Crisi natalità nelle Marche, chiesta dal consigliere Udc Marconi la gratuità di tutte le cure necessarie per favorirla

salus

Altri interventi ipotizzati, l’impegno economico ed organizzativo per incentivare la formazione di genitori e operatori verso la pratica delle adozioni, anche provvedendo a snellire le pratiche burocratiche

Seduta consiliare avviata ieri con l’esame dell’interpellanza presentata dal consigliere Luca Marconi (Udc), riguardante le iniziative che la Giunta intende adottare per far fronte alla grave crisi della natalità nelle Marche. Al presidente della Giunta viene chiesto di verificare con il Governo, in particolare con il Ministero della salute, se sia possibile garantire, all’interno del Piano nazionale per la fertilità, la gratuità di tutte le cure necessarie per favorire la natalità, compresa la procreazione medicalmente assistita. Altri interventi ipotizzati, l’impegno economico ed organizzativo per incentivare la formazione di genitori e operatori verso la pratica delle adozioni, anche provvedendo a snellire le pratiche burocratiche. Da ultimo, interventi per fornire piena applicazione a quanto previsto dalla legge 194 e perché sia rafforzata sul territorio la presenza dei consultori. Risposta del presidente dell’Esecutivo regionale, Luca Ceriscioli, che ha sottolineato come la crisi natalità sia riconducibile alla situazione socioeconomica e illustrato punto per punto tutti gli aspetti affrontati nell’interpellanza.

Consiglio regionale Marche