Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vogliamo costruire un grande paese?

Salta, Argentina

La nota “Il antinatalismo è l’unico ‘successo’ di questo sforzo: 250.000 nascite in meno all’anno in Argentina”, pubblicato in infobae, dovrebbe suscitare un grande dibattito nel Paese. Perché la cosa più grave che è stata ben sottolineata in quell’importante articolo è che i legislatori di entrambe le parti hanno incontrato una “spaccatura” nelle politiche e nelle misure che cercano di limitare il tasso di natalità dell’Argentina. Ognuna delle iniziative, risoluzioni e decreti promuove la stagnazione e Diminuzione della popolazione dell’Argentina È stato lacerato, come il ruolo dei legislatori delle coalizioni

Ho dimenticato l’Argentina per molto tempo L’importanza della demografia Nell’economia e nel potenziale degli Stati come li definiva Marx un secolo e mezzo fa. Nel nostro paese era un’ossessione papiro S Sarmiento. Due personaggi che erano amici e si sono feriti a vicenda, ma hanno deciso di trovare il modo di trasformare questo paese in una nazione grande, prospera, civile, istruita e prestigiosa nel mondo.

Abbiamo un’area continentale che è il 10% più piccola dell’India e il 4% della sua popolazione. Gran parte del paese è deserto Il famigerato squilibrio demografico. Questi sono i problemi dell’Argentina, non il destino giudiziario di una famiglia che cerca fortuna in politica, anche a costo di cadere nella criminalità.

Come se non bastasse, alcune politiche cercano l’equilibrio regionale, come scandaloso Schemi di promozione industriale che esistevano nelle varie province e provincie dell’attuale vigente nella Terra del Fuoco, servivano solo per evasione fiscale, corruzione e aumento dei costi sui consumatori con scarsa incidenza sull’occupazione, che invece si sarebbe potuta ottenere attraverso attività redditizie e senza i suddetti vizi.

Negli anni ’60, la Banca Mondiale iniziò a promuovere una riduzione del tasso di natalità nella regione, sostenendo che la povertà non poteva diminuire a causa di un aumento esagerato del tasso di natalità.

READ  Hijos de Rivera è stata selezionata tra le migliori aziende per cui lavorare in Europa

La popolazione argentina è raddoppiata nei 25 anni dal censimento del 1869 al 1894 e nei 20 anni tra quell’anno e il 1914. Tuttavia, in quei due decenni il reddito pro capite è quadruplicato. La popolazione crebbe non solo per le nascite nel territorio ma anche per la forte corrente di immigrazione.

nel 1869 Brasile La sua popolazione era cinque volte maggiore di quella dell’Argentina. L’apertura all’immigrazione ha permesso di ridurre la differenza a tre brasiliani rispetto a un argentino nella prima metà del secolo scorso. Ma ora di nuovo Il rapporto è di cinque a uno.

Il graduale calo della natalità fu accolto dall’emigrazione. Per questo motivo, dopo 33 anni tra il censimento del 1914 e quello del 1947, la popolazione raddoppiò nuovamente. Se questa tendenza fosse stata mantenuta oggi, la popolazione dell’Argentina sarebbe di 62 milioni.

Sebbene i saldi sull’immigrazione siano positivi, non bastano a compensare il calo della natalità. Come se avessimo un problema di sovrappopolazione, insistono alcuni frenare l’immigrazione, probabilmente perché appartengono a paesi della regione. Tuttavia, l’autore di questo è stato criticato 30 anni fa quando ha suggerito in una pubblicazione che, con il crollo del blocco comunista, portare diversi milioni di immigrati dall’Europa orientale. È una mentalità da piccolo paese. Forse la guerra europea con le sue ripercussioni sui profughi potrebbe darci un’altra opportunità per accogliere più immigrazione, anche se sicuramente si alzeranno le voci negative di chi teme la sovrappopolazione e la sfida che essa comporta per moltiplicare la ricchezza. Siamo lontani dai cento milioni di abitanti che Sarmiento sognava di “occupare e popolare tutte le terre della repubblica”. Ottant’anni fa, Alejandro Pong ha avvertito di un basso tasso di crescita della popolazione.

READ  L'ultimo bar in Italia il cui caffè costa ancora 70 centesimi

lui è fallacia Affermare che un calo del tasso di natalità rende possibili migliori standard di vita, e un altro errore, da confrontare con paesi con territori piccoli e scarsamente popolati. Prendiamo ad esempio l’Italia, che ha un tenore di vita molto più alto dell’Argentina, con una superficie di 302.000 chilometri quadrati, che è inferiore alla provincia di Buenos Aires, che conta 59 milioni di abitanti, o l’isola della Gran Bretagna , che conta quasi 69 milioni di abitanti. In 203 mila chilometri quadrati.

In Argentina siamo troppo numerosi per essere Norvegia o Irlanda, come dicono alcuni. La nostra regione è quasi uguale a tutti i paesi dell’Europa occidentale, e siamo troppo pochi per avere un’economia su larga scala e, soprattutto, insistere per chiuderla alla concorrenza con le distorsioni previste con queste sciocchezze.

Le terre vaste e scarsamente popolate di un mondo di otto miliardi di persone tentano il destino della nostra sovranità nazionale su di loro. La sovranità è più sicura con dieci milioni di persone nel sud che con due divisioni dell’esercito in quella zona.

espandere confini agricoli Con un programma per espandere le aree irrigate, e che l’attuale siccità, come il suo predecessore nel 2018, indica un urgente bisogno di affrontarla, richiederà un aumento della popolazione di quelle terre.

Il Rio Negro e il Bermjo consentono di aumentare la superficie irrigata rispettivamente di due milioni e un milione. Il potenziamento del sistema di irrigazione del Rio Dulce a Santiago del Estero potrebbe raddoppiare i 140.000 ettari con diritti di irrigazione esistenti.

La conversione di cereali e semi oleosi in carne e produzione industriale genererà molti posti di lavoro, come la conversione di gas e petrolio non solo in carburante ma in prodotti come i fertilizzanti per l’agricoltura. Sono questi i temi dell’agenda futura, non molto diversi da quelli che hanno permesso alla generazione degli anni Ottanta di fare un grande salto in avanti.

READ  L'OCSE avverte di una zona euro debole da agosto

C’è molto da ricostruire, come le ferrovie, e molto da costruire, come le autostrade interurbane, le reti idriche e fognarie per tutte le famiglie e lo sradicamento della vergogna delle baraccopoli.

Ecco perché si può sostenere che per funzionare occorrono lavoro e armi. Sistema, moneta sonante, rispetto dei contratti e del credito.

La popolazione, l’educazione, la pace e l’amministrazione sono mezzi e obiettivi attuali e questo, se attivato, ci farà recuperare la nostra posizione e rango nel mondo e garantire l’innalzamento del tenore di vita del popolo argentino.

Più siamo numerosi, maggiori sono le probabilità di successo, per questo vale la domanda affrontata in questa nota: Vogliamo essere un grande Paese? Questa era la pretesa dei Padri Fondatori.

Continuare a leggere: