Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Votazioni in Francia: il duello tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen è ambientato in un clima di malcontento sociale

Diffidenza. Le elezioni, indipendentemente da chi viene scelto come presidente, rifletteranno la discrepanza tra cittadini e leader politici. Oltre alla sfida futura del progetto europeo.

Il match di ritorno tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen. I francesi decidono in un duello già presente durante le precedenti elezioni presidenziali. Una giornata che riflette, oltre al futuro destino della Francia, il clima sociale che si sta ripetendo all’interno delle democrazie occidentali. I risultati avranno effetto su progetto francesema anche in Il futuro dell’alleanza europea.

ca 49 milioni di elettori idonei sono invitati a votare domenica per determinare chi assumerà la presidenza per i prossimi cinque anni.. Due suggerimenti: Rinnovare il mandato del capo di stato centrista e in carica o portare alla presidenza il leader del partito di estrema destra, Agrupación Nacional (RN).

Ai seggi elettorali, aperti dalle 8 in tutto il Paese, a 15 giorni dal primo turno, comincerà a svelarsi la tabella di marcia presentata dai francesi al Paese, dopo Una campagna che è stata particolarmente colpita dalle crisi di questi tempi. Dal COVID-19 alla guerra in Ucraina. Da un lato, entrambi possono rafforzare la base centrale del capo di stato uscente. per durare, Marine Le Pen può sfruttare le paure popolari della Francia che non è riuscita a simpatizzare con la politica e la personalità di Emmanuel Macron. Cittadini, che risentono principalmente delle conseguenze di un mondo in conflitto.

Emmanuel Macron, 44 anni, chiede la rielezione alla presidenza della Quinta Repubblica a suffragio universale al di fuori della convivenza. Un ex banchiere d’affari, ex ministro dell’Economia per il socialista François Hollande, è diventato il più giovane presidente della repubblica nel 2017, a soli 39 anni. Marine Le Pen, un avvocato di 53 anni, è in corsa per il suo terzo spettacolo all’Eliseo e questa volta spera di trasformare la competizione in una vittoria. L’avversario di estrema destra per lungo tempo è stato eletto al Parlamento europeo e ora è membro del Pas-de-Calais.

READ  Berlino ha avvertito delle terribili conseguenze per il gasdotto russo-tedesco se Mosca invaderà l'Ucraina

Contrariamente a quanto dicono i sondaggi d’opinione, una volta chiusi i seggi, circa 19 ore in tutto il paese e 20 ore nelle principali città, le elezioni ripetono il malcontento sociale al primo turno. Una comunità scettica non si aspetta miglioramenti. Cattivo umore all’interno delle democrazie occidentali, soprattutto tra i settori più vulnerabili. E mentre i sondaggi d’opinione prevedono la vittoria di Macron, l’estrema destra sta restringendo i margini come mai prima d’ora.

Gli avversari, nonostante i numeri che hanno raggiunto, dovranno affrontare un’altra sfida: Incompatibilità tra cittadini e politica. Il tasso di partecipazione sarà un altro dato importante domenica. Un’astensione potenzialmente ampia dal voto illustrerebbe questa sfiducia. Qualunque sia il margine di profitto, L’elezione non conferisce la volontà della comunità allargata, ma ne fa parte. Il presidente arriverà all’Eliseo con oltre il 60% degli elettori che hanno scelto di votare al primo turno per altri candidati. Ma anche con l’assenteismo che può arrivare fino al 25%. TTutti formano una base di orfani elettorali che non sono in grado di indirizzare le loro aspirazioni al sistema attuale.

Il secondo turno.  Due modelli di due paesi si affrontano domenica in Francia.
Il secondo turno. Due modelli di due paesi si affrontano domenica in Francia.

In termini continentali, i risultati potrebbero anche essere un disastro per la joint venture europea. La vittoria dell’estrema destra, cioè per Le Pen, farebbe salire al potere il radicalismo politico, almeno dopo la seconda guerra mondiale, in un Paese che è stato la culla delle democrazie liberali, lo stato fondatore dell’Unione Europea e un attore centrale nelle deliberazioni globali. Sullo sfondo della Brexit, la Germania senza Angela Merkel e la guerra sul suo suolo, un presidente nazionalista radicale, amico di autocrati come Vladimir Putin o Viktor Orbán, arriverà come uno dei membri essenziali della costruzione della società.

READ  Stanno valutando i bonus di fine anno: a chi li daranno e quanto ammonteranno?

Secondo round e oltre?

dopo i risultati Primo risultato provvisorio stasera Il vincitore sarà noto a meno che la differenza non sia troppo piccola.

Il Ministero dell’Interno annuncerà i risultati definitivi nelle prossime ore, molto probabilmente lunedì 25 aprile. Sarà ufficializzato dal Consiglio costituzionale mercoledì 27 aprile e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il giorno successivo.

Stasera, ci sono due possibili scenari. Se vince Marine Le Pen, il capo dello Stato e il suo successore devono concordare la data dell’inaugurazione, che deve svolgersi entro il 13 maggio. Di solito segue un protocollo consolidato: trasferimento dei poteri, passaggio di consegne del regime, discorso del presidente eletto, onorificenze militari, sono tra i momenti salienti.

I seggi elettorali nelle principali città, come Parigi, rimarranno aperti fino alle 20:00 di domenica.  I risultati sono attesi entro fine giornata.
I seggi elettorali nelle principali città, come Parigi, rimarranno aperti fino alle 20:00 di domenica. I risultati sono attesi entro fine giornata.

Il nuovo inquilino dell’Eliseo potrebbe quindi nominare un primo ministro “molto rapidamente”, lo stesso giorno o il successivo. Sarà responsabile della formazione del governo il prima possibile.

Nel caso della rielezione di Emmanuel Macron, la procedura di mandato è notevolmente ridotta. Il presidente in carica, se rieletto, avrebbe la possibilità di nominare il suo primo ministro senza attendere la cerimonia o l’annuncio dei risultati, ma potrebbe anche decidere di aspettare qualche giorno.

Una volta formato il governo, ci sarà un trasferimento di poteri nei vari ministeri. Salvo sorpresa, presiederà la presidenza fino alle elezioni legislative previste per il 12 e 19 giugno, al termine delle quali probabilmente ci sarà una nuova formazione politica nel governo e nel Paese. Un’altra sfida.

Continuare a leggere: