Marche, i numeri dei carabinieri forestali: 39mila controlli per prevenire e reprimere reati in danno dell’ambiente

458 illeciti penali accertati, 457 denunce, 1.853 illeciti amministrativi scoperti per un valore di 960 mila euro e 2.081 chiamate al 1515 per emergenze ambientali

Oltre 39mila controlli per prevenire e reprimere reati in danno dell’ambiente, 458 illeciti penali accertati, 457 denunce, 1.853 illeciti amministrativi scoperti per un valore di 960 mila euro e 2.081 chiamate al 1515 per emergenze ambientali. E’ il ‘biglietto da visita’ dei Carabinieri forestali nelle Marche, guidati dal col. Fabrizio Mari tra il primo maggio 2017 e il 30 aprile scorso, secondo i dati pubblicati in occasione del 204/o dalla fondazione dell’Arma.
Particolarmente incisiva il contrasto alla gestione illecita di rifiuti e discariche abusive (3.050 controlli, accertamento di 108 reati e 152 illeciti). Nel contrasto all’inquinamento sono stati riscontrati 22 reati per illeciti amministrativi pari a 72 mila euro. I controlli per combattere la contraffazione nel settore agroalimentare sono stati 645 e hanno fatto emergere otto reati e 43 illeciti amministrativi per 84 mila euro. Arma attiva anche nella vigilanza dei Parchi nazionali (Sibillini, Gran Sasso, Monti della Laga), regionali, aree naturali protetti e riserve statali: 2.911 controlli, tre reati e 179 illeciti.
Per tutelare flora e fauna i Forestali hanno eseguito oltre 10mila verifiche accertando 91 reati e 600 illeciti. Mentre l’attività Cites per proteggere flora e fauna in via d’estinzione è sfociata in 720 accertamenti che hanno fatto emergere tre reati e tre illeciti amministrativi.