Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vladimir Putin tiene in mano la temperatura dell’Europa: cosa accadrà quando il gas sparirà

da Parigi

Se l’autunno e l’inverno europei successivi fossero per due mesi freddi come l’estate, l’Europa passerebbe da un regime di benessere a un regime di sacrificio: Ogni settimana la guerra in Ucraina segnala una crisi energetica Più alto per mancanza di idrocarburi russi. La Guerra Fredda compare in ogni frase dei leader dell’Unione Europea. E anche quella che, cinque mesi fa, sembrava una metafora si è già radicata nella realtà: la famosa “sobrietà energetica” è entrata nei programmi politici, nei discorsi e nelle azioni dei leader dell’UE, sia individualmente che congiuntamente.

L’ultima persona convocata è stata il presidente francese. 14 luglio scorso Emanuele Macron Hanno approfittato della tradizionale intervista della Giornata nazionale francese per suggerire che la guerra in Ucraina “continuerà” e in questo contesto sarebbe necessario “prepararsi a una situazione in cui dobbiamo fare a meno del gas russo”. Mosca di usare il gas come “arma di guerra” e ha invitato la comunità a “entrare nella logica della sobrietà per ridurre i consumi”. Questo basso consumo energetico inizia quest’estate con un piano per la pubblica amministrazione e i grandi gruppi per ridurre i consumi. In questo disastroso clima energetico, il ministro dell’Economia tedesco ha rilasciato dichiarazioni, Robert Habeck: “L’inverno sarà fondamentale e dobbiamo prepararci il più possibile”.

Sobrietà attiva

Non ci sono ancora segni da nessuna parte della tanto decantata “sobrietà energetica” per la cui assenza, all’inizio della guerra, si biasimava la società, come se il sistema stesso non avesse sprecato energie. Parigi, per ora, è ancora illuminata come al solito. Le strade ei viali sono fuochi d’artificio e nelle finestre e nelle sbarre gli schermi non sono esplosi. Nonostante tutto, a poco a poco, le persone si preparano a quello che sarà un inverno in cui i consumi energetici diminuiranno. Vladimir Putin ha nelle sue mani il comfort climatico dei cittadini europei e il tono e il corso della guerra mostrano che gli idrocarburi saranno più variabili nel conflitto rispetto a prima.

READ  Horror: Teen uccide una bambina di 10 anni e confessa qualcosa di orribile | Cronaca

Il picco iniziò ad avvicinarsi quando la Russia stava riducendo le forniture di gas a paesi come la Germania, l’Austria e gli stati baltici. Quindi appena il 40 percento del volume di gas concordato è stato raggiunto quando Gazprom ha chiuso il gasdotto Nord Stream 1 per motivi di “manutenzione”. Il Nord Stream 1 percorre 1.200 chilometri sotto il Mar Baltico e raggiunge direttamente la costa tedesca. È stata, fino a poche settimane fa, la principale fonte di approvvigionamento dopo che Mosca ha chiuso il gasdotto Yamal-Europa e ridotto il flusso di gas che passa attraverso l’Ucraina.

Non una goccia di gas è passata attraverso il Nord Stream 1 da lunedì 11 luglio e nessuno, infatti, è in grado di prevedere cosa accadrà effettivamente durante l’inverno. Da metà giugno, il Nord Stream 1 ha trasportato poco gas perché, secondo Mosca, una delle turbine che lo alimentano (Siemens) è stata inviata in Canada per la riparazione e il Canada si è rifiutato di restituirla a causa delle sanzioni internazionali contro la Russia. Il Canada ha promesso di reintegrarlo, ma gli europei sono convinti che Vladimir Putin utilizzerà il gas come regolatore per una crisi che non richiederà molto tempo prima che si verifichi una carenza di idrocarburi. Il prossimo 21 luglio, Nord Stream 1 dovrebbe andare in diretta, ma quella data è più una roulette russa che una certezza. “Non sarebbe una sorpresa se Gazprom ci dicesse: abbiamo rilevato un problema, non possiamo riattivare il gasdotto Nord Stream 1”, ha affermato il ministro dell’Economia tedesco Habeck.

L’Europa si prepara al peggio

Per questo, nonostante la grande incertezza, l’Europa si prepara al peggio senza privarsi di intervenire nel conflitto. Piange per il petrolio e il gas russi mentre continua a inviare aiuti militari in Ucraina, un gesto che il presidente russo considera una dichiarazione di guerra dell’Occidente.

READ  "Non mi hanno nemmeno guardato": la moglie di Marcelo Picci ha fornito i dettagli dell'omicidio del pm paraguaiano.

Prima della guerra, il gas russo rappresentava il 40% delle importazioni dell’UE. Un taglio completo delle forniture di energia avrebbe conseguenze più gravi per la Germania perché Berlino fa affidamento sul gas russo (49%) molto più di Francia, Italia o Spagna. “Dobbiamo prepararci a una riduzione completa da parte della Russia”, ha detto al Parlamento europeo la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

In questo gioco di armi ed energie, la Russia è sempre stata davanti agli europei, e non solo in materia militare. Per mesi e mesi, i leader dell’Unione Europea hanno minacciato di imporre un divieto generale sul gas dalla Russia. Non l’hanno mai fatto. Invece, in qualche modo, la Russia ha deciso di mettersi al bando e privare gli europei del plauso politico per quella punizione: ha iniziato a tagliare il gas a Polonia e Bulgaria, poi a Finlandia, Paesi Bassi e Danimarca, e a giugno, quando il Nord Stream 1 è entrato nel zona di “manutenzione”, la privazione del gas si è estesa a Germania, Italia, Francia, Austria, Repubblica Ceca e Slovacchia. Complessivamente, secondo i dati forniti dal commissario europeo all’energia, Kadri Simson, le spedizioni di gas russe rappresentano oggi la metà di quanto realizzato nello stesso periodo del 2021.

L’Europa vive di una sorta di cauta allerta. Organizza molto lentamente la sua storia per i cittadini senza che il discorso abbia in questo momento un carattere urgente o drammatico. A due anni dall’epidemia, nessuno vuole spaventare la popolazione con misure per regolare i consumi energetici. Tuttavia, queste misure, se non cambia nulla, sono inevitabili.

Il 20 luglio la Commissione Europea invierà agli Stati membri un piano di emergenza per ridurre la domanda di energia. All’interno del comitato le differenze sono enormi. I tedeschi propugnano un piano per razionalizzare il consumo dell’attività industriale. Paesi come la Francia si oppongono a questo principio a causa dell’alto costo sociale (disoccupazione) e optano per un approccio diversificato.

READ  Almeno 50 persone sono morte in un tornado in Kentucky

Per l’Europa, è necessario resistere a due anni di freddo in modo che gli attori dell’energia oceanica possano fare la loro parte. Già prima della guerra, la Russia vendeva circa 155 miliardi di metri cubi di gas a 27 paesi dell’Unione Europea. L’Europa prevede che entro un anno Stati Uniti, Egitto, Qatar, Norvegia, Azerbaigian e Africa occidentale saranno in grado di fornire un terzo di quanto fornito dalla Russia.

Prenotazioni

Le riserve di gas in Europa sono riempite del 56% e si prevede che raggiungeranno l’80% entro novembre grazie alle importazioni alternative, principalmente dagli Stati Uniti. Questa è la versione rosa, e l’altra è meno rispettosa dell’Europa. Non importa quanti vertici e piani vengono fatti, paesi come la Germania hanno società abbastanza forti per negoziare l’acquisto di gas sul mercato internazionale ai migliori prezzi. Questo in realtà è accaduto alcuni mesi fa e ha portato a un aumento dei prezzi del gas che ha danneggiato altri paesi dell’UE che si sono rifugiati nello stesso mercato.

Gli europei godranno di un’estate tranquilla e senza restrizioni. Il conto arriverà in autunno quando la “sobrietà energetica” inizierà a prendere forma e poi le luci dovranno essere spente, consuma meno riscaldamento (la Germania ha già impostato la temperatura massima nelle aziende a 20 gradi), stacca la spina o spegni prima in modo permanente gli elettrodomestici nei negozi. L’urgenza climatica, l’urgenza energetica e la guerra riprogetteranno le forme di comunicazione sociale e di consumo nei prossimi anni.

[email protected]