Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Yanina Latorre interrompe il cellulare con LAM perché è arrivato il controllo dell’immigrazione: ‘La mia vita è un reality show’

Dopo un mese e mezzo negli Stati Uniti, Yanina Latorre può ritorno al paese, Dopo essere andato a vaccinarsi contro il Covid e non aver potuto rientrare subito a causa delle restrizioni sui voli, per prevenire la diffusione del virus e l’ingresso di nuovi ceppi in Argentina.

Rispetto dell’isolamento obbligatorio a casa, membro del comitato da angeli del mattino Tu dai un cellulare a Angelo de Britto Quando lo hanno informato che gli agenti del Ministero della Salute stavano venendo alla sua porta per controllare se fosse in casa.

La sequenza successiva è stata un momento televisivo pazzesco che Yanina ha condiviso con tutti gli spettatori di LAM mentre filmava il suo incontro con i clienti e i loro fantastici commenti.

“Angel! Angel! Ho un problema. Le migrazioni sono arrivate!”, disse Yanina. “Le Migrazioni sono tornate in vita adesso? Lo amo, vediamo se la portano in prigione. Vediamo?” rispose de Britto sorpreso.

L’insolito momento Yanina di Lam:

Yanina Latorre: -Angelo! Angelo!

Angelo di Brito: – Whoa whoa!

Mariana Briè: – Altre grida. Eccoci qui!

Yanina: -Ho un problema. Sono arrivate le migrazioni!

Angelo: – Le migrazioni hanno preso vita adesso? Mi piace vedere se la portano in prigione. possiamo vedere?

“Ecco che arriva l’uomo. Sono appena arrivati ​​e io vivo e lavoro. Vengo, voglio che le persone vedano che stanno arrivando. Tu come stai? Devo agitare il pugno o no?”

Yanina: -Sì, penso che vedrò o prenderò il telefono?

Angelo: -Prendi il telefono. Vedono che controllano le persone nelle case!

Yanina: Volevo creare storie vivide. Sono tornato a casa.

Bia Shaw: Sottogola, sottogola!

Andrea Tabada: Indossa il sottogola.

READ  Kevin Spacey torna al cinema dopo le accuse di molestie sessuali contro di lui

Yanina: Oh aspetta, è vero. Prenderò un sottogola. Grazie ragazze. Vengono dal buttafuori.. che coincidenza arrivano sul palinsesto LAM! Eccoli ragazzi…

“Non hai idea di quale giorno dovrei andare a prendere il tampone”, ha detto a DNI la portavoce, entrando in casa sua.

Angelo: Mostraglielo prima che prendano il telefono e ti dica “Signora, dimmi dove sei”.

Yanina: -Li vedi? Agrifoglio!

Angelo: Che follia!

Yanina: Ecco il Signore. Sono appena arrivati ​​e io vivo e lavoro. Venire. Dai, voglio che le persone vedano che stanno arrivando. Come te la passi? Ti saluto con il pugno o non ti saluto? Dicci, vuoi il mio documento o qualcosa del genere?

Agente 1: – Siamo del Ministero della Salute e stiamo esaminando l’isolamento in caso di domande.

Yanina: – Domanda: Quando si fa il tampone oculare e quando mi libero?

Agente 1: – Devi attenerti all’isolamento. Arrivato il 18 luglio. Sono 7 giorni.

“Lo critico dall’interno, non dall’esterno. Al massimo, la moglie gli dirà ‘L’ha visto quando è arrivato’. Non è bello? La mia vita è un reality show”.

Yanina: – Il primo giorno è il diciottesimo, il giorno del mio arrivo o il diciannovesimo? Questa è la domanda che sto affrontando.

Agente 1: Ora vediamo (il mio partner) dirtelo, e io ti dirò dove puoi andare.

Yanina: -Perfetto!

Agente 1: Hai la tua carta d’identità?

Yanina: Sì, te lo porterò. Angel, non hai idea di quale giorno dovrei andare a prendere un’unzione.

Bia: Bara, non criticarlo per non essere ancora partito. Ti avviserà.

Yanina: Lo critico dall’interno, non dall’esterno. Al massimo, la moglie gli dirà: “Ti ha offeso quando è venuto”. Non è meraviglioso quello che sta succedendo? La mia vita è un reality show.

READ  La prima foto di Bata Villanueva, a due mesi dall'incidente che ha messo in pericolo la sua vita

Yanina (Esce con la carta d’identità): – Come stai? Come stanno? Viviamo da tredici anni, quindi puoi vedere che ti stai adeguando. Mostra loro signori. Chi sei, chi sei? Saluta i “piccoli angeli”. Sono Maite Benoniori, 30 anni dopo.

“Ho una domanda, la gente va negli hotel per stare? Io non ci andrei, mi avrebbero portato in prigione.”

Cinzia Fernandez: -cosa sta facendo? Fa un ritratto. Sto morendo!

Yanina: -Ho una domanda, le persone andranno negli hotel? Non ci sarei andato, mi avrebbero portato in prigione.

Cliente: -Si.

Yanina: E non si lamentano di pagare 100 lucas?

Agente 2: Dalla coscienza sociale.

Yanina: Sì, ma anche la coscienza sociale in casa. So che non sei al comando, che stai eseguendo gli ordini. Ma io non andavo in albergo, sarebbero dovuti venire a cercarmi, scappare e mettermi in galera. Sono un quilombera per natura.

Cliente: -Fai un grande grazie.

Yanina: – Grazie per essere venuto, sarò qui. Non abbiate paura perché sono un truffatore, se esco la gente mi denuncerà.