Vecchio libretto sanitario addio. Nella ristorazione e settore alimentari diventa obbligatoria la formazione

salus

Lo prevede un regolamento del Parlamento europeo. Interessati migliaia di dipendenti del settore. Al via corso della Cna

Libretto sanitario addio. Secondo le nuove normative per gli addetti alle attività di produzione, preparazione, somministrazione, deposito, vendita o distribuzione di alimenti, infatti, non è più obbligatorio il possesso del libretto di idoneità sanitaria. Diventa obbligatoria invece la formazione per addetti al settore alimentare. Quindi per i dipendenti e/o titolari di bar, ristoranti, gelaterie, pizzerie, gastronomie, alimentari, forni, pasticcerie, piadinerie, diventa obbligatoria, secondo il regolamento europeo, la formazione obbligatoria per tutti gli addetti del settore. Il regolamento CE N. 852/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004, Capitolo XII (Formazione) e il Regolamento N. 853/2004 stabiliscono l’obbligo infatti della formazione per tutti gli addetti del settore alimentare, in occasione dell’assunzione di nuovo personale e comunque ogni qualvolta lo richiedano innovazioni produttive o tecnologiche introdotte in Azienda. Cna Alimentare in collaborazione con FORM.ART MARCHE ente di formazione accreditato dalla Regione Marche, organizza corsi base di formazione di 8 ore e corsi di aggiornamento di 4 ore. A tutti i partecipanti in regola con la presenza alle lezioni, sarà rilasciato l’attestato di partecipazione. Il prossimo corso di aggiornamento si terrà presso la sede della CNA di Pesaro e Urbino in via Mameli il 5 ottobre 2017 dalle ore 15 alle ore 19.

Cna Pesaro