Rivoluzione d’ottobre: storia, attualità, futuro. Se ne parla domani a Fano

“La rivoluzione socialista d’ottobre è il più grande evento rivoluzionario della nostra epoca….la lezione di Lenin è fondamentale”. Con queste parole Enrico Berlinguer, nel dicembre del 1981, definiva la rivoluzione russa del 1917. Capire tale evento epocale non è solo indispensabile dal punto di vista storico, ma ineludibile per poter comprendere l’oggi e soprattutto il domani. Senza la spinta poderosa della Rivoluzione d’Ottobre, non si sarebbero verificati la sconfitta del nazifascismo e la fine del colonialismo, né sarebbero mai stati messi in discussione la barbarie e i guasti del sistema capitalista. Al contempo, in Occidente, non si sarebbe realizzato lo stato sociale, nè si sarebbero concretizzati i diritti che i lavoratori hanno conquistato. Non è un caso che la fine stessa dell’esperienza sovietica abbia provocato, proprio in Occidente, l’esplosione di un neoliberismo selvaggio e i rigurgiti di pulsioni neonaziste in tutta Europa. Una Sinistra degna di questo nome, che vuol capire il presente e progettare il futuro, non può prescindere dall’esperienza fondamentale della rivoluzione leninista. Su questi temi il Centro Culturale “La Città Futura” e la sezione del PCI di Fano propongono un incontro-discussione  con un illustre storico, il prof. Alexander Höbel, dell’Università “Federico II°” di Napoli, direttore della scuola di formazione “Gramsci-Togliatti”, incalzato da Paolo Guerrini, che è stato collaboratore stretto di Enrico Berlinguer. L’incontro si terrà a Fano, sabato 2 dicembre, ore 17.00, presso la Sala del Consiglio Comunale, in via Nolfi, 120.

Centro Culturale Marchigiano “La Città Futura” - Partito Comunista Italiano- Fano