Dalla provincia, un anno dalla scomparsa del prof. Walter Bajocchi

Oggi ricorre il primo anniversario dalla scomparsa del fondatore dell’Accademia AIIA, Walter Bajocchi, uomo e artista che tanto si è impegnato affinché questa associazione crescesse e si sviluppasse. Il suo principale obiettivo era la formazione dei giovani; su di loro investiva tante energie, soprattutto su quelli che avevano difficoltà, certo che un percorso artistico li avrebbe aiutati nel risolvere i propri problemi. Per questo più volte lo abbiamo ricordato come “dottore dell’anima”. Nei laboratori dell’Accademia pare sia sceso il silenzio, ora che la sua voce possente non vi risuona più. Talvolta era impossibile capire quando scherzasse e quando parlasse sul serio, ma sapeva ascoltarti e ti accettava per quello che sei, con tutti i tuoi pregi e difetti. L’Accademia, in questo anno di distacco, ha cercato comunque di proseguire il percorso che Walter aveva tracciato, continuando la sua attività per i soci. La scorsa estate ha partecipato con grande successo alla “Gavardiana” ed ha continuato a gestire in estate lo spazio espositivo di Novilara; inoltre sono stati realizzati corsi didattici con i ragazzi della comunità “Il filo della gioia” ed il libro d’arte con la scuola primaria di Santa Maria dell’Arzilla, giunto alla settimana edizione, progetti avviati proprio da Walter e di cui andava molto fiero. Anche per l’anno scolastico 2017-18 si è rinnovata la collaborazione tra l’Accademia AIIA e la scuola primaria “Arca delle Colline” di Santa Maria dell’Arzilla volto alla realizzazione dell’ottavo libro d’arte illustrato dai bambini della quinta classe.

Quest’anno, però, c’è una grande novità: si è pensato di condividere questa esperienza anche con una seconda classe di una scuola marchigiana del territorio colpito nel 2017 dal terremoto: la scelta è ricaduta sulla scuola “B. Costa” di Sarnano. Il disegno per la copertina del libretto è stato affidato al maestro Mario Logli, grande artista della scuola d’Urbino che, con la sua arte, è stato ambasciatore del nostro territorio nel mondo. Un artista fortemente impegnato nella salvaguardia del creato, delle nostre bellezze naturalistiche ed artistiche, tutti valori che è bene trasmettere alle nuove generazioni. Sicuramente la partecipazione del maestro Mario Logli sarà stimolante per i bambini e promuoverà il progetto oltre i confini locali. Non sappiamo cosa il maestro sceglierà di rappresentare, ma certo possiamo immaginare che proporrà una composizione con i tipici elementi del suo linguaggio, isole volanti o fidanzati, che d’altronde ben si accordano alla storia scritta dai bambini dell’Arzilla e Sarnano intitolata: “Nessun ostacolo per l’amore”. L’Assessore alla Crescita del Comune di Pesaro, Giuliana Ceccarelli, a proposito della sua partecipazione ha dichiarato: “È un piacere ed un onore che un artista e un maestro d’arte di fama internazionale come Mario Logli abbia colto, nella freschezza artistica dei nostri bambini, un linguaggio da valorizzare, dove si sono unite le suggestioni di un racconto ed il sentiero dei sentimenti. Grazie maestro per questo riconoscimento di un’arte senza età!”. Il libro d’arte, in copia originale, sarà consegnato ai bambini ed alle biblioteche e come sempre sarà divulgato attraverso copie a stampa tipografica. Ringraziamo Cristina Ortolani per l’impegno profuso per la grafica e l’impaginazione. Nei prossimi mesi non mancheranno iniziative per ricordare ancora pubblicamente la figura del nostro fondatore Walter Bajocchi, soprattutto in occasione dell’inizio del tesseramento 2018, principale fonte di sostentamento per la nostra associazione.

Dott. Lorenzo Fattori - Presidente AIIA - Collaborazione con il maestro Mario Logli