Museo Benelli, l’inizio del cambiamento

Il Museo Benelli piace e a dimostrarlo ci sono gli oltre 5mila visitatori, i 600 soci iscritti e tutta la serie di eventi dedicati al mondo delle due ruote. Questi i dati riportati durante l’assemblea annuale tenutasi pochi giorni fa da cui sono emersi e riconfermati i nuovi volti alla guida del Registro Storico Benelli e del Motoclub: Paolo Prosperi e Paolo Fontana. Il segretario Paolo Marchielli si dice più che soddisfatto e anticipa tutta una serie di investimenti che dovrebbero essere fatti nel 2018. L’idea è di installare dei schermi touch screen all’interno delle sale in modo da immergere i visitatori nella storia di Benelli rendendo il museo interattivo e all’avanguardia.

Non ci si dimentica dei più giovani con cui sono stati stipulati degli accordi per inserire i ragazzi di alcuni istituti e licei (Classico, Itis, Scientifico) nella cultura e nel lavoro del mondo delle due ruote. A ribadire l’importanza ed il focus verso i giovani, ci pensa il consigliere regionale, Andrea Biancani, che sta lavorando per trovare un luogo che ospiti la “Scuola di Restauro”, primo istituto dedicato al restauro delle moto. Pare che sia già stato trovato un finanziatore e un possibile luogo nei pressi del museo, a mancare sono alcuni passaggi burocratici che dovrebbero risolversi a breve.