Cagli omaggia i volontari del Palio dell’Oca

salus

Premiati anche i vari presidenti dell’Associazione che si sono succeduti  negli ultimi trent’anni

La premiazione al Salone degli Stemmi
La premiazione al Salone degli Stemmi

Sempre più in varie città le antiche tradizioni non vengono perse, ma rimangono ben salde come radici inestirpabili della storia del nostro Paese e questo vale anche per Cagli, che custodisce e conserva ciò che dal passato ripropone ogni seconda domenica di agosto, il Palio dell’Oca. Una manifestazione organizzata dall’Associazione Giochi Storici che la ripropone nel suo caratteristico centro storico con la consapevolezza che questa antica tradizione, rappresenta un patrimonio inestimabile, un faro che illumina il presente e coinvolge tutti i cittadini in una grande festa collettiva. Una festa che però ha dei personaggi che con il loro certosino e silenzioso lavoro di volontariato, si impegnano ad ogni edizione permettendo alle nobili figure degli antichi casati, alle squadre di quartiere e a tanti altri personaggi di dar vita ad una sfilata storica che precede la disputa del Palio. Poi ci sono altri volontari che lavorano nelle taverne per accogliere la sera dopo la sfida nel Palio, qualche migliaio di persone che festeggiano degustando le varie specialità gastronomiche e ballando o ascoltando musica fino all’alba. E domenica scorsa nel Salone degli Stemmi in Comune, la commissione del premio istituita dall’Associazione Giochi Storici che in collaborazione ad altre associazioni cagliesi ogni anno organizza il premio “Cagliese dell’anno”, ha voluto concedere per il 2016 l’ambito riconoscimento proprio a questi meritevoli volontari che da decenni si dedicano alla buona riuscita del Palio dell’Oca. Premiati anche i vari presidenti dell’Associazione che si sono succeduti  negli ultimi trent’anni. Un premio collettivo ritirato dai capitani dei quattro quartieri con la presenza del Presidente Giacomo Giommi, di un folto pubblico, del Sindaco Alberto Alessandri, assessori e dai vertici delle varie associazioni che tutti insieme si sono uniti in un caloroso applauso nei confronti di coloro che ogni anno con il proprio impegno permettono all’intera città di rivivere con il Palio dell’Oca i fasti di un illustre passato.

Mario Carnali