Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Yemen: la tragedia dei bambini uccisi con medicinali contaminati

Con i pazienti spesso costretti ad acquistare farmaci di contrabbando a causa della devastazione del settore sanitario, molti si chiedono se anche i loro trattamenti potrebbero essere contaminati.

  • Yemen: la tragedia dei bambini uccisi con medicinali contaminati
    Yemen: la tragedia dei bambini uccisi con medicinali contaminati

Due pensieri sono venuti in mente ad Ashraf quando ha saputo che 10 bambini affetti da leucemia erano morti a causa di medicinali contaminati. La prima è che la sua morte è stata una terribile tragedia, l’ultima nella dura storia moderna dello Yemen.

Il secondo è: “Potrebbe essere il prossimo?”

“Era terrorizzato perché stavano ricevendo cure in un ospedale pubblico e le loro medicine dovevano essere testate prima che potessero essere usate”, ha detto a MEE Ashraf, che soffre di cancro al fegato.

Durante anni di penuria di droga in tutto il paese, gli yemeniti sono stati in grado di trovare medicinali salvavita di contrabbando cercando farmacie e ospedali che li rifornissero, o anche gli stessi contrabbandieri.

Ma quando la scorsa settimana è emerso che i bambini erano morti a causa di farmaci chemioterapici contrabbandati e contaminati somministrati in un ospedale della capitale, Sana’a, il terrore è divampato tra i pazienti che dipendevano dai farmaci contrabbandati per il loro trattamento.

Muhammad Al-Ghaili, capo dell’Autorità suprema per i medicinali, ha dichiarato: “Le complicazioni subite dai bambini malati hanno richiesto medicinali di contrabbando dall’estero, che sono arrivati ​​in una farmacia della capitale, che vengono poi acquistati dalle famiglie dei pazienti”. Forniture mediche, ha detto il 17 ottobre.

Gli yemeniti ora pensano che prendere l’unica medicina a loro disposizione sia una scommessa. Ashraf ha detto che la medicina di cui aveva bisogno non poteva essere trovata legalmente e che l’unica soluzione per lui era comprare il contrabbando.

READ  Teflon e le "sostanze chimiche eterne": tossine nascoste nel tuo corpo | Scienza ed ecologia | DW

“So che la droga contrabbandata potrebbe non funzionare bene e potrebbe deteriorare la mia salute, ma non posso permettermi di viaggiare all’estero e la medicina originale non è disponibile nel mercato locale”, ha detto Ashraf, che non ha mai sentito parlare di malati di cancro. traffico di droga fino ad oggi.

“A volte non riesco nemmeno a trovare il contrabbando e devo aspettare giorni o settimane prima che arrivi dall’estero”. Ashraf, come molti altri, a volte chiede ai viaggiatori dall’Egitto allo Yemen di portargli delle medicine, ma raramente trova qualcuno disposto.

“I contrabbandieri spesso portano medicine con i viaggiatori in Yemen, ma non è il modo più sicuro per trasportare medicinali”, ha detto.


Potresti essere interessato:

Yemen, la guerra che non vogliono raccontare


Intervengono i contrabbandieri

Il settore sanitario dello Yemen è stato colpito dalla guerra in corso tra i ribelli Houthi e il governo sostenuto dalla coalizione militare guidata dai sauditi, con più della metà delle strutture mediche paralizzate.

I medicinali che sono scomparsi dal mercato hanno alternative impopolari che pazienti e medici evitano allo stesso modo, lasciando che i contrabbandieri soddisfino la domanda.

L’uso di droghe di contrabbando sta diventando sempre più comune in tutto il paese a causa dell’inerzia dei ministeri della salute sia a Sanaa che ad Aden, la sede temporanea del governo.

Mohammed, un farmacista di Sanaa, ha affermato che alcuni medicinali non sono più disponibili perché gli agenti non sono in grado di importarli o le società importatrici hanno chiuso completamente i battenti a causa delle restrizioni ai movimenti nello Yemen.

Ci sono solo pochi voli operativi per Aden e l’aeroporto di Sanaa, controllato dagli Houthi, è stato chiuso per sei anni prima di essere parzialmente riaperto a voli commerciali limitati dall’Oman ad aprile come parte di un accordo di tregua scaduto all’inizio di ottobre.

Nel frattempo, molte aziende farmaceutiche si rifiutano di spedire i loro prodotti nello Yemen perché non possono garantire che saranno maneggiati correttamente alla giusta temperatura e nelle giuste condizioni.

Muhammad, la cui farmacia ha smesso di acquistare farmaci di contrabbando dai commercianti dopo l’incidente, ha detto di non essersi reso conto del pericolo fino a quando non ha sentito la notizia della morte dei bambini.

Non c’è fiducia nella medicina locale

Ha detto che sebbene ci siano diverse fabbriche farmaceutiche nello Yemen, la gente non si fida dei medicinali prodotti localmente, come accadeva anche prima della guerra, preferendo i prodotti importati.

“Non si tratta solo di pazienti, ma anche di alcuni medici che non si fidano della medicina yemenita, e questo significa che andranno a prendere medicinali di contrabbando, che potrebbero essere stati portati in condizioni non ideali per la loro continuità”, ha detto Mohammed.

Il farmacista ha detto che le medicine sono state contrabbandate nello Yemen per molto tempo e che la gente le comprava perché costavano poco. Ha detto: “Non è una novità, ma il nuovo sviluppo è che i pazienti ricorrono all’acquisto di medicinali costosi e proibiti perché i medicinali originali non sono più disponibili sul mercato”.

La morte dei bambini ha suscitato indignazione sui social media contro il Ministero della Salute di Sanaa e varie istituzioni mediche pubbliche.

Gli Houthi incolpano il blocco dello Yemen guidato dai sauditi per l’uso diffuso di medicinali di contrabbando, mentre sono spesso accusati di ostacolare o ritardare la consegna degli aiuti umanitari.

Anis Al-Asbahi, medico e portavoce del ministero della Salute a Sanaa, ha affermato che 38 aziende che importavano medicinali hanno lasciato lo Yemen a causa delle restrizioni imposte dalla coalizione.

Ha detto che l’Autorità Suprema per i Medicinali e le Forniture Sanitarie, il Ministero della Salute e gli uffici sanitari hanno lanciato una campagna per controllare i materiali di contrabbando ei farmaci scaduti.

Hani, un altro farmacista della capitale, ha affermato che dopo la repressione i medicinali di contrabbando sono scomparsi da molte farmacie. Ma i pazienti, compresi quelli che erano preoccupati per l’acquisto di farmaci di contrabbando, li cercavano ancora a causa della mancanza di alternative.

“Vedo che c’è un terrore che i pazienti provano in questi giorni”, ha detto, “e giustamente”. “Le droghe di contrabbando possono essere mortali, ma confiscarle non è una soluzione perché i pazienti compreranno ciò di cui hanno bisogno, anche dalle case dei contrabbandieri”.

Hani ha affermato che i medicinali prodotti localmente sono alternative solo ad alcuni tipi di trattamenti, ma non per tutti. “La soluzione è facilitare l’importazione di medicinali attraverso le aziende mediche. I pazienti non possono vivere senza”.