Colli al Metauro, Aguzzi: “La nostra è una proposta credibile”

La conferenza stampa di Aguzzi

Procede la campagna elettorale di Stefano Aguzzi candidato sindaco, molto entusiasta, di Colli al Metauro. “La risposta delle gente che abbiamo incontrato – sottolinea l’ex sindaco di Fano – ci conferma che la scelta effettuata di essere super partes, trasversali, all’insegna della concordia e con tanta volontà di affrontare e risolvere i problemi, è stata azzeccata. Siamo partiti da lontano perché vogliamo dimostrare alla gente che la nostra è una proposta credibile profondamente seria”. La soddisfazione più grande “quando al termine di tutti i nove incontro organizzati fino ad oggi le persone si sono fermate a discutere e suggerire. Non sono fenomeni tanto di moda di questi tempi. Segno che stiamo ottenendo consenso. A Pozzuolo, frazione di Serrungarina, c’è stata tanta gente, ovviamente rapportata alla frazione, che non si era mai vista. Così anche a Villanova, oppure a Calcinelli”.  Questa vuole essere una campagna elettorale all’insegna della correttezza: “Sono volate parole grosse nei nostri confronti. Qualcuno ha scritto che saremmo mercenari. Non cediamo alle provocazioni. Ripeto che siamo per il confronto sereno”. Al momento però manca la controparte visto che la candidata del centrosinistra, annunciata in prima istanza, si è ritirata. “Una situazione che mi rammarica – aggiunge Aguzzi – sono da tanti anni in politica e capisco cosa vuol dire quando si ha a che fare con diatribe e discordie all’interno di un partito. Sarebbe il guaio peggiore ritrovarsi soli e senza avversari”. La differenza che al candidato sindaco piace sottolineare: “Noi incontriamo la gente per ascoltare i loro problemi e le richieste che hanno da fare. Non siamo i vecchi politici di una volta che andavano di casa in casa gli ultimi quindici giorni solo per chiedere il voto a prescindere da tutto il resto”. Tra i problemi che maggiormente spiccano “la questione delle scuole di Saltara danneggiate dal terremoto. Un problema molto grave che richiederà un impegno notevole. Altra segnalazione costante il fatto che a Serrungarina l’illuminazione notturna funzione tre giorni sì e 12 no”. Progetti di rilievo “la valorizzazione turistica e culturale dei borghi bellissimi e poi dobbiamo guardare al fiume Metauro come asse portante di uno sviluppo sostenibile in termini ambientali ed ecologici. Voglio sottolineare ancora una volta che in questo territorio ci sono grande potenzialità da sviluppare”.  La preoccupazione che più attanaglia la gente “è la sanità, il pronto soccorso in caso di urgenze, la mancanza di punti di riferimento”. A chi insiste per sapere la composizione della lista Aguzzi risponde che ancora è in fase di composizione e annota: “l’importante è che abbiamo amici che ci stanno vicini e che alla fine sapranno dare il loro importante contributo”. Inevitabile il riferimenti al Movimento Montemaggiore (R)Esiste: “ho incontrato una rappresentanza del movimento. Ho detto loro che solidarizzo per le forzature che hanno subito. Che non dipende certo da me quelle che saranno le decisioni del Tar in merito al loro ricorso contro la fusione. Mi sono anche raccomandato perché siano comunque parte attiva comunque andranno le cose”.