Diverse operazioni della Polizia di Fano, 11 arresti

Nel primo caso 5 cittadini stranieri sono stati tratti in arresto in flagranza di reato subito dopo aver commesso un furto ai danni di un distributore di benzina lungo la strada statale Adriatica, in località Gimarra di Fano. In particolare, poco dopo la mezzanotte dello scorso sabato giungeva alla sala operativa del Commissariato di polizia di Stato di Fano la segnalazione d’allarme dal citato esercizio. Immediatamente la volante accorreva sul posto e bloccava l’auto dei malviventi che si stava allontanando lungo via del Moletto, una parallela poco frequentata della statale Adriatica. Immobilizzati i 5 occupanti, tutti di nazionalità rumena di età compresa fra il 27 ed i 52 anni, di cui 4 già noti alle forze dell’ordine, gli agenti rinvenivano all’interno del veicolo, una Fiat Punto, diversi arnesi da scasso, passamontagna e le banconote appena trafugate dalla colonnina self service del distributore di carburanti, per un totale di circa 400 euro. La ricostruzione del furto, anche grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza, permetteva di stabilire che nella circostanza 2 dei componenti del gruppo avevano forzato la colonnina self service, prelevando le banconote, con una azione della durata di soli 33 secondi, mentre gli altri 2 complici erano rimasti nei pressi funzione di palo ed il terzo era rimasto al posto di guida della vettura, parcata in via del Moletto, allo scopo di garantire una fuga veloce. I 5 cinque stranieri, tratti in arresto nella flagranza del reato di furto aggravato e per il possesso di arnesi atti allo scasso, sono risultati provenire dalla zona di Roma. Nei giorni seguenti gli arresti venivano tutti convalidati dall’Autorità Giudiziaria, che inoltre disponeva nei confronti di due dei componenti la banda la custodia cautelare in carcere in attesa del processo. Va segnalato che quella in argomento risulta essere la seconda operazione per il contrasto dei furti in danno di distributori di carburante, condotta dalla polizia di Stato in un breve arco di tempo, nel territorio del Comune di Fano. Il precedente, infatti, risale al 21 febbraio, allorchè i poliziotti traevano in arresto gli autori di un furto ai danni, appunto, di un distributore, ubicato in località Metaurilia. Dette operazioni hanno consentito di destrutturare due agguerrite bande di ladri di origine rumena, specializzati in tale genere di colpi e di effettuare in totale 10 arresti in flagranza di reato. Nel corso degli ultimi giorni il personale del Commissariato di polizia di Stato di Fano, su disposizione del Questore di Pesaro e Urbino dott. Antonio Lauriola, ha intensificato l’attività di controllo su tutto il territorio di competenza, impiegando anche pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Perugia. In tale contesto sono state effettuate verifiche in diverse zone della città e presso numerosi esercizi pubblici. Nel corso dei predetti controlli, gli agenti, coordinati dal dirigente V.Q.A. dott. Stefano Sereni, hanno tratto in arresto 6 persone e sottoposto una settima alla misura della libertà vigilata, poiché a loro carico sono risultati essere pendenti provvedimenti di restrizione emessi da diverse Autorità Giudiziarie. In particolare un 30enne originario di Torre Annunziata è stato ristretto dai poliziotti presso il carcere di villa Fastiggi, dovendo espiare una condanna di anni 4 e mesi 6 di reclusione per rapina e tentata estorsione. Stessa sorte ha riguardato un cittadino rumeno di 27 anni, nei cui confronti era pendente una condanna a 4 anni di reclusione per diversi furti.