Fano, arrestato 20enne del posto per resistenza a pubblico ufficiale

I carabinieri della radiomobile di Fano hanno arrestato A. B. 20enne del posto per aver aggredito, senza apparente motivo, dei passanti nonché i militari stessi che erano intervenuti per contenerlo.  Un cittadino nel tardo pomeriggio aveva chiamato il 112 segnalando il comportamento violento di un ragazzo che, fuori controllo per abuso di alcool o chissà cos’altro, stava aggredendo i passanti e danneggiando tutto quello che gli si parava contro, dalle auto alle biciclette, dalle aiuole agli oggetti di arredo della città.  Giunta la pattuglia sul posto e raccolta dalle vittime la descrizione del ragazzo, i militari si sono messi alla sua ricerca incrociandolo poco dopo mentre era ancora in preda alla furia devastatrice. Alla visita delle divise il ragazzo reagiva con aggressioni prima verbali e poi fisiche finché non veniva immobilizzato e portato in caserma. Dopo essere stato visitato da un medico, il ragazzo veniva sedato anche per prevenire comportamenti autolesionistici. A. B., già conosciuto alle forze dell’ordine, veniva arrestato in flagranza di reato per resistenza a pubblico ufficiale nonché per tutte le condotte poste in essere in quel pomeriggio di follia e trattenuto nella cella di sicurezza della caserma. In mattinata si è celebrato il rito direttissimo ed il Giudice dopo la convalida lo ha condannato a 4 mesi di reclusione con pena sospesa. Il ragazzo riacquisita la piena lucidità si è scusato davanti al giudice mostrandosi pentito per quanto avvenuto.