Pergola, approvato dalla Giunta Baldelli il progetto per l’ampliamento dell’impianto di videosorveglianza

Approvato dalla Giunta Baldelli il progetto preliminare per l’ampliamento del modernissimo impianto di videosorveglianza della città con lettore di targhe e telecamere di contesto.
L’impianto è stato installato nel febbraio 2017 dall’Amministrazione comunale ai principali varchi della città ed è collegato direttamente alle Forze dell’ordine e alla caserma dei carabinieri, che in tal modo hanno possibilità di ricevere in tempo reale tutti i dati sui mezzi che passano ai varchi presidiati dalle telecamere e hanno la possibilità di individuare il passaggio di eventuali autoveicoli rubati o sospetti. L’impianto era poi stato implementato, l’estate scorsa, con l’istallazione di telecamere di contesto anche presso i giardini storici della città intitolati a Giovanni Paolo II.

Una veduta di Pergola

“Per una sempre maggiore sicurezza dei cittadini del capoluogo ma anche delle nostre frazioni – fanno sapere dal Comune – l’amministrazione comunale, in raccordo con l’Arma dei carabinieri (che ha indicato i luoghi più strategici), ha già progettato l’ampliamento del sistema di videosorveglianza con la previsione di nuove telecamere con lettori di targa e di contesto poste: in località Cartoceto-Barbanti, lungo viale Kennedy, nel pentavia semaforico del capoluogo e lungo corso Matteotti. Ringraziamo il nostro assessore Luca Castratori e i tecnici comunali per aver seguito nel dettaglio l’elaborazione del progetto. Di fronte a una criminalità sempre più insidiosa, in attesa di una risposta seria del Governo che metta finalmente ordine e riaffermi la certezza della pena, le telecamere non possono evitare possibili furti ma rappresentano un valido strumento per la prevenzione del crimine e, allo stesso tempo, un valido strumento a sostegno delle indagini delle Forze dell’ordine. Già nel 2017, le telecamere installate dalla giunta Baldelli consentirono infatti di individuare e catturare il rom che sfuggì all’arresto dei carabinieri dopo aver tentato il furto in alcune abitazioni. I nostri carabinieri, dopo averli inseguiti e bloccati al termine di una coraggiosa operazione, arrestarono 3 componenti della banda di rom, il 4° riuscì invece a sottrarsi alla cattura, fuggendo a piedi e facendo perdere le sue tracce nella folta vegetazione del luogo. Grazie alle informazioni acquisite tramite l’impianto di videosorveglianza della città, i carabinieri sono riusciti a risalire all’identità del fuggitivo e ad arrestarlo”.