Transazione di 20 mila euro. Chiusa la vertenza per il calciotto di Barchi

salus
Antonio Sebastianelli sindaco di Terre Roveresche

A lavori completati si era verificato un movimento del terreno esterno al campo di gioco. La contestazione circa la regolarità dei lavori si è conclusa con una transazione bonaria di 20 mila euro. L’impianto del calciotto di Barchi, inaugurato due anni fa, e che ha richiesto un investimento di circa 200 mila euro, potrà dirsi completato a breve in ogni comparto per quanto la sua funzionalità in termini prettamente sportivi non è mai venuta meno. Il consiglio comunale di Terre Roveresche ha approvato l’atto di transazione e la relativa quietanza assicurativa con il voto favorevole dei nove consiglieri di maggioranza e l’astensione dei quattro della minoranza. <<A giugno del 2012 – è stato riferito – la giunta in carica dell’allora Comune di Barchi aveva approvato il primo stralcio funzionale del progetto esecutivo relativamente ai lavori per realizzare un campo da calciotto. Si trattava di riqualificare il campo sportivo con il consolidamento della scarpata. In seconda battuta si sono completati il campo, la tribunetta l’impianto di illuminazione>>. A giugno 2013 veniva approvato lo stato finale dei lavori ma <<a seguito di verifiche effettuate veniva riscontrato nei primi mesi del 2015, uno spostamento della tura di pali nel lato valle della stessa. Il responsabile dell’Area Tecnica del Comune comunicava a chi di dovere quanto constatato, richiedendo una verifica degli spostamenti e la loro compatibilità con quanto previsto nella relazione geologica e calcoli strutturali, al fine di stabilire l’evoluzione futura del fenomeno>>. A seguito del contenzioso << sono emerse le responsabilità ed i vizi di realizzazione contestati e per questa, dopo il riconoscimento del danno, è stata attuata una transazione bonaria con la compagnia assicurativa interessata in considerazione delle opere da realizzare, per sanare la situazione in atto e la necessità di intervenire nel più breve tempo possibile al fine di evitare un peggioramento della situazione, contenendo di conseguenza la spesa necessaria per la realizzazione dei lavori futuri è stata ritenuta congrua  la somma di 20 mila euro concordata>>.