Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Xabi Zorotoza | Pilota MTA del Moto3 Junior Team e due volte campione spagnolo Supermotard: “Il mio obiettivo fin da bambino è vincere il Mondiale MotoGP”

Legazpiarra Xabi Zurutuza è in Italia con il suo nuovo team, il Team MTA, con il quale correrà nella Moto3 Junior / .

A soli 16 anni, è una delle promesse motociclistiche del governo. Niente lo spaventa. O fare jogging a una velocità di 310 km / h. Nonostante la sua giovinezza, Xabi Zurutuza (Legazpi, 2006) ha mostrato una straordinaria capacità di comunicare. È stato due volte Campione di Spagna e ora sta saltando in Moto3 Junior. Tutto va bene.

– Da quanto tempo sei su una moto?

Bene, guido una moto da quando avevo due anni e mezzo fino ad ora, quando ne ho sedici. L’anno scorso ho gareggiato nella Hawkers Cup for Talent, e quest’anno sto saltando nel World Junior Moto 3 Championship.

Cosa ti dicono i tuoi genitori?

– Beh, mi hanno sostenuto a morte. La padrona ha avuto difficoltà a guardare le gare, ma a mio padre piace davvero guardarmi. Anche le mie padrone mi seguono, ovviamente, ma le padrone stanno passando un periodo peggiore con questo sport. Mio fratello maggiore ha 26 anni e il fratello di mezzo ne ha 24, ed entrambi mi danno consigli. Quando ero giovane li ho visti in sella a una moto e mi hanno colpito con una passione.

– Per determinare la nostra posizione. Hai iniziato da Supermotard, vero?

– Se quello. Ho iniziato con la Supermotard, una moto da cross con ruote da strada. Sono arrivato terzo in Spagna nel 2017. Nel 2018 sono stato un campione della 85cc e nel 2019 e 2020 sono stato due volte campione della 250cc per la Spagna. Sono stato anche 3° nel 2020 in termini di velocità, che è un altro modo.

READ  Robinho viene ceduto al Brasile

– E come si può saltare per competere in uno sport così costoso?

– Ebbene, quando avevo cinque anni, mi hanno iscritto in una scuola gestita da Jorge Lorenzo in Navarra. Lì stavo avanzando nel campionato interscolastico. Prima una piccola moto, poi una 65cc…fino a quando non salti nella Supermotard.

Le motociclette sono ampiamente utilizzate nell’area di Euskadi?

– Non è un posto dove ci sono molti tifosi come Valencia, Catalogna, Aragon… La cosa brutta è che non ci sono molte piste ed è molto brutto per me allenarmi perché devo viaggiare molto nei fine settimana. Ci sono piloti che hanno piste di 15 chilometri.

– Hai anche un fan club, giusto?

– Organizzato da alcuni amici di Legazpi. Collezioniamo vestiti come magliette, guanti ecc… È bello avere così tante persone che ti supportano, mi rendono felice.

– Ha firmato per la MTA e ha incontrato la squadra in Italia due settimane fa. Com’è stata l’esperienza?

Ebbene, molto contento, mi fa correre nei Campionati Mondiali Junior Moto3. Due settimane fa ero con mio padre e mio zio in Italia, dove sono stato presentato come un nuovo pilota. Il mio capo è un pilota, ha corso i campionati del mondo. Non è un normale caposquadra, può aiutarti più di altri perché era un pilota come te.

“Sono un pilota feroce; amo scivolare e sfrecciare in curva. Se non ti fermi, allora lo sono.

– Hai anche grandi sponsor dietro di te.

– Si si. Quest’anno indossare l’airbag sta diventando obbligatorio e le tute diventeranno molto più costose… e avere un marchio come Dainese e AGV come casco, è latte. È il marchio che ha sponsorizzato Rossi.

– Quello che non cambia è il suo numero, 85, giusto?

– No, no, non quello. Nel campionato interscolastico indossavo 137 e la gente me lo prendeva. Io ho indossato il 37 e me lo sono tolto anche loro. Poi ho indossato un 85 perché coincideva con la morte di Simoncelli. Aveva 58 anni e siccome mi piaceva, l’ho acceso.

Com’è la tua giornata e dove ti alleni di solito?

– Vado a scuola dalle 8:00 alle 14:15 e frequento la quarta elementare dell’ESO. Poi alle 17 vado in palestra con mio zio che lavora come personal trainer. Durante la settimana faccio fitness e nei fine settimana vado in bicicletta. Di solito vado ad Aragon, Valencia, Villarcayo… Cerchiamo piste sicure perché mi alleno con bici forti.

Come saranno i Mondiali?

– Bene, in otto corsi faremo dodici prove diverse e nel fine settimana abbiamo un violino. Quest’anno correremo in Spagna e Portogallo e anche a Misano, in Italia. Non ho mai girato a Portimão, in Portogallo, e al momento è ciò che amo di più, insieme a Montmelo.

“Ho raggiunto i 310 km/h. Se hai paura che ti consiglierò di abbandonare questo sport, non sputarlo”

– Sembra fiducioso. Qual è l’obiettivo dell’anno?

– Voglio essere in prima fila e poi fare del mio meglio. Di ciò sono soddisfatto. Il mio obiettivo è entrare in Moto3 e per questo dobbiamo vincere il titolo, perché loro hanno alzato l’età a diciotto anni. Quindi o vinco o devo aspettare un altro anno per ottenere la promozione.

Cosa sognava Xavi Zorotoza?

– Beh, immagina, da quando avevo due anni e mezzo in moto… Il mio obiettivo fin da bambino era quello di essere il Campione del Mondo MotoGP. Ci vado.

– Come ti definisci pilota?

Ci sono molti stili quando si tratta di guidare, ma mi definirei un pilota aggressivo. Buono come la parola, non è vero? Mi piace molto il controllo della moto, lo scivolamento, la corsa in curva. Sono una di quelle persone che pensano “se non smetti, nemmeno io”.

– E tu non hai paura?

– Se hai paura quello che consiglio è di abbandonare questo sport. Se hai paura, non dargli gas. Devi rispettare, ma non aver paura. Ho corso in gare a 250 km/h ma fuori campionato ho raggiunto i 310 km/h.