra regione gestita con insufficienza e inadeguatezza rispetto ai territori che si trovano ben distanti dalle strutture ospedaliere di almeno 40 minuti. Infatti a Cagli ne abbiamo avuto l’esempio più lampante delle tante difficoltà emergenziali. Si è dovuto attendere circa 40 minuti prima che arrivasse l’ambulanza per soccorrere un nostro cittadino. Sicuramente le ambulanze essendo poche e distanti non bastano per soddisfare tutti gli interventi. Ma se fosse stato un codice rosso? Sappiamo già la risposta in tal caso. È ora che la Regione con questa gestione Ceriscioli adotti delle misure che non penalizzino più l’entroterra, ormai scarno di servizi di ogni genere. L’ospedale cagliese è stato declassato, nonostante il bacino di utenze ampio e con una percentuale demografica di anziani molto elevata. La salute, come l’istruzione, la sicurezza e il lavoro devono essere garantiti a tutti i marchigiani. Perché non c’è un marchigiano di serie A e uno di serie B. Tutti hanno diritto di essere assistiti e salvaguardati”.

il particolare arredamenti
edil 4