Urbino, sequestrato negozio con petardi e fuochi artificiali. Sicurezza non rispettata, denunciati due cinesi

Operazione ieri della polizia di Urbino che mette sotto sequestro un negozio di due cinesi. Riscontrati e rlievati petardi e fuochi artificiali vicino a impianti elettrici obsoleti, mancanza di sicurezza sul lavoro e un dormitorio sopra il negozio: è scattata la denuncia.

Irregolare anche la detenzione di certi articoli come girandole, razzi e altro collocati nei magazzini vicino ad altra merce facilmente infiammabile. Insomma un quadro complessivo del tutto irregolare. In considerazione della specificità della materia, è stata chiesta la collaborazione del comando provinciale dei vigili del fuoco di Pesaro e del Dipartimento di prevenzione dell’Asur, Area Vasta 1. E la lunga sequenza di irregolarità aumentava (tutte le uscite di sicurezza non risultavano utilizzabili o perchè chiuse con catene e lucchetti oppure ostruite dalla merce, ulteriore merce accastata l’una sopra l’altra eccetera). Da qui la denuncia (uomo e donna cinesi di 60 e 55 anni) e il sequestro preventivo dei locali. Presenti all’interno della struttura comedipendenti altre quattro persone, una italiana e tre cinesi. Verifiche infine per il locale sopra il negozio adibito a dormitorio.