Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

‘Yara’: l’orribile delitto di una ragazzina di 13 anni ha ispirato il film italiano più visto su Netflix

Caldo dall’inizio alla fine. “Yara” è un film basato su eventi reali e racconta la storia di come l’accusa sia implacabile Leticia Ruggeri In Italia è stato risolto uno dei crimini più gravi, ed è uno dei crimini più seguiti in Netflix Pochi giorni dopo il primo spettacolo. Rugiri si è mosso attraverso il cielo, il mare e la terra per trovare l’assassino Yara Gambrasio, una ragazza di 13 anni scomparsa venerdì 26 novembre 2010 senza lasciare traccia e tre mesi dopo è stata trovata morta in un campo a sei miglia da dove è stata vista l’ultima volta.

Il corpo del minore mostrava ferite e segni di violenza. Al processo, si è appreso che l’adolescente aveva sofferto molto prima della sua morte, poiché ferite al collo e colpi alla testa e alla schiena non erano la causa della sua morte, ma che aveva perso la vita a causa dell’ipotermia. che significa che, Dopo il suo massacro, il suo assassino l’ha lasciata congelare a morte in una landa desolata. L’omicidio è stato motivato sessualmente dalle prove che il criminale aveva lasciato nella biancheria intima e nelle mutandine di Yara; Tuttavia, l’adolescente ha resistito.

Yara era la seconda di quattro fratelli e frequentava la scuola Maria Regina nel comune di Prembat di Sopra a Bergamo. È scomparso venerdì, mangiando pesce e piselli a casa per pranzo. Non era il suo turno di andare in palestra. Tuttavia, il fatidico 26 novembre, si recò in quel luogo per prestare al suo mentore un registratore. Dopo aver assistito per un momento alle prove delle bambine nella sua scuola, si è tirata fuori e nessuno l’ha più vista. paternità Mora Banares e Fulvio Gambiracio Hanno segnalato la sua scomparsa due ore dopo.

READ  Michael K. Williams: l'attore di "The Wire" trovato morto nel suo appartamento di New York

Come è stato risolto il delitto?

Il primo passo compiuto dalle autorità è stato quello di organizzare un’ampia ricerca del minore con volontari, amici e familiari; Tuttavia, questo compito non ha dato i suoi frutti. Nel bel mezzo di intensi sforzi per trovare la giovane ragazza viva, Mograbi è stato arrestato per un errore di traduzione nelle intercettazioni e assolto dopo che il corpo di Yara è stato trovato con campioni di DNA che ne provavano l’innocenza.

Il 26 febbraio 2011, il corpo di Yara è stato ritrovato da un vicino appassionato di velivoli telecomandati in un campo a Chignolo d’Isola. Mesi dopo, l’8 aprile, gli investigatori hanno trovato un capo di abbigliamento maschile vicino alla posizione del corpo dell’adolescente, ma in seguito il sospettato è stato trascurato perché aveva una scusa, era in Perù il giorno degli omicidi.

durante le indagini, Il pm Ruggeri ha chiesto il prelievo di campioni di DNA a circa 22.000 persone, uno di loro coincideva con il caso dell’indagato, ma di più non si sapeva, il caso era pendente. La moglie del marito è stata oggetto di dure critiche. Tuttavia, i loro sforzi sono stati ripagati entro pochi giorni dalla chiusura definitiva del caso.

Chi è l’assassino di Yara?

Un professore universitario ha scoperto che un test del DNA era stato eseguito in modo errato su 500 individui. Quando l’hanno fatto di nuovo, hanno trovato la madre del sospettato ester erzovi. L’argomento è stato identificato come Massimo Giuseppe Bosetti, un falegname di 43 anni, sposato e padre di tre figli, senza precedenti penali o di polizia.

READ  Bambito ha raccontato l'intimo motivo per cui Luciano Castro ha lasciato l'attività che condivide con Sabrina Rojas: "Non vuole più lavorare con lei".

Per non metterlo in allerta, la polizia lo ha seguito in silenzio, installando microfoni in casa sua e conducendo un’indagine approfondita sulla sua linea telefonica, ricerche su Internet e video delle telecamere di sorveglianza. Inoltre, Con il pretesto di fare un test con l’etilometro hanno prelevato un campione del suo DNA, i risultati sono stati conclusivi: ha ucciso Yara.

Bosetti è stato catturato in una delle attività in cui lavorava come muratore e ha cercato di fuggire. Non ha mai confessato il suo crimine. Tuttavia, le prove del pm Ruggeri erano schiaccianti. Questo soggetto è stato condannato all’ergastolo La Corte d’Appello e la Corte Suprema del suo Paese hanno ratificato la sentenza.

Questo caso è considerato il più complesso della storia d’Italia e oggi possiamo comprendere la vicenda attraverso il film la cui trama farebbe tremare chiunque.

la pellicola

Il film è diretto da Marco Tullio Giordana È stato presentato in anteprima il 5 novembre ed è già uno degli spettacoli più visti del gigante dello streaming. Come abbiamo detto all’inizio di questo articolo, il film va dall’inizio alla fine.

attrice Isabella Ragonese Fornisce una magistrale interpretazione del pm Ruggeri. Non è il ruolo tipico di un pubblico ministero che urla e si arrabbia per tutto, ma mostra il lato più umano di questo lavoro, che a volte può essere stressante e richiede molta pazienza e ingegno.

Succede la stessa cosa con Sandra Tovolati, che interpreta Maura, la madre di Yara. Dalla sua interpretazione possiamo sentire quanto debba essere doloroso perdere un figlio in queste terribili circostanze. Non puoi perderti questo film.

READ  Whoopi Goldberg ha ricordato la notte in cui ha vinto un Oscar per Ghost, Shadow of Love