Terre Roveresche, da sabato all’Ipogeo la personale di pittura di Franco Fiorucci

L’associazione culturale Pro-Art di Terre Roversche inaugura sabato 16 dicembre alle ore 17 presso la Sala Ipogeo di Piagge, la personale di pittura di Franco Fiorucci. La mostra rimarrà aperta fino a domenica 7 gennaio 2018.  L’artista ha compiuto gli studi presso l’istituto Belle Arti di Urbino sua città natale, specializzandosi in tecnologia litografica. E’ stato insegnante di moda e costume nell’Istituto d’Arte F. Mengaroni di Pesaro. Piagge il paese natio di sua moglie, è stato il punto di partenza e vi ha ritratto per diversi anni quella che era la vita contadina di un tempo. Fiorucci è uno tra i più grandi acquarellisti nel panorama internazionale ed è una delle figure più rappresentative dell’arte marchigiana. Ha tenuto mostre in Italia e all’estero ottenendo premi ed importanti riconoscimenti in numerosi concorsi artistici.  I suoi acquerelli sono stati esposti a Chicago in una collettiva insieme a Picasso, Mirò, Dalì, Braque e De Chirico, che sono stati i grandi acquarellisti inglesi dell’800. Fra i tanti che hanno scritto di Franco Volpini ricordiamo il nostro Valerio Volpini: “Il Fiorucci possiede in misura eccezionale tutte le virtù del disegnatore. Si tratta certamente di un patrimonio assorbito per naturali eredità, ma anche attraverso un costante impiego di intelligenza e di sacrificio, soprattutto attraverso l’impiego di umiltà interiore, che del resto lo caratterizza anche umanamente”. Fiorucci ha dato vita negli anni ’80 a Pesaro ad una scuola di acquerello frequentata tutt’oggi da allevi provenienti dalle Marche e non solo. “L’acquerello – dice Fiorucci – doveva essere riscattato da un oblio ingiusto, perché offre grandi possibilità figurative e quindi doveva essere recuperato”.

mcdonalds